Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 febbraio 2017
 
 
Articolo di: venerdì, 16 dicembre 2016, 10:26 m.

Un Giovane Holden in versione rock

Il regista Iacomelli: «I Green Day attesi a gennaio per le prove»

Salendo le scale si respira aria di danza, musica, teatro. Voci che si rincorrono. I tasti del pianoforte che volano. Le ballerine che si preparano per la lezione. È il quartiere generale della Scuola del Teatro Musicale di Novara: siamo nelle infinite stanze del Coccia. Lì sta nascendo il nuovo musical firmato STM: debutterà nel teatro novarese, in coproduzione con la Fondazione Teatro Coccia, in questa stagione, a gennaio, il 21 e 22: da Broadway in Italia ecco “American Idiot”, l’esplosiva rock opera dei Green Day, vincitrice di due Tony Award®. Lo spettacolo porta in scena la musica dei Green Day con le liriche del suo frontman Billie Joe Armstrong e il libretto di Billie Joe Armstrong e Michael Mayer. “American Idiot” è la storia di tre amici d'infanzia, ognuno alla ricerca di un senso e di un posto nel mondo dopo gli eventi dell'11 settembre. Il musical ha debuttato al Berkeley Repertory Theatre nel settembre 2009, diventando uno spettacolo di successo. All’ombra della Cupola nasce un’altra importante collaborazione tra le due realtà culturali novaresi. Al Coccia nei mesi scorsi si erano svolti i casting per la scelta degli interpreti. Arrivavano da tutta Italia e dall’estero. «Siamo contenti – spiega Marco Iacomelli, regista novarese che insieme a Davide Ienco e Andrea Manara ha fondato la STM - che la maggior parte del cast si sia formato qui a Novara, avendo frequentato la nostra scuola. Due settimane di allestimento a Laribalta, qui a Novara, con il workshop del coreografo americano Michael Cothren Peña, venuto apposta da New York. Tornerà a gennaio per la ripresa del lavoro. Una produzione veramente internazionale: lui dagli Usa, il supervisore Simone Manfredini da Londra e Maria Carla Ricotti per i costumi dalla Cina. Un lavoro su più continenti. Ventun ragazzi del cast, con 7 interpreti principali, e 4 della band, tra cui una donna: siamo orgogliosi della quota rosa. I Green Day stanno sponsorizzando sul sito il nostro musical: saranno in Italia a gennaio per quattro concerti, noi li aspettiamo per le prove. In quattro anni di vita per noi è la seconda produzione dopo “Next to Normal” che è appena stato premiato come miglior produzione al Musical Day insieme a Francesca Taverni miglior interprete: qualcosa di incredibile. Ci sono già i primi diplomati, tra attori e registi. Gli studenti oggi possono assistere alle prove e vedere come si mette in piedi uno spettacolo. I ragazzi vengono da tutta Italia e anche dall’estero. A noi sembra un miracolo. Abbiamo aperto per offrire qualcosa di diverso dagli altri, ma sinceramente non ci aspettavamo una risposta così forte, segno che c’era da colmare un bisogno grande, che non immaginavamo. Un successo questa seconda produzione, lo dobbiamo al teatro e alla città. Grazie di cuore al direttore del Coccia Renata Rapetti che ha creduto in noi, aiutandoci nel debutto e coproducendo questo spettacolo. Con la Fondazione e con Reverse Agency è una produzione a tre. L’impegno c’è e i risultati si vedono. Sono curioso di vedere la resa finale del musical: è un continuo work in progress. Abbiamo deciso di mantenere le canzoni in inglese, pochi i recitativi in italiano: questo per conservare la poetica dei Green Day e rendere comprensibile la storia al pubblico. Per la scenografia ci siamo ispirati a Jean-Michel Basquiat. La trama racconta di ragazzi che partono dallo strato non felice della società alla ricerca di se stessi. Un musical di formazione, una sorta di Giovane Holden rock». Dopo le date di Novara lo spettacolo prenderà il via per la tournée che vedrà una lunga permanenza al Teatro della Luna di Milano.

Eleonora Groppetti

 

 

Articolo di: venerdì, 16 dicembre 2016, 10:26 m.

Dal Territorio

Il Novara Calcio ha trovato l’equilibrio

Il Novara Calcio ha trovato l’equilibrio
NOVARA - E adesso non parlate di play off. Anche se la classifica del Novara, ad oggi, direbbe il contrario, con tre punti di distanza da quel fatidico ottavo posto, attualmente occupato dall’Entella, e ben sei lunghezze di vantaggio sulla zona rischio. C’è ancora tanta strada da pedalare, come si dice in gergo ciclistico, e per gli uomini di Boscaglia(...)

continua »

Altre notizie

Accusato di aver preso a mazzate un conoscente: chiesti 6 anni

Accusato di aver preso a mazzate un conoscente: chiesti 6 anni
NOVARA, Sei anni di reclusione. E’ la condanna chiesta dal pm oggi pomeriggio, martedì 21 febbraio – in Tribunale a Novara – nei confronti di Mario Gjoni, uno dei tre albanesi (gli altri due, Piter e Mark Gjoni, zio e nipote tra loro, hanno patteggiato negli scorsi mesi) accusati dell’aggressione al connazionale Elton Shano, 37 anni, colpito a mazzate(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

Anche Shell cerca petrolio nel Novarese

Anche Shell cerca petrolio nel Novarese
Oltre 400 chilometri quadrati di terreno tra Piemonte e Lombardia, nelle province di Novara, Vercelli, Varese e Biella. Da Castelletto Ticino a Borgomanero, sino a Gattinara e Sizzano: è su questa larga porzione di Nord Italia - denominata nel suo complesso “Cascina Alberto” - che il colosso petrolifero Shell eserciterà nel prossimo futuro il permesso di ricerca di(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top