Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 30 maggio 2017
 
 
Articolo di: martedì, 14 marzo 2017, 10:34 m.

Truffa da un milione di euro a un disabile: gli avevano promesso di poter tornare a camminare

In tre alla sbarra e condannati

NOVARA, Tre condanne, ieri mattina in Tribunale a Milano, per una truffa ai danni di un giovane paraplegico, ingannato con la promessa di una cura che gli avrebbe permesso – stando agli imputati – di guarire.

Il giovane, trent’anni, milanese, era rimasto paralizzato agli arti inferiori dopo un grave incidente stradale. Un imprenditore novarese, assistito al processo dall’avvocato Marco Milan, l’aveva così avvicinato, proponendogli l’occasione della vita: poter tornare a camminare. “Con le cure che abbiamo nella nostra società e, soprattutto grazie ai risultati ottenuti nel campo della medicina militare, sapremo risolvere il tuo problema, operandoti in Svizzera”. Il giovane aveva accettato subito, sperando di poter tornare così a camminare. Era però una truffa e, nel raggiro, il giovane aveva anche dovuto consegnare all’uomo che l’aveva avvicinato un milione di euro.

Ieri l’imprenditore novarese, Alberto Bordino, di 51 anni, ora residente fuori provincia, è stato condannato a un anno e mezzo di reclusione. Nel luglio del 2015 la vittima era stata interamente risarcita e per questa ragione non si è costituita parte civile al processo. Con il novarese erano alla sbarra altri due uomini, soci della Kafka Service International di Collina d’Oro, comune del Canton Ticino. Per Tiziano Perfetti di Monza, 65 anni, un anno e 8 mesi, per Enrico Marzolla, di 54 anni, di Como, un anno e mezzo. I tre, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, avevano fatto credere al giovane paraplegico che avrebbe potuto recuperare l’uso delle gambe grazie a un rivoluzionario intervento chirurgico, da portare avanti in una clinica elvetica, che sarebbe stata di proprietà di Perfetti. Perché si realizzasse l’intervento, sarebbe stato sufficiente che la vittima entrasse nella società come finanziatore. Serviva un milione di euro. Il trentenne c’era cascato e aveva consegnato quei soldi nel maggio del 2013. Poi la scoperta della truffa.

Monica Curino

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola giovedì 16 marzo

 

Articolo di: martedì, 14 marzo 2017, 10:34 m.

Dal Territorio

Donna scippata a Trecate: scippatore preso dalla Polizia locale

Donna scippata a Trecate: scippatore preso dalla Polizia locale
TRECATE, Sabato scorso poco prima delle 13, una pattuglia della Polizia Locale di Trecate, nel Novarese, a seguito di una segnalazione alla centrale operativa, è intervenuta in via della Liberazione, all’angolo via Monti, dove pochi minuti prima era stato effettuato uno scippo ai danni di una donna di 77 anni.Il personale ha quindi iniziato l'inseguimento dello scippatore per le(...)

continua »

Altre notizie

Novara-Boscaglia: giorni cruciali

Novara-Boscaglia: giorni cruciali
NOVARA - Giorni decisivi per la guida del Novara Calcio. A metà settimana è previsto l’atteso incontro con Roberto Boscaglia per il rinnovo del contratto in scadenza il prossimo 30 giugno. Nei giorni scorsi l’intesa sembrava ormai solamente legata alla firma del tecnico siciliano, atteso in città tra martedì e mercoledì. Ma da Novarello non(...)

continua »

Altre notizie

Week end ricco di eventi a Novara

Week end ricco di eventi a Novara
NOVARA – Weekend ricco di eventi a Novara. Alle 10 di domani, sabato 13 maggio, è in programma l’inaugurazione della Fiera Campionaria che rimarrà allestita in viale Kennedy fino al 21 maggio. Tante e interessanti come sempre le realtà presenti: ci sarà anche il Corriere di Novara con un suo stand e tanti eventi e incontri. Sempre domani il Lions(...)

continua »

Altre notizie

Alla Pro loco di Arona 100mila euro all’anno

Alla Pro loco di Arona 100mila euro all’anno
ARONA - La Pro loco e il Comune di Arona nei giorni scorsi hanno firmato una convenzione annuale che prevede un contributo di 100mila euro per una città a vocazione turistica. Un contributo comunale che copre per metà le spese, mentre per la restante parte verranno cercati tra sponsor, bandi, tesseramenti e contributi tra i commercianti e gli associati Ascom. Sono tante le(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top