Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 21 settembre 2017
 
 
Articolo di: mercoledì, 03 maggio 2017, 10:22 m.

Turismo nel Novarese: in crescita anche quest’anno

Ora si punta su cicloturismo e cammini devozionali

NOVARA, Come ogni anno la Provincia di Novara presenta i dati sui flussi turistici dell’anno precedente, dati che confermano un trend positivo di costante crescita. Il rapporto sui flussi è stato analizzato dal presidente Matteo Besozzi e dalla consigliera delegata al turismo Laura Noro, alla presenza della presidente di ATL Maria Rosa Fagnoni.

Turismo in costante crescita

Il turismo nel Novarese si mantiene sui livelli di EXPO, facendo registrare una sostanziale tenuta sia degli arrivi (416mila nel 2016 rispetto ai 433mila nel 2015), sia delle presenze (1.081.946 nel 2016, 1.071.269 nel 2015).

Dal confronto dei dati rilevati nelle strutture ricettive della Provincia di Novara, si evidenzia dal 2012 ad oggi un aumento del 6% delle presenze e del 7% degli arrivi, una tendenza positiva e costante. La maggior parte dei turisti si conferma di provenienza italiana, in particolare dalle Regioni confinanti e dal centro Italia, ma il numero di turisti stranieri è in continuo aumento,  avvicinandosi al numero di arrivi dei turisti italiani.

Gli stranieri sui laghi si fermano in media tre giorni

I turisti europei che hanno scelto come meta il Novarese provengono principalmente da Germania (39.154 arrivi, 146.723 presenze), Francia, Svizzera, Paesi Bassi e Regno Unito.

In particolare i turisti tedeschi e olandesi prediligono l’area del lago Maggiore, mentre gli svizzeri e gli inglesi quella del lago d’Orta; la presenza dei francesi invece si distribuisce su tutti i bacini turistici, compresa la zona di Novara e della Bassa.

Il periodo maggiormente interessato dagli arrivi è quello primaverile ed estivo, anche se i turisti svizzeri fanno registrare una buona percentuale di arrivi fino al mese di ottobre. I Paesi extra-europei che maggiormente sono interessati alla Provincia di Novara sono Stati Uniti, Brasile, Israele, Australia e Cina. Per l’anno 2016, gli arrivi dei turisti extraeuropei vedono gli Stati Uniti al primo posto con 5.624 arrivi e 12.502 presenze, in particolare nell’area del lago d’Orta con un TPM (tempo medio di permanenza) di 2,5 giorni. La permanenza nel Novarese si allunga per coloro che arrivano da più lontano: brasiliani, israeliani, cinesi e australiani si fermano da noi per tre giorni in media.

Aumentano i posti letto nell’extralberghiero

L’offerta turistica degli ultimi cinque anni è costantemente aumentata. L’aumento significativo delle strutture extralberghiere ha ampiamente compensato la chiusura di alcuni alberghi. Attualmente la capacità ricettiva è di 6.562 posti letto per il settore alberghiero e di 11.523 per l’extralberghiero (comprendente anche B&B, agriturismi e affittacamere).

Un’importante considerazione attiene alla localizzazione delle strutture. Esistono tre macro-aree di offerta: il bacino lago d’Orta, con un rilevante numero di esercizi extra alberghieri e 4.496 posti letto totali; il bacino lago Maggiore, che presenta l'offerta turistica maggiormente variegata: è ormai l’unico ad avere un albergo a cinque stelle e anche quello con maggior numero di campeggi e villaggi turistici, con un’offerta di posti letto pari al 71% del totale; il bacino Atl di Novara, continua a rappresentare l'offerta alberghiera più significativa con 54 strutture ricettive e 3.083 posti letto.

Cammini e cicloturismo: le nuove scommesse della Provincia

Per fornire nuove occasioni di sviluppo al turismo l’obiettivo della Provincia di Novara è ora quello di valorizzare cammini devozionali e percorsi ciclabili in grado di ampliare e diversificare l’offerta territoriale.

La valorizzazione della Via Francisca, gli itinerari sul canale Cavour, le ciclabili del lago Maggiore, gli itinerari nel Parco del Ticino e l’ipotesi del ponte ciclopedonale tra Castelletto e Sesto Calende sono alcune delle ipotesi già in fase di progettazione, che saranno approfondite in un incontro pubblico (in cui verranno presentate anche le progettualità Interreg e i progetti sostenuti da Fondazioni bancarie) che si svolgerà a Castelletto venerdì 12 maggio, ore 21, nella Sala Caletti, parco Caduti della Libertà.

mo.c.

Articolo di: mercoledì, 03 maggio 2017, 10:22 m.

Dal Territorio

Spezia -Novara 1-0

Spezia -Novara  1-0
Trasferta negativa in terra ligure per il Novara che perde di misura a La Spezia. Decide un gol di Marilungo che sfrutta al meglio un calcio d'angolo. Il Novara presobil gol non riesce a rendersi pericoloso per tutto il primo tempo. Nella ripresa gli azzurri dimostrano più intraprendenza e creano un paio di palle gol senza però trovare la rete. Il risultato non cambia e per(...)

continua »

Altre notizie

Incidente in via Biandrate, coinvolti tre veicoli

Incidente in via Biandrate, coinvolti tre veicoli
NOVARA, Incidente stradale intorno alle 12,30 di oggi, giovedì 21 settembre a Novara, in via Biandrate. Il sinistro è avvenuto poco dopo il ponte sull'Agogna, in direzione di Biandrate. Qui, per cause in fase di ricostruzione da parte delle Forze dell'Ordine, sul posto una pattuglia della Polizia locale, due autovetture e uno scooter sono entrati in collisione (foto(...)

continua »

Altre notizie

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”
NOVARA - Si svolgerà domenica 24 settembre la prima edizione della  “Pedalata Cicli storici”  organizzata dalla Pro loco Novara con il patrocinio del Comune e dell’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara. La pedalata prevede il ritrovo in piazza Gramsci alle 8, quindi la partenza alle 9.30 per Olengo, Terdobbiate, Cascina Barzè,(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top