Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 25 settembre 2017
 
 
Articolo di: martedì, 16 maggio 2017, 10:29 m.

Rottami di bici, «si decidano ad agire»

Degrado in stazione, appello di un lettore alle istituzioni

NOVARA - «La stazione di una città dovrebbe essere il suo biglietto da visita, perché chi arriva è la prima immagine che ha davanti agli occhi e invece qui a volte sarebbe meglio chiuderli e forse c’è anche chi non solo chiude gli occhi, ma si tappa anche le orecchie e non vuole ascoltare le lamentele dei cittadini, che vorrebbero solo una città più pulita».

Non fa sconti un nostro lettore che si è rivolto a noi perché «vorrei segnalarvi una situazione a dir poco ridicola». Sotto accusa le numerose biciclette abbandonate che si trovano proprio nella piazza antistante la stazione cittadina. «In realtà non sono proprio delle biciclette, ma sono ciò che di esse rimane dopo, immagino, l’azione di ladri e vandali. A volte è possibile trovare solo il telaio, a volte solo i manubri, a volte addirittura solo le ruote e nient’altro. Il tutto fissato con un lucchetto nei portabiciclette. Uno spettacolo (peraltro testimoniato dalle foto scattate durante il nostro sopralluogo, ndr) che dà proprio l’idea del degrado e della scarsa attenzione alla città e ai suoi abitanti, anche perché quei rottami abbandonati occupano di fatto dei posti che potrebbero essere utilizzati da chi deve lasciare la propria bicicletta». Che fare quindi? «Ho provato a segnalare la situazione, ma è un continuo passare la palla senza trovare una soluzione. Il Comune dice di segnalare all’Assa, l’Assa dice di chiamare i Vigili e i Vigili dicono di rivolgersi al Comune…». La questione cruciale sembra essere nel fatto che questi rottami, essendo legati con un lucchetto, indicano che sono di qualcuno: «Mi hanno spiegato che non si può intervenire come quando si è di fronte a dei rifiuti abbandonati in strada abusivamente, perché non sono dei rifiuti abbandonati ma, essendo legati, sono di proprietà di un soggetto non identificato e io aggiungerei non identificabile visto che non vi sono elementi utili a rintracciare il legittimo proprietario. Perciò è necessario che qualcuno si prenda la responsabilità di tagliare i lucchetti e poi procedere alla loro rimozione. Speriamo che i responsabili delle istituzioni coinvolte si decidano a parlarsi e ad agire di conseguenza».

Clarissa Brusati

Articolo di: martedì, 16 maggio 2017, 10:29 m.

Dal Territorio

Il Novara cede all’Avellino

Il Novara cede all’Avellino
NOVARA -  AVELLINO  1- 2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Troest, Chiosa, Calderoni, Moscati, Ronaldo (15’ st Da Cruz), Sciaudone, Di Mariano (1’ st Macheda), Maniero, Chajia (36’ st Sansone).  All.:  Corini.   AVELLINO:  Radu, Ngawa, Kresic, Migliorini, Rizzato, Laverone (33’ st Lasik), Paghera(...)

continua »

Altre notizie

Ubriaco entra in un bar, impugnando una grossa pinza da fabbro: arrestato

Ubriaco entra in un bar, impugnando una grossa pinza da fabbro: arrestato
VARALLO POMBIA, Già ubriaco, entra in un bar di Varallo Pombia, nel Novarese, e sin da subito inizia a importunare gli avventori. E lo fa non solo a parole, ma anche impugnando una grossa pinza da fabbro. Immediatamente è stato richiesto l’intervento delle Forze dell’Ordine. E’ successo al bar “Joker” nella notte del 23 settembre. Sul posto sono(...)

continua »

Altre notizie

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”
NOVARA - Si svolgerà domenica 24 settembre la prima edizione della  “Pedalata Cicli storici”  organizzata dalla Pro loco Novara con il patrocinio del Comune e dell’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara. La pedalata prevede il ritrovo in piazza Gramsci alle 8, quindi la partenza alle 9.30 per Olengo, Terdobbiate, Cascina Barzè,(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top