Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 19 settembre 2017
 
 
Articolo di: mercoledì, 28 settembre 2016, 3:13 p.

La Finanza ha festeggiato San Matteo e la prima giornata delle Vittime del dovere

Il tutto con una messa alla sede del comando provinciale

NOVARA - E’ stata celebrata dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Novara, con una Santa Messa presso la caserma di Piazza del Popolo, officiata dal Cappellano Militare, Don Luigi Plata, la festività di San Matteo apostolo ed evangelista, patrono della Guardia di Finanza, alla presenza delle massime Autorità cittadine, del Comandante Provinciale, Colonnello Giovanni Casadidio, unitamente ai suoi uomini ed una folta rappresentanza dei Finanzieri in congedo (A.N.F.I.).

Il documento papale che attesta il riconosciuto patrocinio reca la data del 10 aprile 1934 ed è firmato dal cardinale Eugenio Pacelli (futuro Papa Pio XII). Il Pontefice che accolse l'istanza avanzata dal Comandante Generale e sostenuta dall'Ordinario Militare del tempo era Pio XI. La sua memoria il 21 settembre è stabilita dal martirologio geronimiano (secolo VI). Il "Breve Pontificio" del 10 aprile 1934, nel dichiarare San Matteo Patrono della Guardia di Finanza auspica che tutti gli appartenenti al Corpo possano, sul suo esempio, unire l'esercizio fedele del dovere verso lo Stato con la fedele sequela di Cristo.

Nell’occasione è stato ricordato, dal Comandante provinciale, una vittima del dovere, l’appuntato scelto Pietro Cozzupoli, deceduto il 9 maggio 1976 in località Parghelia (VV), per le gravi ferite riportate in un incidente stradale occorsogli durante un servizio di prevenzione e repressione di attività di contrabbando, rappresentato, nella circostanza, dalla figlia Francesca.

Prima della benedizione finale, dopo la recita della Preghiera della Guardia di Finanza, il Comandante Provinciale, Colonnello Giovanni Casadidio, ha rivolto un breve indirizzo di saluto e di ringraziamento a Don Luigi Plata per aver accettato con entusiasmo l’invito a celebrare la S. Messa nonché a tutti i presenti.

L’occasione della ricorrenza del Santo Patrono delle Fiamme Gialle è stata anche l’opportunità per la consegna, a cura del Comandante Provinciale, di brevetti di “Elogio” per particolare rendimento in servizio, tributati ad alcuni militari in forza ai Reparti novaresi.

mo.c.


Articolo di: mercoledì, 28 settembre 2016, 3:13 p.

Dal Territorio

Il Novara Calcio vuole cavalcare l’onda

Il Novara Calcio vuole cavalcare l’onda
NOVARA - Due giorni per recuperare le forze. Domani sera, alle ore 20.30, il Novara sarà di nuovo in campo nel primo turno infrasettimanale di questo interminabile campionato di serie B: l’appuntamento è al “Picco” di La Spezia contro i liguri infarciti di ex, dal nuovo tecnico Fabio Gallo fino all’ultimo arrivato Francesco Bolzoni. Non sarà(...)

continua »

Altre notizie

Incidente in A4, 8 feriti tra cui un bimbo

Incidente in A4, 8 feriti tra cui un bimbo
NOVARA, Incidente stradale con tre veicoli coinvolti lunedì sera 18 settembre, intorno alle 20,40, lungo l'autostrada A4 Torino-Milano, tra i caselli di Marcallo Mesero e Novara Est, il tutto in direzione del capoluogo torinese. A rimanere ferite 8 persone, tra cui anche un bimbo di 11 anni.  Sul posto il personale sanitario, che li ha soccorsi e trasportati in alcuni(...)

continua »

Altre notizie

Concerto per For Life con Amii Stewart al Coccia

Concerto per For Life con Amii Stewart al Coccia
NOVARA, Nuova iniziativa targata For life onlus, lunedì 18 settembre, al teatro Coccia di Novara. Nel teatro novarese si terrà il “Concerto della Vita”, che vedrà protagonista Amii Stewart, cantante statunitense che da anni vive in Italia e a cui si devono successi come “Do it all again” con Mike Francis, “Knock on wood” e molti(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top