Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 15 dicembre 2017
 
 
Articolo di: martedì, 14 marzo 2017, 10:34 m.

Truffa da un milione di euro a un disabile: gli avevano promesso di poter tornare a camminare

In tre alla sbarra e condannati

NOVARA, Tre condanne, ieri mattina in Tribunale a Milano, per una truffa ai danni di un giovane paraplegico, ingannato con la promessa di una cura che gli avrebbe permesso – stando agli imputati – di guarire.

Il giovane, trent’anni, milanese, era rimasto paralizzato agli arti inferiori dopo un grave incidente stradale. Un imprenditore novarese, assistito al processo dall’avvocato Marco Milan, l’aveva così avvicinato, proponendogli l’occasione della vita: poter tornare a camminare. “Con le cure che abbiamo nella nostra società e, soprattutto grazie ai risultati ottenuti nel campo della medicina militare, sapremo risolvere il tuo problema, operandoti in Svizzera”. Il giovane aveva accettato subito, sperando di poter tornare così a camminare. Era però una truffa e, nel raggiro, il giovane aveva anche dovuto consegnare all’uomo che l’aveva avvicinato un milione di euro.

Ieri l’imprenditore novarese, Alberto Bordino, di 51 anni, ora residente fuori provincia, è stato condannato a un anno e mezzo di reclusione. Nel luglio del 2015 la vittima era stata interamente risarcita e per questa ragione non si è costituita parte civile al processo. Con il novarese erano alla sbarra altri due uomini, soci della Kafka Service International di Collina d’Oro, comune del Canton Ticino. Per Tiziano Perfetti di Monza, 65 anni, un anno e 8 mesi, per Enrico Marzolla, di 54 anni, di Como, un anno e mezzo. I tre, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, avevano fatto credere al giovane paraplegico che avrebbe potuto recuperare l’uso delle gambe grazie a un rivoluzionario intervento chirurgico, da portare avanti in una clinica elvetica, che sarebbe stata di proprietà di Perfetti. Perché si realizzasse l’intervento, sarebbe stato sufficiente che la vittima entrasse nella società come finanziatore. Serviva un milione di euro. Il trentenne c’era cascato e aveva consegnato quei soldi nel maggio del 2013. Poi la scoperta della truffa.

Monica Curino

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola giovedì 16 marzo

 

Articolo di: martedì, 14 marzo 2017, 10:34 m.

Dal Territorio

Tre in manette per droga: spacciavano in un alloggio di via Rosmini

Tre in manette per droga: spacciavano in un alloggio di via Rosmini
NOVARA, Un’indagine avviata dai Carabinieri della Stazione di Galliate e coordinata dalla Compagnia di Novara ha portato all’arresto di tre persone, due uomini e una donna (due italiani e un marocchino), per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Un’operazione che ha portato anche al sequestro di 373 grammi di eroina, 13 di cocaina, 222 di hashish e 63 di(...)

continua »

Altre notizie

Igor Volley, brutto esordio in Champions

Igor Volley, brutto esordio in Champions
TREVISO - Esordio amaro in Champions per la Igor Novara uscita sconfitta dal PalaVerde di Treviso in 4 set da una Imoco Conegliano che, in formato Europa, si è dimostrata nettamente superiore. Certo una bella mano gliel'ha data la squadra azzurra, in campo per tre set, quelli persi, giocati senza nerbo, con un atteggiamento totalmente non consono all’impegno, fallosa(...)

continua »

Altre notizie

Weekend sulle piste del Rosa

Weekend sulle piste del Rosa
MACUGNAGA -Per gli appassionati dello sci, impianti aperti ai piedi del Rosa. Con il weekend di Sant’Ambrogio e dell'Immacolata, si è dato il via alla stagione sciistica. Sole e condizioni ottimali per questo atteso ponte di vacanza sulla neve che ha favorito l’arrivo di molti turisti. Per il primo giorno l’apertura è stata limitata alla prima seggiovia: il tratto(...)

continua »

Altre notizie

Donna cade dal balcone, è in Rianimazione

Donna cade dal balcone, è in Rianimazione
ARONA - Una donna precipita dal balcone e finisce in ospedale, indagano i carabinieri di Arona. Una cittadina marocchina di 32 anni,  sabato, è caduta dal balcone di una palazzina di via Vittorio Veneto per cause ancora da chiarire. Molto probabilmente un incidente all’origine del fatto. Forse la donna è caduta mentre si trovava a svolgere alcuni lavori di pulizia(...)

continua »

Altre notizie

^ Top