Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 22 febbraio 2018
 
 
Articolo di: mercoledì, 06 dicembre 2017, 9:51 m.

Una “rete” per fermare i cinghiali

Accordo tra Provincia, Parco del Ticino e Atc per il contenimento

Una “rete” contro i cinghiali. Per cercare di arginare un problema che sta diventando sempre più pressante per gli agricoltori e che, solo nel tratto del Parco del Ticino compreso tra Bellinzago e Varallo Pombia, ha causato sinora danni stimati per 80.000 euro.
E’ stata presentata in Provincia la convenzione stipulata con Parco del Ticino e Atc (Ambito territoriale di caccia) che, per la prima volta, unisce sotto lo stesso “cappello” le attività di contrasto ai cinghiali. «Una collaborazione inedita - ha detto il consigliere provinciale con delega alla Fauna selvatica, Stefano Zanzola - che ci consentirà di avere risultati migliori, soprattutto nelle zone più critiche, quelle nella fascia a margine del Parco. Certo non ci illudiamo di risolvere il problema, ma certo è una bella risposta di sinergia».
Un passo avanti notevole, anche secondo il presidente della Provincia Matteo Besozzi, «che mette in rete le forze e che sta già dando i primi frutti nell’ottica di limitare i danni agli agricoltori».
Finora infatti, le azioni di contenimento dei cinghiali erano state messe in atto in maniera autonoma sia dalla Provincia, sia dal Parco: ciascuno dei due Enti dispone di un piano di controllo. «Per poter ottimizzare gli sforzi ed evitare che gli animali possano spostarsi da una zona all’altra, vanificando i risultati ottenibili - ha detto Zanzola - si è resa necessaria una condivisione del problema tra tutti i soggetti interessati».
Il primo step, ha ricordato il presidente dell’Ente Parco Adriano Fontaneto, «è stato un tavolo tecnico tra Parco, Provincia, Atc e associazioni di categoria degli agricoltori, per costruire un percorso sinergico e riuscire così a dare risposte effettive ai problemi lamentati dagli agricoltori. Il tutto con la supervisione di Prefettura e Carabinieri Forestale, perché si tratta comunque di una materia delicata, in cui occorrono regole certe». Anche perché - ha ribadito Paolo Seitone, consigliere del Parco e rappresentante delle associazioni agricole - «quello dei cinghiali è un fenomeno molto pericoloso, anche dal punto di vista della sicurezza stradale».
La convenzione stipulata, che avrà validità fino al dicembre 2018, prevede la stesura di un calendario di interventi da effettuarsi due giorni la settimana con la tecnica della “girata” (una battuta di caccia con la presenza di un cane “limiere” e un numero massimo di 12 cacciatori, ndr), il martedì e venerdì, sotto il coordinamento del personale del Parco e con la partecipazione della Polizia provinciale e di due agenti messi a disposizione dall’Atc. «Le uscite sono iniziate il 3 novembre e proseguiranno fino al 20 dicembre, per poi riprendere a febbraio - ha detto Angelo Ongaro, responsabile della gestione e del contenimento della fauna selvatica del Parco - La professionalità messa a disposizione dall’Atc ci ha dato una grossa mano. Da quando abbiamo iniziato, abbiamo effettuato sette “girate”, nei territori di Oleggio, Varallo Pombia, Castelletto e Cameri, con l’abbattimento di 24 cinghiali, di cui 18 femmine (nove gravide)».
Soddisfazione per l’accordo raggiunto è stata espressa anche da Alessandro Baroli, presidente dell’Atc No1: «Forse i cacciatori non sono molto contenti - ha detto - ma credo che fosse l’unica cosa da fare per cercare di limitare i danni all’agricoltura». Oltre alla zona del Ticino, Baroli ha posto l’accento anche sull’area di Muggiano (in territorio di Gattico), al confine con il Parco dei Lagoni. «Questa zona nell’ultimo periodo sta avvertendo pesantemente il problema dei cinghiali. Da parte nostra, ci stiamo adoperando per creare una sorta di area “cuscinetto” con addestramento cani e attività venatoria continua, così da dissuadere la presenza di cinghiali».
Laura Cavalli

Articolo di: mercoledì, 06 dicembre 2017, 9:51 m.

Dal Territorio

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Torna in carcere l'avvocato Pronzello

Torna in carcere l'avvocato Pronzello
NOVARA, Ai domiciliari alla Comunità Mondo X di Cerano,  nel Novarese, durante alcuni lavori all'aperto nella zona del Ticino, cui si dedicano gli ospiti della struttura, stanco, decide di prendere una pausa e andare a prendere un caffè in un bar con un altro ospite. Qui, però, lo sorprendono i Carabinieri, che gli contestano l'evasione dai domiciliari e lo(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

^ Top