Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 20 gennaio 2018
 
 
Articolo di: giovedì, 26 marzo 2015, 12:09 m.

Speciale "Pasqua in tavola"

In edicola e online con il Corriere di Novara

GIOVEDI' 26 MARZO - SPECIALE PASQUA IN TAVOLA - Le tradizioni gastronomiche pasquali del territorio dell’Alto Piemonte, della Lombardia e parte della Svizzera italiana sono abbastanza omogenee essendo tutte parte dell’area insubrica. Una breve panoramica su i piatti della tradizione inizia oltre confine nel Ticinese dove sulla tavola della domenica di Pasqua non mancano l'agnello o il capretto. In passato ma l’usanza è rimasta vi era abbondanza di uova, dato che durante i quaranta giorni di Quaresima era proibito mangiarne quindi come anche oltre confine, si facevano perciò grandi frittate. A Caneggio (val di Muggio) c'era la tradizione della "frittata alla disperata", cotta sulle fiamme dell'ulivo vecchio. Tra le tradizioni dolciarie del canton Ticino, la preparazione della “schissàda” come torta pasquale. In Valle di Muggio in quanto regione di confine con l'Italia come accennato, si tratta in buona parte di ricette insubriche, cioè diffuse in tutta la regione lombardo-piemontese e ticinese. Interessanti comunque le varianti per pietanze "povere" come la polenta di castagne, la minestra di ortiche, la gelatina di dente di leone.
La colomba è il dolce pasquale per eccellenza nasce in realtà all’inizio del secolo XX a Milano grazie all’intraprendenza commerciale di alcuni pasticceri. Di tradizione più antica rispetto alla colomba, sembra essere la “resta”, dolce pasquale diffuso nel Mendrisiotto e in tutto il Comasco dalla fine del secolo XIX. L’impasto di base è quello della colomba e del panettone. La resta originariamente si consumava la domenica delle Palme (domenica precedente alla Pasqua). Si tratta di una grossa pagnotta di forma ovale al cui interno veniva infilato un bastoncino di ulivo, che ricorda la domenica delle Palme. Il bastoncino è chiamato anche resca (da cui resta), termine del dialetto comasco che significa lisca. L’immagine del pesce nella tradizione cristiana rappresenta un’allusione a Cristo e alla sua dottrina. Per quanto riguarda la cucina delle province di Novara e Verbano Cusio Ossola il piatto più celebre tra quelli pasquali, molto diffuso in tutto il territorio delle due province, come in gran parte del Nord Italia è la frittata con i luartis o uartis, che si mangia il Lunedì dell’Angelo ovvero a Pasquetta. I luartis denominati in italiano “bruscandoli” sono noti in tutt’Italia e sono i germogli del Luppolo selvatico (Humulus lupulus). In Lombardia si chiamano “asparagina”, “luvertìn” nel Piemonte occidentale, “lavertìn” in Monferrato, “luperi” in Umbria, “vartìs” in Emilia-Romagna,“urtizon” in Friuli, “viticedda”nel Cilento. A tal proposito nel Novarese a Landiona, ogni anno a Pasquetta, all’Oratorio di Santa Maria dei Campi, una chiesa del XII secolo, situata fuori dell’abitato sulla strada per Vicolungo e Recetto, si svolge una festa popolare con la distribuzione della tradizionale frittata con i “vartisi”, ossia appunto i germogli di luppolo selvatico. In Ossola e in Valsesia non manca il tradizionale capretto cucinato con anche erbe tipiche.

GIOVEDI' 26 MARZO LO SPECIALE PASQUA IN TAVOLA ALL'INTERNO DEL CORRIERE DI NOVARA IN EDICOLA

SFOGLIA L'EDIZIONE DIGITALE DELLO SPECIALE PASQUA IN TAVOLA 

Articolo di: giovedì, 26 marzo 2015, 12:09 m.

Dal Territorio

Igor Volley, una sconfitta che brucia

Igor Volley, una sconfitta che brucia
OSIMO - Dopo Busto anche Novara viene costretta alla sconfitta al tie break dalla Lardini Filottrano, dimostratasi in casa molto difficile da affrontare ma l’Igor non è stata sicuramente all’altezza del suo nome. Una sconfitta incredibile che brucia: la squadra azzurra, presentatasi nelle Marche in piena emergenza, ha ad un certo punto rischiato anche una più che(...)

continua »

Altre notizie

Investe un pedone in viale Roma e fugge: successivamente si reca dalla Polizia locale

Investe un pedone in viale Roma e fugge: successivamente si reca dalla Polizia locale
NOVARA, Incidente stradale in viale Roma intorno a mezzogiorno di venerdì 19 gennaio. Un automobilista ha investito un uomo, non fermandosi a prestare soccorso. E’ stato comunque individuato non molto tempo dopo dalla Polizia locale di Novara. Un 79enne novarese è stato investito all’altezza dell’incrocio con via Rasario da un’auto che non si(...)

continua »

Altre notizie

Ragazzi Harraga, mostra al Broletto

Ragazzi Harraga, mostra al Broletto
NOVARA - Martedì prossimo verrà inaugurata al Broletto “Sguardi sui ragazzi harraga”, la mostra fotografica che racconta del progetto pilota, partito da Palemo, di accoglienza e, soprattutto d‘inserimento lavorativo e abitativo, dei giovani migranti che giungono in Italia soli. L’iniziativa è curata dal Ciai (Centro Italiano aiuti(...)

continua »

Altre notizie

I sentieri del vino Boca e l’Unesco

I sentieri del vino Boca e l’Unesco
Una cartina per favorire la conoscenza a livello internazionale di un territorio storico del Novarese e i suoi vini preziosi. Dalla collaborazione tra Il Club per l’Unesco Terre del Boca e i produttori del Boca doc è nata “I sentieri del vino. Percorsi tra i vigneti del Boca doc”. La cartina,  è stata presentata ufficialmente prima di Natale nella(...)

continua »

Altre notizie

^ Top