Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 21 settembre 2017
 
 
Articolo di: giovedì, 16 marzo 2017, 11:12 m.

Un parcheggio al posto del campo da tennis

Al dopolavoro ferroviario recinzione divelta e auto sulla terra rossa


NOVARA - Un parcheggio al posto del campo da tennis, auto sulla terra rossa: finisce  così il Gruppo tennis del Dopolavoro ferroviario, attivo dagli anni Settanta del secolo scorso. Sembra uno scherzo, una battuta, ma non è così.
Ed è finito tutto all’improvviso: «Mentre stavamo discutendo con il consiglio del Dopolavoro sull’importo da versare per il 2017 – spiegano al Gruppo tennis – e sull’inizio dei lavori per sistemare i campi, ecco che una mattina ci siamo trovati con il campo 1 occupato dalle vetture. Era stata divelta la rete di recinzione e garantito l’accesso alle vetture».
Un atto di vandalismo? No una decisione, presa sostengono al Gruppo tennis, senza avvisare nessuno, nemmeno il responsabile del Gruppo, Giuseppe Ferrara, che da 25 anni è l’anima dei tennisti del Dopolavoro.
Così una sessantina di appassionati si è ritrovata orfana (resterebbe il campo 2 ma non è sufficiente a gestire la richiesta e l’impegno necessario a far funzionare l’impianto) del passatempo preferito: «Non è solo una questione di tennis – confermano – Si era creato un gruppo che condivideva i momenti di libertà dal lavoro, in un luogo di ritrovo per i ferrovieri, ma non solo. Purtroppo anche il Gruppo tennis ha seguito le orme dei vari Gruppi che un tempo animavano la vita del Dopolavoro: c’era il Gruppo biliardo, il ballo, il ciclismo, il musicale, il calcio. Poco per volta tutti sono stati allontanati e ora tocca anche a noi».
Il consiglio direttivo ha scelto questa soluzione per ampliare il numero di posti auto già esistente, dopo che 24 posti sono stati riservati ai clienti del bar e della mensa. Quindi, con urgenza era necessario reperire altri spazi.
«Bastava che ne parlassero con noi e avremmo trovato una soluzione. E invece siamo stati posti di fronte al fatto compiuto» commentano i tennisti.
Sullo sfondo restano delle domande che in molti si pongono: ma è possibile che un privato (tale è il Dopolavoro Fs) possa realizzare un parcheggio dall’oggi al domani? Non sarebbe necessario l’autorizzazione del Comune? E, soprattutto, le finalità sociali del Dopolavoro, momento di aggregazione dei ferrovieri, non vengono meno? Ha ancora un senso il Dopolavoro o è diventato un esercizio commerciale come altri?
Sandro Devecchi

Articolo di: giovedì, 16 marzo 2017, 11:12 m.

Dal Territorio

Spezia -Novara 1-0

Spezia -Novara  1-0
Trasferta negativa in terra ligure per il Novara che perde di misura a La Spezia. Decide un gol di Marilungo che sfrutta al meglio un calcio d'angolo. Il Novara presobil gol non riesce a rendersi pericoloso per tutto il primo tempo. Nella ripresa gli azzurri dimostrano più intraprendenza e creano un paio di palle gol senza però trovare la rete. Il risultato non cambia e per(...)

continua »

Altre notizie

Nebbiuno: 'accudiva' 43 piante di marijuana alte due metri, arrestato

Nebbiuno: 'accudiva' 43 piante di marijuana alte due metri, arrestato
NEBBIUNO, Sorpreso a coltivare piantine di marijuana e arrestato dai Carabinieri di Lesa. E' successo a Nebbiuno, nel Novarese. Nell’ambito di servizi di controllo del territorio, i Carabinieri di Lesa hanno tratto in arresto, nella giornata di ieri 20 settembre, un italiano del posto, F.G., classe 1969, già conosciuto dalle Forze dell'Ordine, resosi responsabile del reato(...)

continua »

Altre notizie

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”
NOVARA - Si svolgerà domenica 24 settembre la prima edizione della  “Pedalata Cicli storici”  organizzata dalla Pro loco Novara con il patrocinio del Comune e dell’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara. La pedalata prevede il ritrovo in piazza Gramsci alle 8, quindi la partenza alle 9.30 per Olengo, Terdobbiate, Cascina Barzè,(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top