Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 28 marzo 2017
 
 
Articolo di: martedì, 14 marzo 2017, 10:34 m.

Truffa da un milione di euro a un disabile: gli avevano promesso di poter tornare a camminare

In tre alla sbarra e condannati

NOVARA, Tre condanne, ieri mattina in Tribunale a Milano, per una truffa ai danni di un giovane paraplegico, ingannato con la promessa di una cura che gli avrebbe permesso – stando agli imputati – di guarire.

Il giovane, trent’anni, milanese, era rimasto paralizzato agli arti inferiori dopo un grave incidente stradale. Un imprenditore novarese, assistito al processo dall’avvocato Marco Milan, l’aveva così avvicinato, proponendogli l’occasione della vita: poter tornare a camminare. “Con le cure che abbiamo nella nostra società e, soprattutto grazie ai risultati ottenuti nel campo della medicina militare, sapremo risolvere il tuo problema, operandoti in Svizzera”. Il giovane aveva accettato subito, sperando di poter tornare così a camminare. Era però una truffa e, nel raggiro, il giovane aveva anche dovuto consegnare all’uomo che l’aveva avvicinato un milione di euro.

Ieri l’imprenditore novarese, Alberto Bordino, di 51 anni, ora residente fuori provincia, è stato condannato a un anno e mezzo di reclusione. Nel luglio del 2015 la vittima era stata interamente risarcita e per questa ragione non si è costituita parte civile al processo. Con il novarese erano alla sbarra altri due uomini, soci della Kafka Service International di Collina d’Oro, comune del Canton Ticino. Per Tiziano Perfetti di Monza, 65 anni, un anno e 8 mesi, per Enrico Marzolla, di 54 anni, di Como, un anno e mezzo. I tre, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, avevano fatto credere al giovane paraplegico che avrebbe potuto recuperare l’uso delle gambe grazie a un rivoluzionario intervento chirurgico, da portare avanti in una clinica elvetica, che sarebbe stata di proprietà di Perfetti. Perché si realizzasse l’intervento, sarebbe stato sufficiente che la vittima entrasse nella società come finanziatore. Serviva un milione di euro. Il trentenne c’era cascato e aveva consegnato quei soldi nel maggio del 2013. Poi la scoperta della truffa.

Monica Curino

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola giovedì 16 marzo

 

Articolo di: martedì, 14 marzo 2017, 10:34 m.

Dal Territorio

La Igor Volley butta via il secondo posto

La Igor Volley butta via il secondo posto
BUSTO ARSIZIO - L’Igor esce sconfitta per 3-1 senza giustificazioni dal PalaYamamay nell’ultimo turno di regular season, battuta nella serata in cui una vittoria sarebbe servita, visto il contemporaneo stop di Casalmaggiore a Montichiari, per passare sul filo di lana al secondo posto in classifica. Una squadra azzurra arruffona, frenetica e confusionaria come avevamo(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

Successo di visitatori per le Giornate di Primavera del Fai

Successo di visitatori per le Giornate di Primavera del Fai
NOVARA - Ci mettono passione ed entusiasmo. E anche professionalità. Sono il valore aggiunto delle Giornate di Primavera: gli Apprendisti Ciceroni. Studenti di ogni ordine e grado che hanno accompagnato in visita per la due giorni di arte e cultura proposta sul territorio della delegazione Fai di Novara. Sabato 25 e domenica 26 marzo apertura di 29 beni tra la città (cinque nel(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top