Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 20 gennaio 2018
 
 
Articolo di: lunedì, 21 febbraio 2011, 10:16 m.

Fratel Claudio e il sole: binomio vincente

Ottantaquattro pannelli producono energia per il monastero

Valle Strona - Fratel Claudio ed il sole; come dire la mente ed il braccio. Lassù nel monastero benedettino dei santi Pietro e Paolo, sistemato in una bella conca dell’alpe Colla, distante pochi minuti dal centro abitato di Germagno, questo giovane religioso ha progettato e realizzato con una passione invidiabile un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica di ultima generazione battezzandolo “Fratel sole”. Nell’arco di nemmeno un anno, in una zona adibita ad orto esposta ad est con vista lago, 84 pannelli fotovoltaici posizionati su tre grossi impianti hanno davvero catturato ogni possibile raggio di sole senza sperpero di risorse e costi aggiuntivi. Il risultato è stata una produzione più che ottimale di energia elettrica a favore del monastero con un “avanzo” che potrà essere impiegato anche per il riscaldamento, permettendo di risparmiare su altre fonti di calore. Un disegno di massima è stato l’incipit di fratel Claudio. Da qui sono partiti Paolo Sguazzini, ingegnere novarese curatore del progetto, affiancato per la parte elettrica da Pierangelo Pastore della ditta Ime di Borgomanero, e da Fulvio Balestroni di Nonio, costruttore di pannelli solari. Insieme hanno lavorato molto bene e questo è il vero segreto del loro successo. La principale perplessità presentata durante le fasi progettuali si chiamava vento, come spiega fratel Claudio. «Ma gli studi hanno confermato che questo era uno scoglio superabile. I pannelli resistono ad una spinta di 4 tonnellate», ha detto presentando l’impianto pezzo per pezzo. Vi era poi l’impatto ambientale. Altro scoglio superato perché, strano a dirsi, l’impianto da qualunque punto lo si osservi pur essendo esposto non è visibile ad occhio nudo. Fratel Claudio si è recato in vari punti delle montagne circostanti prima di poterlo affermare. Per vedere l’impianto se non ci si reca sul posto rimane solo la vista dal cielo. Quindi il via ai lavori. Scavi, posa di tubi, cemento, ferro. Una “ditta” composta da frati con un parco mezzi unico: le proprie mani. Il risultato ha una superficie complessiva di 120 metri quadri coperti da pannelli rettangolari realizzati con doppia tecnologia; in silicio mono cristallo ed in silicio amorfo. Questi permettono di lavorare con luce diffusa e luce diretta. La struttura, definita moduli, che ospita i pannelli ha una base mobile a carrello. Si definiscono inseguitori perché come dice la parola inseguono la luce del sole ogni stagione dell’anno per 365 giorni. Ognuno di loro ha un sistema a se stante e produce corrente continua; questa passa attraverso l’inverter e si trasforma in corrente alternata, come quella utilizzata in tutte le abitazioni. Non è una magia ma un’operazione elettrica ben documentata all’interno di una centralina che mostra i passaggi agli occhi del più profano dei visitatori ed il contatore Enel, infine, richiama questa curiosa iniziativa alla concreta realtà collettiva. «La buona notizia è l’ottimizzazione della produzione - ha aggiunto fratel Claudio; questi pannelli arrivano a produrre 19,32 KW quasi sempre. L’energia prodotta lo scorso anno è stata superiore al fabbisogno quindi per non perderla va impiegata in altro modo. L’impianto “Fratel sole” non si chiama così per caso; la denominazione era necessaria per allacciarsi ad Enel». L’ingegno di questo giovane frate e la forza di un braccio insostituibile quale è il sole sono l’applicazione del “ora et labora” che San Benedetto stabilì tra le norme dell’ordine da lui fondato.

Luisa Paonessa

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: lunedì, 21 febbraio 2011, 10:16 m.

Tags: Valle Strona, fotovoltaico

Dal Territorio

Investe un pedone in viale Roma e fugge: successivamente si reca dalla Polizia locale

Investe un pedone in viale Roma e fugge: successivamente si reca dalla Polizia locale
NOVARA, Incidente stradale in viale Roma intorno a mezzogiorno di venerdì 19 gennaio. Un automobilista ha investito un uomo, non fermandosi a prestare soccorso. E’ stato comunque individuato non molto tempo dopo dalla Polizia locale di Novara. Un 79enne novarese è stato investito all’altezza dell’incrocio con via Rasario da un’auto che non si(...)

continua »

Altre notizie

Igor Volley, una sconfitta che brucia

Igor Volley, una sconfitta che brucia
OSIMO - Dopo Busto anche Novara viene costretta alla sconfitta al tie break dalla Lardini Filottrano, dimostratasi in casa molto difficile da affrontare ma l’Igor non è stata sicuramente all’altezza del suo nome. Una sconfitta incredibile che brucia: la squadra azzurra, presentatasi nelle Marche in piena emergenza, ha ad un certo punto rischiato anche una più che(...)

continua »

Altre notizie

Ragazzi Harraga, mostra al Broletto

Ragazzi Harraga, mostra al Broletto
NOVARA - Martedì prossimo verrà inaugurata al Broletto “Sguardi sui ragazzi harraga”, la mostra fotografica che racconta del progetto pilota, partito da Palemo, di accoglienza e, soprattutto d‘inserimento lavorativo e abitativo, dei giovani migranti che giungono in Italia soli. L’iniziativa è curata dal Ciai (Centro Italiano aiuti(...)

continua »

Altre notizie

I sentieri del vino Boca e l’Unesco

I sentieri del vino Boca e l’Unesco
Una cartina per favorire la conoscenza a livello internazionale di un territorio storico del Novarese e i suoi vini preziosi. Dalla collaborazione tra Il Club per l’Unesco Terre del Boca e i produttori del Boca doc è nata “I sentieri del vino. Percorsi tra i vigneti del Boca doc”. La cartina,  è stata presentata ufficialmente prima di Natale nella(...)

continua »

Altre notizie

^ Top