Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
 
 
Articolo di: sabato, 21 gennaio 2017, 12:11 p.

Val Vigezzo, fronte comune contro i migranti

Dopo la diffida, altri sindaci si alleano all’Unione

SANTA MARIA MAGGIORE - La Valle Vigezzo fa fronte comune contro l’arrivo di nuovi profughi: “Basta migranti!”. Ad esigerlo, con fermezza, sono i sei sindaci dell’Unione Montana Valle Vigezzo i quali hanno inviato una missiva al Prefetto, al presidente del Ciss Ossola e ai colleghi sindaci ossolani. Dopo la diffida spedita lunedì dal sindaco di Druogno, sempre all’indirizzo di Prefettura e Ciss, ora scendono in campo gli altri sei sindaci vigezzini. «La Valle Vigezzo conta nel suo complesso poco più di seimila abitanti distribuiti in sette Comuni distanti pochissimi chilometri l’uno dall’altro – scrivono Paolo Giovanola (Craveggia),Enrico Barbazza (Malesco),Claudio Cottini (Santa Maria Maggiore),Oreste Pastore (Re),Tiziano Ferraris (Toceno) e Pierangelo Adorna (Villette) -. In tale contesto sono oggi ospitati, in accordo col Ciss, migranti in una struttura di Craveggia (grazie alla disponibilità del sindaco e della comunità di quel Comune che ha messo a disposizione un edificio nel tempo ristrutturato con fondi di tutti i comuni vigezzini) e a Re per mezzo di un accordo intervenuto tra una cooperativa e una struttura privata con l’avallo della Prefettura». I sei sindaci dell’Unione vigezzina spiegano: «Come più volte rimarcato al Prefetto, anche recentemente in occasione dell’incontro pubblico in municipio a Re, tali numeri sono già ampiamente al di sopra di ogni auspicabile forma di corretta integrazione che non può prescindere da forme di cooperazione tra migranti ed istituzioni, con impiego degli stessi in progetti, siano essi sociali, lavorativi o istituzionali, che consentano loro di essere seguiti e di non sentirsi abbandonati a loro stessi. Ciò è quello che i sindaci dei comuni di questa valle hanno fatto e stanno facendo in questi mesi. Ma è incontrovertibile che un numero elevato non consentirebbe queste attività con conseguenze facilmente ipotizzabili fin nell’immediato e poi nel momento in cui verranno a cessare i sussidi governativi». Il dito viene quindi puntato sui numeri, ben al di sopra dell’aliquota del 2,5 migranti ogni mille abitanti stabilito dall’accordo Anci-Ministero. «I Comuni vigezzini raggiungono oggi il 9 per mille, nessun’altra valle conta questi numeri». Infine il monito: «I recenti fatti accaduti riguardanti la disponibilità da parte di privati che mettono a disposizione strutture a scopo accoglienza di ulteriori migranti – concludono i sei amministratori valligiani – sta creando un diffuso malumore collettivo con discussioni democratiche ma molto ferme che ci auguriamo possano rimanere circoscritte in ambiti civili».

Marco De Ambrosis

 

 

Articolo di: sabato, 21 gennaio 2017, 12:11 p.

Dal Territorio

Tutti gli appuntamenti del weekend

Tutti gli appuntamenti del weekend
SABATO 16 DICEMBRE NOVARA La stagione degli affetti La rassegna “La stagione degli affetti” del Civico Istituto Musicale Brera propone, nell’auditorium “Annalisa Torgano” di  viale Verdi 2 , il concerto “Da Bach: la letteratura per flauto”. Suonano al flauto Sara Ansaldi, Sofia Bevilacqua, Viviana Ferrari, Isabella, Mancin, Alessia Bellini,(...)

continua »

Altre notizie

Igor Volley, brutto esordio in Champions

Igor Volley, brutto esordio in Champions
TREVISO - Esordio amaro in Champions per la Igor Novara uscita sconfitta dal PalaVerde di Treviso in 4 set da una Imoco Conegliano che, in formato Europa, si è dimostrata nettamente superiore. Certo una bella mano gliel'ha data la squadra azzurra, in campo per tre set, quelli persi, giocati senza nerbo, con un atteggiamento totalmente non consono all’impegno, fallosa(...)

continua »

Altre notizie

Biotestamento: anche i senatori novaresi hanno votato a favore

Biotestamento: anche i senatori novaresi hanno votato a favore
Dopo uno stallo durato otto mesi e forti tensioni all'interno della maggioranza tra Pd e centristi, appelli di senatori a vita e sindaci di tutta Italia, il biotestamento incassa il via libera definitivo dell'aula di Palazzo Madama e diventa legge dello Stato. La legge che regola il fine vita è stata approvata con 180 sì, 71 contrari e sei astensioni. Hanno votato sì(...)

continua »

Altre notizie

Weekend sulle piste del Rosa

Weekend sulle piste del Rosa
MACUGNAGA -Per gli appassionati dello sci, impianti aperti ai piedi del Rosa. Con il weekend di Sant’Ambrogio e dell'Immacolata, si è dato il via alla stagione sciistica. Sole e condizioni ottimali per questo atteso ponte di vacanza sulla neve che ha favorito l’arrivo di molti turisti. Per il primo giorno l’apertura è stata limitata alla prima seggiovia: il tratto(...)

continua »

Altre notizie

^ Top