Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 22 febbraio 2018
 
 
Articolo di: sabato, 31 marzo 2012, 9:00 m.

Vicenda delle ragazze sfruttate in casa a Comignago: altri indagati

Venerdì sei ore di incidente probatorio

NOVARA - Oltre sei ore. E' quanto è durato, ieri, venerdì 30 marzo, l'incidente probatorio relativo all'operazione “Pledge”, che, a novembre del 2011, aveva portato i Carabinieri di Arona a liberare due giovani ragazze ucraine, segregate e malmenate per un mese in una casa di Comignago, costrette a prostituirsi con 'clienti' che venivano procurati da due personaggi finiti in manette proprio qualche mese fa.

L'incidente probatorio ha preso il via qualche minuto dopo le 10 e si è concluso alle 17. Presenti in aula, davanti al pm Ciro Caramore, al gip Claudio Siclari, le due giovani vittime, con la propria legale, i volontari e il presidente di Liberazione e Speranza onlus, Andrea Lebra (che ha seguito le due ragazze sin dallo scorso novembre), i due ucraini che le sfruttavano (Oleksandr Budz, di 36 anni e Kateryna Krasovska, 30) con i propri legali e sembrerebbe una terza persona con tanto di difensori.

In merito alla vicenda, infatti, stando a indiscrezioni non confermate, ci sarebbe un terzo arresto, un italiano residente nell'Ovest Ticino, che avrebbe fatto da procacciatore dei clienti, collaborando con i due ucraini. Non solo. Sempre stando a indiscrezioni ci sarebbe un quarto indagato, a quanto pare il figlio di un noto legale novarese.

Le due ragazze, assistite da un'interprete, da Lebra e dalla propria legale, Anna Cristina Montanaro, hanno raccontato davanti al giudice la loro storia, quanto vissuto in quella casa, le sevizie patite (furono salvate dai Carabinieri su segnalazione di una connazionale). Le loro dichiarazioni diventeranno così prova nel futuro processo, dove si costituiranno parte civile.

Le accuse, per gli ucraini arrestati, sono di sequestro di persona e sfruttamento della prostituzione.

Monica Curino

Articolo di: sabato, 31 marzo 2012, 9:00 m.

Tags: comignago, indagati, pledge, ucraini

Dal Territorio

Torna in carcere l'avvocato Pronzello

Torna in carcere l'avvocato Pronzello
NOVARA, Ai domiciliari alla Comunità Mondo X di Cerano,  nel Novarese, durante alcuni lavori all'aperto nella zona del Ticino, cui si dedicano gli ospiti della struttura, stanco, decide di prendere una pausa e andare a prendere un caffè in un bar con un altro ospite. Qui, però, lo sorprendono i Carabinieri, che gli contestano l'evasione dai domiciliari e lo(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top