Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 26 febbraio 2018
 
 
Articolo di: mercoledì, 06 dicembre 2017, 6:22 p.

Rapina in una pizzeria di corso Risorgimento, in manette uno dei due rapinatori

E’ successo nella tarda serata di martedì

NOVARA, Compie una rapina aggravata con un complice in una pizzeria a ridosso di corso Risorgimento, a Novara, e viene subito catturato e tratto in arresto grazie a un’operazione congiunta delle Volanti e della Squadra Mobile. In manette è finito un italiano.

Alla chiusura del locale, intorno alle 23.30, due soggetti travisati si sono avvicinati al titolare, mentre era intento a sistemare alcune cose all’interno del cortile, puntandogli contro una pistola. Uno dei due gli ha intimato di consegnare tutti i soldi, altrimenti lo avrebbe ucciso. A questo punto il titolare ha lanciato contro i due rapinatori alcuni cartoni che aveva in mano e tale circostanza ha fatto scattare una colluttazione, in cui sono volati calci e pugni. Durante la colluttazione l’aggredito è riuscito a sfilare a uno dei due malviventi il cappuccio con cui si nascondeva il viso. Le grida della vittima hanno fatto arrivare in suo aiuto un altro dipendente della pizzeria, che ha trovato il suo collega riverso a terra. Dunque, uno dei due aggressori, ormai non più travisato, gli ha puntato contro la pistola, intimandogli di fare silenzio, al contempo ha iniziato a picchiarlo con una serie di pugni al volto. Nel frattempo il primo assalitore è fuggito, subito seguito dal suo complice. Le due vittime hanno chiamato il 118 e la Polizia, che è intervenuta sul posto con un equipaggio delle Volanti. I due aggrediti hanno riferito di aver visto più volte il rapinatore, al quale avevano scoperto il volto, pur non conoscendone il nome.

Tuttavia, tramite una intensa attività investigativa, si riusciva a riconoscere e rintracciare l’uomo. I poliziotti si sono portati a casa del sospettato per fare una perquisizione. L’aggressore, presente in casa, ha dichiarato di essere andato alla pizzeria con una pistola a gas, arma che veniva rinvenuta successivamente nel cortile del locale e posta sotto sequestro. Le due vittime, che nel frattempo avevano denunciato l’accaduto al personale della Squadra Mobile della Questura, hanno riferito anche di non trovare più un portafogli che avevano con sé al momento dell’aggressione. Pertanto, gli Agenti della Squadra Mobile, intervenuti in ausilio alle Volanti, hanno proceduto all’arresto del rapinatore. L’Autorità giudiziaria ne ha disposto la custodia in carcere. Sono intanto proseguite le ricerche del secondo rapinatore.

Mo.c.

 

Articolo di: mercoledì, 06 dicembre 2017, 6:22 p.

Dal Territorio

Il Novara cade Avellino

Il Novara cade Avellino
AVELLINO - NOVARA 2 - 1       AVELLINO:  Lezzerini, Ngawa, Morero, Kresic, Rizzato (16’ stLaverone), Molina, (12’ st Cabezas), D’Angelo, Di Tacchio, Bidaoui, Gavazzi (34’ st Falasco), Asencio.  All.:  Novellino   NOVARA:  Montipò, Troest, Mantovani, Chiosa, Dickmann(...)

continua »

Altre notizie

Tetto in fiamme a Maggiora

Tetto in fiamme a Maggiora
MAGGIORA, Incendio al tetto di un'abitazione alle 19,15 di sabato 24 febbraio a Maggiora, nel Novarese. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco con una squadra de l distaccamento di Borgomanero e una dei volontari di Romagnano Sesia. Le fiamme hanno interessato un appartamento di due piani con mansarda. Le squadre sono riuscite a evitare che il fuoco raggiungesse i tetti vicini.(...)

continua »

Altre notizie

"Oneshot": moto d’epoca restaurate

"Oneshot": moto d’epoca restaurate
NOVARA -  Si svolge a Casa Bossi, via Pier Lombardo 4, oggi sabato 24 e domenica 25 febbraio, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, la mostra "Oneshot". E' un'esposizione di moto d'epoca restaurate: Bmw R69s del 1965; Bmw r75/5 del 1973; Hercules 100gs America del 1968; Hercules gs 125 del 1972; BSA b25ss del 1972; Laverda 750SF del 1970; Yamaha xs 2 del 1973;Bultaco alpina 250 del(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top