Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 18 febbraio 2018
 
 
Articolo di: sabato, 21 gennaio 2017, 12:11 p.

Val Vigezzo, fronte comune contro i migranti

Dopo la diffida, altri sindaci si alleano all’Unione

SANTA MARIA MAGGIORE - La Valle Vigezzo fa fronte comune contro l’arrivo di nuovi profughi: “Basta migranti!”. Ad esigerlo, con fermezza, sono i sei sindaci dell’Unione Montana Valle Vigezzo i quali hanno inviato una missiva al Prefetto, al presidente del Ciss Ossola e ai colleghi sindaci ossolani. Dopo la diffida spedita lunedì dal sindaco di Druogno, sempre all’indirizzo di Prefettura e Ciss, ora scendono in campo gli altri sei sindaci vigezzini. «La Valle Vigezzo conta nel suo complesso poco più di seimila abitanti distribuiti in sette Comuni distanti pochissimi chilometri l’uno dall’altro – scrivono Paolo Giovanola (Craveggia),Enrico Barbazza (Malesco),Claudio Cottini (Santa Maria Maggiore),Oreste Pastore (Re),Tiziano Ferraris (Toceno) e Pierangelo Adorna (Villette) -. In tale contesto sono oggi ospitati, in accordo col Ciss, migranti in una struttura di Craveggia (grazie alla disponibilità del sindaco e della comunità di quel Comune che ha messo a disposizione un edificio nel tempo ristrutturato con fondi di tutti i comuni vigezzini) e a Re per mezzo di un accordo intervenuto tra una cooperativa e una struttura privata con l’avallo della Prefettura». I sei sindaci dell’Unione vigezzina spiegano: «Come più volte rimarcato al Prefetto, anche recentemente in occasione dell’incontro pubblico in municipio a Re, tali numeri sono già ampiamente al di sopra di ogni auspicabile forma di corretta integrazione che non può prescindere da forme di cooperazione tra migranti ed istituzioni, con impiego degli stessi in progetti, siano essi sociali, lavorativi o istituzionali, che consentano loro di essere seguiti e di non sentirsi abbandonati a loro stessi. Ciò è quello che i sindaci dei comuni di questa valle hanno fatto e stanno facendo in questi mesi. Ma è incontrovertibile che un numero elevato non consentirebbe queste attività con conseguenze facilmente ipotizzabili fin nell’immediato e poi nel momento in cui verranno a cessare i sussidi governativi». Il dito viene quindi puntato sui numeri, ben al di sopra dell’aliquota del 2,5 migranti ogni mille abitanti stabilito dall’accordo Anci-Ministero. «I Comuni vigezzini raggiungono oggi il 9 per mille, nessun’altra valle conta questi numeri». Infine il monito: «I recenti fatti accaduti riguardanti la disponibilità da parte di privati che mettono a disposizione strutture a scopo accoglienza di ulteriori migranti – concludono i sei amministratori valligiani – sta creando un diffuso malumore collettivo con discussioni democratiche ma molto ferme che ci auguriamo possano rimanere circoscritte in ambiti civili».

Marco De Ambrosis

 

 

Articolo di: sabato, 21 gennaio 2017, 12:11 p.

Dal Territorio

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Lite a Cerano con accoltellamento: a processo uno per tentato omicidio, l’altro per lesioni

Lite a Cerano con accoltellamento: a processo uno per tentato omicidio, l’altro per lesioni
NOVARA, E’ stato aggiornato all’11 maggio, in Tribunale a Novara, un processo che vede al centro del dibattimento una lite che, a Cerano, nella tarda serata del 22 maggio 2015, si era conclusa con due feriti, uno più grave (che era finito in ospedale in Rianimazione) e uno più lieve. L’episodio era avvenuto in piazza Crespi. In quell’occasione due(...)

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

^ Top