Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 23 luglio 2017
 
 
Articolo di: martedì, 25 aprile 2017, 10:42 m.

Resistenza, memoria da ricordare

25 Aprile vero e proprio “messaggio” per le nuove generazioni

NOVARA - Una memoria da non dimenticare, anche se ormai sono trascorsi più di sette decenni. La durata media (quasi) di una vita, secondo le più recenti statistiche. E che proprio per questo vede la “pattuglia” dei suoi diretti testimoni ridursi ogni stagione sempre di più, per evidenti ragioni anagrafiche. Ecco perché il 25 Aprile, anniversario della Liberazione, da tempo si è trasformato in un vero e proprio “messaggio” rivolto alle nuove generazioni. Istituzioni e organizzazioni come lo stesso Istituto storico della Resistenza “Piero Fornara” presieduto da Paolo Cattaneo e diretto da Gianni Cerutti o l’Anpi provinciale guidato da Massimo Bosio sono da tempo in prima fila nel coinvolgere il mondo della scuola in occasione di questo, come in altri appuntamenti. La partecipazione di alunni e studenti alle cerimonie non deve essere fine a se stessa.

 Anche oggi, in occasione della commemorazione in programma a Novara nel cortile del Broletto, spazio sarà lasciato alla lettura di poesie scritte dai bambini della 5a A della primaria “Bollini” (Istituto comprensivo “Duca d’Aosta”), che precederà la presentazione di alcuni elaborati realizzati dai ragazzi della 2a D della Secondaria di Primo grado “Morandi” (Istituto comprensivo “Margherita Hack”) che hanno partecipato al progetto “Verso la democrazia”. Una memoria che deve essere perpetuata, perché anche se il nostro territorio non fu fortunatamente coinvolto in pesanti eventi legati all’ultimo conflitto, non deve essere dimenticato che per venti lunghi mesi nel Novarese, nell’Ossola e nella vicina Valsesia, la Resistenza riuscì a scrivere molte pagine gloriose. Alcune note, altre meno. Fu nella zona più settentrionale dell’allora nostra “grande” provincia che nell’autunno del 1944, in una vasta area liberata avente come epicentro la città di Domodossola, si riuscì a sperimentare una vera e propria forma di “autogoverno” conosciuto da tutti come la Repubblica partigiana dell’Ossola. Sull’altro fronte le truppe tedesche d’occupazione e i fascisti dell’Rsi si resero invece protagonisti di numerosi saccheggi ed eccidi nei confronti della popolazione civile. Diversi episodi sono entrati ormai nella memoria collettiva: la strage di Meina del settembre del ’43, che causò la morte di sedici ebrei; e poi ancora le stragi di Castelletto Ticino e Borgo Ticino, sino a quelle avvenute (nel corso del 1944) a Novara, tra Vignale e il centro cittadino, nelle attuali piazze Martiri e Cavour. Alla fine il contributo del Novarese alla guerra di Liberazione si può riassumere in queste cifre: 67 Cln (Comitati di liberazione nazionale) costituiti; 5.737 combattenti “riconosciuti” e 1.135 caduti, di cui 66 civili. Un “prezzo” importante, da non dimenticare, come non deve essere dimenticato l’impegno di tutti coloro che, cominciando dall’allora amministratore apostolico della Diocesi, monsignor Leone Ossola, proprio nelle giornate del “passaggio” del fronte, si adoperarono affinché alla città di San Gaudenzio venissero risparmiate rovine e lutti.
Luca Mattioli

Articolo di: martedì, 25 aprile 2017, 10:42 m.

Dal Territorio

Calcio, Corini lancia già il Novara: «Ottimo inizio»

Calcio, Corini lancia già il Novara: «Ottimo inizio»
NOVARA - In pochi giorni Eugenio Corini si è conquistato la simpatia dell’ambiente Novara, grazie alla signorilità e alla serietà nel lavoro.   Fin da subito il tecnico e il nuovo staff si sono dimostrati estremamente disponibili con i tifosi che quotidianamente stazionano a Novarello, incontrando lunedì sera anche alcuni rappresentanti del(...)

continua »

Altre notizie

Truffavano con raggiri donne anziane e non solo: presi in tre sul cavalcavia Porta Sempione

Truffavano con raggiri donne anziane e non solo: presi in tre sul cavalcavia Porta Sempione
NOVARA, Cinque persone arrestate dai Carabinieri della Compagnia di Novara. Persone coinvolte in furti ai danni di anziani e spaccio di stupefacenti: quattro le persone arrestate in flagranza di reato.L’operazione più importante è quella che ha visto una spettacolare cattura sul cavalcavia di Porta Sempione.Durante i numerosi controlli effettuati su tutto il territorio di(...)

continua »

Altre notizie

Midsummer, grande jazz sul lago

Midsummer, grande jazz sul lago
Primo appuntamento oggi, martedì 18 luglio, nel parco di Villa La Palazzola, con Midsummer Jazz Concerts, dal 18 al 21 a Stresa, sabato 22 e domenica 23 luglio al Teatro “Il Maggiore" di Verbania. Ad aprire la rassegna jazz, giunta alla sesta edizione e inserita nel cartellone di Stresa Festival, sono il pianista spagnolo Chano Dominguez, Horacio Fumero al contrabbasso e David(...)

continua »

Altre notizie

Lunga Notte di Arona: massima sicurezza per accogliere 25mila persone

Lunga Notte di Arona: massima sicurezza per accogliere 25mila persone
ARONA - Massima sicurezza, ma senza censura al divertimento, per la Lunga Notte del weekend. A seguito dei recenti fatti di Torino sono aumentati i controlli in occasione di manifestazione con forte afflusso di persone. E la Lunga Notte non sarà da meno. «Già dall’anno scorso sono stati messi in atto protocolli di prevenzione in modo da far svolgere con(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top