Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 22 febbraio 2018
 
 
Articolo di: mercoledì, 27 maggio 2015, 8:39 p.

Speciale Giro d'Italia

Sfoglia e leggi online lo Speciale

SPECIALE GIRO D'ITALIA - GIOVEDì 28 MAGGIO - Giovedì il 98° Giro d'Italia entra in casa nostra con la tappa Melide-Verbania di 170 km. Si riparte dalla Svizzera alle 12,55 e dopo una quindicina di chilometri attraverso Bissone, Capolago, Riva San Vitale e Brusino Arsizio, si prosegue nel Varesotto: Porto Ceresio, Bisuschio, Induno Olona, Bodio Lomnago, Varano Borghi, Corgeno, Vergiate, Sesto Calende (14,15). Arrivo ad Arona alle 14,30, proseguendo in riva al Lago Maggiore attraverso Meina, Lesa, Belgirate, Stresa, Baveno, Feriolo, Gravellona, quindi Mergozzo, Fondotoce, lo strappo di Bieno, Verbania Intra (corso Mameli), Ghiffa, Cannero, Trarego (quota 793). Si prosegue per arrivare in vetta al Monte Olongo a quota 1.168, raggiungendo quindi Piancavallo (1.234), Alpe Segletta (1.215), Premeno (830), poi discesa su Bee (595) e arrivo a Verbania con traguardo a Pallanza di fronte al municipio. Ad una media di 40 orari l'arrivo è previsto per le 17.10. Lungo il percorso due traguardi volanti a Stresa (dopo km 80,9) e a Bieno (km 103,6). Il rifornimento sarà a Feriolo tra il km 89 e il km 92, mentre il Gran Premio della Montagna (di prima categoria) sarà in vetta al Monte Ologno, a quota 1.168, dopo aver percorso 134,4 km, vale a dire a 35,6 km dal traguardo. Ci sarà senz'altro battaglia sul Monte Ologno, ma anche la discesa, abbastanza vicina al traguardo, potrà regalare emozioni. «La lettura di questa tappa - ha detto Mauro Vegni, direttore del Giro - è abbastanza semplice: i primi due terzi del percorso sono praticamente pianeggianti, poi nel finale si affronta il Monte Ologno che è uno strappo duro. Attenzione anche agli ultimi cinque chilometri che costeggiano il lago dove non mancano curve e rotonde che vanno ben gestite». Il villaggio commerciale sarà allestito davanti a palazzo Flaim di Intra, il quartiere di tappa a Villa Giulia di Pallanza.

GIOVEDì 28 MAGGIO LO SPECIALE "GIRO D'ITALIA" CON IL CORRIERE DI NOVARA IN EDICOLA

SFOGLIA L'EDIZIONE DIGITALE DELLO SPECIALE "GIRO D'ITALIA"

Articolo di: mercoledì, 27 maggio 2015, 8:39 p.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Incidente tra due auto a Paruzzaro, una a Gpl

Incidente tra due auto a Paruzzaro, una a Gpl
PARUZZARO, Incidente stradale oggi pomeriggio, mercoledì 21 febbraio intorno alle 15, lungo la strada regionale 142 Biellese, nel territorio di Paruzzaro, nel Novarese. A restare coinvolte nel sinistro, due autovetture, una delle quali alimentata con un impianto a gas (Gpl). Si sono registrati alcuni feriti, soccorsi dal personale del 118 e portati in ospedale. Sul posto la(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top