Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 22 ottobre 2017
 
 
Articolo di: martedì, 01 maggio 2012, 9:05 m.

"Pranzo solidale" per raccogliere fondi per Fundu Racaciuni, piccolo paese della Romania

A promuovere l'iniziativa, il Centro di solidarietà di S. Francesco

NOVARA - Ben duemila euro. E' quanto è stato raccolto grazie al 'pranzo solidale' promosso qualche giorno fa dal Centro di solidarietà della parrocchia di San Francesco a Novara. Fondi che andranno a favore della popolazione di Fundu Racaciuni, piccolo paese particolarmente povero della Romania, dove, da molto tempo, sono impegnati alcuni parrocchiani di S. Francesco.

Grande, dunque, la risposta. A prender parte all'appuntamento, infatti, 120 commensali. Un'iniziativa di solidarietà, dunque, pienamente riuscita.

Non è la prima volta che la comunità di San Francesco si mobilita per realizzare forme di solidarietà nei confronti di questo paese della Romania, del distretto di Bacau, realtà che si trova quasi ai confini con la Moldavia e che conta oltre duemila abitanti.

In passato i parrocchiani hanno contribuito alla realizzazione di una struttura polifunzionale che, attualmente, ospita un servizio sanitario di base e costituisce l’unico luogo di aggregazione per la popolazione. Il progetto era nato su sollecitazione di un medico di San Francesco, il dottor Valleverde Paoletta, e aveva trovato il sostegno di altre associazioni, di aziende novaresi e di privati cittadini. «Gli aiuti alla popolazione di Fundu Racaciuni - spiegano dal Centro di solidarietà di San Francesco - peraltro, non sono estemporanei, ma si collocano all’interno di un rapporto di amicizia coltivato ormai da anni e di un percorso volto a contribuire a elevare il livello di vita di un paese che non può, ancora oggi, contare sui servizi di primaria necessità (acquedotto, energia elettrica, viabilità)».

Spesso alcuni parrocchiani di San Francesco, proprio in virtù di questo legame creato con Fundu Racaciuni, si recano in Romania per monitorare di persona la situazione. Il parroco del piccolo paese, padre Eugenio, negli anni scorsi ha avuto l’occasione di venire a trovare la comunità di San Francesco. Suor Maria, religiosa della congregazione delle suore Francescane e originaria di Fundu Racaciuni, è stata nel 2009 a far visita alla parrocchia.

Monica Curino

Articolo di: martedì, 01 maggio 2012, 9:05 m.

Tags: fundu racaciuni, valleverde, san francesco, parrocchia, padre eugenio

Dal Territorio

Incidente in A4, coinvolti bimbo di 2 anni e donna incinta

Incidente in A4, coinvolti bimbo di 2 anni e donna incinta
NOVARA, Incidente stradale intorno alle 19,30 di venerdì 20 ottobre lungo l'autostrada A4, tra i caselli di Novara Est e Novara Ovest (direzione Torino). Due le autovetture coinvolte, una con a bordo quattro persone, tra cui un bambino di circa due anni e una donna in stato di gravidanza, e l’altra con a bordo solo il conducente. Tutte le persone sono state portate(...)

continua »

Altre notizie

Igor Volley in festa al Teatro Coccia

Igor Volley in festa al Teatro Coccia
NOVARA - Il Teatro Coccia addobbato a festa, griffato in ogni angolo con il tricolore dello scudetto e gremito in ogni ordine di posto, è stato protagonista anche quest’anno dell’apertura ufficiale, ieri sera, della stagione agonistica della Igor Volley Novara, neo campione d’Italia, con la presentazione della squadra. Anche in questa occasione, Lorenzo Dallari, vice(...)

continua »

Altre notizie

Dagli studenti il “Canto alla città”

Dagli studenti il “Canto alla città”
NOVARA - Il Faraggiana si apre ancora alla città e la rende protagonista. Questa sera, giovedì 19 ottobre alle 21, e replica domani alla stessa ora, sale il sipario sulla nuova sagione del teatro novarese, la seconda dopo la rinascita: in cartellone “Canto alla città 2.0 – Il verbo degli uccelli”. Sul palco Lucilla Giagnoni, attrice e autrice del(...)

continua »

Altre notizie

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"
Borgomanero  - “Sembrava di essere in un giorno normale, quando lungo i quattro corsi e in piazza Martiri le auto circolano liberamente”: questo uno dei commenti a caldo raccolti tra i commercianti del centro cittadino venerdì pomeriggio, riaperto al traffico automobilistico nell’ambito di un progetto sperimentale che prevede per la durata di sei mesi, sino al 2(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top