Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 18 agosto 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 10 aprile 2017, 1:48 p.

Sgominata banda di ladri in casa

Operazione dei carabinieri di Verbania, la gang operava anche nel Novarese

VERBANIA - Ad incastrarli, consentendo ai carabinieri del Nucleo investigativo agli ordini del maggiore Giovanni della Sala, sono stati i post dei loro amici di Facebook sulle loro pagine. Foto di località del Lago Maggiore scattate negli stessi giorni dei furti di cui ora sono accusati i 5 albanesi sospettati d’essere gli autori di 52 intrusioni in alloggi commessi nelle province di Verbania, Novara, Monza e Brianza, Bergamo. Per un bottino complessivo stimato in 500 mila euro. Gli ordini di cattura sono stati notificati ai cinque nella prima mattinata di sabato 8. Gli arrestati sono: Kristian Bibaj, 29 anni, in regola col permesso di soggiorno ma senza fissa dimora, detenuto nel carcere Lorusso e Cutugno di Torino; Klaidi Lleshaj, 20, anche lui con regolare permesso di soggiorno, residente a Monza, detenuto agli arresti domiciliari; Franko Gjeci, 26 anni; pure lui in regola col permesso di soggiorno, residente a Vaprio D’Adda (Monza e Brianza), detenuto a Vercelli; Ilir Ndrejaj, 43 anni, regolare in Italia ma senza fissa dimora, detenuto a Trento; Vitor Nikolli, 32 anni, pure lui regolare in Italia ma senza fissa dimora, detenuto a Lecco. Obbligo di dimora per altri due albanesi; Dorian Marku, 21 anni, residente a Cassano D’Adda (Milano), regolare in Italia, e per Aldo Vela, pure lui in regola col permesso di soggiorno, domiciliato a Torino. 
L’indagine del Nucleo investigativo dei carabinieri era partita a giugno dello scorso anno, dopo la denuncia di un furto commesso a Baveno. I militari agli ordini di Della Sala sono riusciti ad individuare le autovetture usare per questo furto e a risalire ai loro reali utilizzatori. Una volta rintracciati i componenti della banda, i carabinieri, hanno scoperto che i cinque programmavano i colpi in un bar della provincia di Monza e Brianza. Le foto degli amici di Facebook  postate sulle loro pagine sono state il tassello conclusivo che hanno consentito ai carabinieri del Nucleo investigativo di risalire al loro raggio d’azione nel Verbano, nel Novarese e di scoprire analoghe modalità operative in episodi di altre province del nord Italia. A questo punto il sostituto procuratore Gianluca Periani, che ha coordinato l’indagine, ha chiesto l’autorizzazione all’arresto concessa dal giudice per le indagini preliminari Elena Ceriotti che ha firmato gli ordini di cattura. E il cerchio attorno ai 5, e ai complici agli arresti domiciliari, si è chiuso. 
Questi i furti perpetrati dalla banda sul territorio di competenza del Nucleo investigativo: tentato furto a Brovello Carpugnino l’8 maggio 2015, tentato furto a Pieve Vergonte il 16 maggio 2015, due furti a Stresa il 22 maggio 2015, un furto riuscito a Pieve Vergonte il 29 maggio 2015, tre furti a San Bernardino Verbano il 30 magio 2015, un tentato furto a Mergozzo il 5 giugno, due furti a Mergozzo il 24 luglio 2015, un furto ad Anzola d’Ossola l’1 agosto 2015, di nuovo a Mergozzo la notte tra il 7 e l’8 agosto 2015, il 9 novembre i 5 hanno colpito a Meina nella fascia di confine del Novarese col Vco, il 13 novembre di nuovo a Pieve Vergonte, il 24 novembre a Belgirate, il 3 dicembre due volte a Baveno, il 4 febbraio 2016 sono tornati in azione a Meina, il 18 febbraio 3 volte a Baveno, il 17 giugno due volte a Baveno, il 18 giugno 4 volte sempre a Baveno, il 24 giugno 2 furti a Pieve Vergonte, il 2 luglio ancora Baveno.  
E’ stata probabilmente questa predilezione per Baveno, dove hanno colpito 8 volte in 3 giorni nella seconda metà di giugno e il 2 luglio a tradirli e a mettere i carabinieri sulla pista giusta risalendo anche egli episodi del 2015. 
Mauro Rampinini

Articolo di: lunedì, 10 aprile 2017, 1:48 p.

Dal Territorio

Addestra il cane con un collare che dà scosse elettriche, denunciato

Addestra il cane con un collare che dà scosse elettriche, denunciato
VICOLUNGO, Addestrava il proprio cane con un collare che dà scosse elettriche, un cacciatore novarese finisce così con l'essere denunciato per maltrattamenti dai Carabinieri forestali.  La segnalazione era arrivata nei primi giorni di agosto e indicava un cane spaventato che vagava da solo nella zona di Vicolungo. Qualche giorno dopo i veterinari dell'Asl hanno(...)

continua »

Altre notizie

Inizio di campionato con il derby per Igor Volley

Inizio di campionato con il derby per Igor Volley
NOVARA - Il nuovo campionato di serie A1 inizia con il derby per la Igor Volley di Massimo Barbolini, che esordirà con la sfida in casa contro Busto Arsizio nel weekend del 14 e 15 ottobre. A seguire due trasferte consecutive, a Pesaro e Firenze, prima del ritorno tra le mura amiche il 5 novembre contro la matricola Filottrano. Due, nel corso della stagione, i turni infrasettimanali,(...)

continua »

Altre notizie

Al via la Festa dell'Uva fragola

Al via la Festa dell'Uva fragola
SUNO - È iniziata ieri  e si concluderà il 26 agoato  la  36a edizione della Festa dell'Uva fragola, organizzata dalla Pro Mottoscarone. La tradizionale manifestazione si svolge come di consueto  all’interno di palatenda con entrata libera. Tutte le sere dalle 20 alle 24 servizio ristorante con specialità locali e musica dal vivo: questa sera(...)

continua »

Altre notizie

Sesia-Val Grande Geopark sotto “esame” per rimanere sito Unesco

Sesia-Val Grande Geopark sotto “esame” per rimanere sito Unesco
Si consolida il legame tra Ente di gestione delle aree protette della Valle Sesia e il Parco Nazionale  della Val Grande, per la gestione condivisa del Sesia-Val Grande Geopark.  Il progetto del Geoparco è stato promosso dall'associazione geoturistica "Supervulcano Valsesia" onlus e dal Parco Nazionale Val Grande, ai quali dal 2016 si è aggiunto l'Ente di(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top