Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 20 febbraio 2018
 
 
Articolo di: venerdì, 06 ottobre 2017, 1:55 p.

Un arrestato e 5 denunciati per bancarotta, 2 milioni di euro sottratti ai creditori

Operazione delle Fiamme Gialle di Borgomanero

BORGOMANERO, I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Borgomanero, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Novara, hanno scoperto un complesso e articolato sistema illecito perpetrato da 12 società facenti parte di un gruppo proprietario di supermercati operanti in diverse province del Piemonte e della Lombardia.

Una persona è stata arrestata per l’ipotesi di bancarotta fraudolenta, in quanto, spiega una nota stampa della Finanza, "gestore occulto di tutte le società fallite, mentre altre 5 persone",  tra cui alcuni famigliari del factotum, "sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria per aver contribuito come amministratori di diritto al dissesto di tutte le società coinvolte" .
La Guardia di Finanza ha, inoltre, individuato numerose posizioni di dipendenti delle citate imprese, ai quali, dopo il licenziamento,  non erano stati liquidati gli stipendi, nonché i trattamenti di fine rapporto.
Le fiamme gialle hanno condotto complesse attività di indagine, con una serie di perquisizioni presso le sedi legali delle società riconducibili al gruppo, sia presso le abitazioni degli amministratori di diritto e di fatto delle stesse, nonché presso lo studio commercialistico di riferimento con il sequestro di copiosa documentazione extra contabile sia cartacea che elettronica.
A conclusione del servizio, è stato delineato alla autorità giudiziaria un sistema fraudolento posto in essere dagli indagati, finalizzato a implementare il dissesto economico delle imprese del gruppo commerciale, portandole gradualmente al fallimento.
Il crack è stato perlopiù provocato dal mancato pagamento derivante dalle cessioni di prodotti e beni alle altre imprese del gruppo, incaricate della vendita al dettaglio in supermercati.
"A loro volta - rilevano le Fiamme Gialle - i supermercati rivendevano, senza averne saldato l'acquisto, i prodotti ai clienti finali, monetizzando i beni distratti dal fallimento e sottraendo materia imponibile alla tassazione" .
Sono state, inoltre, effettuate le verifiche fiscali nei confronti delle società facenti parte del gruppo risultate essere evasori totali, e rilevando base imponibile sottratta a tassazione per 7,5 milioni di euro e Iva dovuta all’Erario per 1 milione.
MO. C. 

Articolo di: venerdì, 06 ottobre 2017, 1:55 p.

Dal Territorio

Controlli su migliaia di veicoli ad Arona

Controlli su migliaia di veicoli ad Arona
ARONA - Vigili urbani aronesi impegnati sulle strade e in città. E’ l’assessore alla Polizia locale Matteo Polo Friz a dare un breve excursus dell’attività di questi giorni messe in campo dagli agenti con lo scopo di dare una fotografia dei diversi compiti. «Sono diversi i controlli effettuati in questi mesi e soprattutto in questi giorni anche grazie(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top