Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 19 febbraio 2018
 
 
Articolo di: martedì, 14 marzo 2017, 10:34 m.

Truffa da un milione di euro a un disabile: gli avevano promesso di poter tornare a camminare

In tre alla sbarra e condannati

NOVARA, Tre condanne, ieri mattina in Tribunale a Milano, per una truffa ai danni di un giovane paraplegico, ingannato con la promessa di una cura che gli avrebbe permesso – stando agli imputati – di guarire.

Il giovane, trent’anni, milanese, era rimasto paralizzato agli arti inferiori dopo un grave incidente stradale. Un imprenditore novarese, assistito al processo dall’avvocato Marco Milan, l’aveva così avvicinato, proponendogli l’occasione della vita: poter tornare a camminare. “Con le cure che abbiamo nella nostra società e, soprattutto grazie ai risultati ottenuti nel campo della medicina militare, sapremo risolvere il tuo problema, operandoti in Svizzera”. Il giovane aveva accettato subito, sperando di poter tornare così a camminare. Era però una truffa e, nel raggiro, il giovane aveva anche dovuto consegnare all’uomo che l’aveva avvicinato un milione di euro.

Ieri l’imprenditore novarese, Alberto Bordino, di 51 anni, ora residente fuori provincia, è stato condannato a un anno e mezzo di reclusione. Nel luglio del 2015 la vittima era stata interamente risarcita e per questa ragione non si è costituita parte civile al processo. Con il novarese erano alla sbarra altri due uomini, soci della Kafka Service International di Collina d’Oro, comune del Canton Ticino. Per Tiziano Perfetti di Monza, 65 anni, un anno e 8 mesi, per Enrico Marzolla, di 54 anni, di Como, un anno e mezzo. I tre, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, avevano fatto credere al giovane paraplegico che avrebbe potuto recuperare l’uso delle gambe grazie a un rivoluzionario intervento chirurgico, da portare avanti in una clinica elvetica, che sarebbe stata di proprietà di Perfetti. Perché si realizzasse l’intervento, sarebbe stato sufficiente che la vittima entrasse nella società come finanziatore. Serviva un milione di euro. Il trentenne c’era cascato e aveva consegnato quei soldi nel maggio del 2013. Poi la scoperta della truffa.

Monica Curino

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola giovedì 16 marzo

 

Articolo di: martedì, 14 marzo 2017, 10:34 m.

Dal Territorio

Controlli su migliaia di veicoli ad Arona

Controlli su migliaia di veicoli ad Arona
ARONA - Vigili urbani aronesi impegnati sulle strade e in città. E’ l’assessore alla Polizia locale Matteo Polo Friz a dare un breve excursus dell’attività di questi giorni messe in campo dagli agenti con lo scopo di dare una fotografia dei diversi compiti. «Sono diversi i controlli effettuati in questi mesi e soprattutto in questi giorni anche grazie(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top