Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 febbraio 2017
 
 
Articolo di: giovedì, 15 marzo 2012, 11:46 m.

Professore di Novara arrestato: abusava di studentesse

L'uomo insegna storia e ha 40 anni

NOVARA - Un insegnante di Storia di Novara e istruttore di difesa personale in una palestra di arti marziali della città è stato arrestato in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Novara, Claudio Siclari. L'operazione è della Guardia di Finanza novarese.

L'uomo, stando alle indagini, avrebbe abusato di un'allieva. E' quanto è emerso all’esito di una breve ma intensa indagine condotta dalle Fiamme Gialle della Sezione Mobile del Nucleo di Polizia Tributaria e coordinata dal Pubblico Ministero della Procura di Novara, Irina Grossi.

Diego Trigili, 41enne novarese, è stato così tratto in arresto. L’insegnante, come rilevano le Fiamme Gialle, sfruttando la propria posizione di formatore e l’autoritas che il ruolo gli garantiva, avrebbe intrecciato una relazione intima con una giovanissima studentessa, "alla quale era stato incaricato di impartire lezioni private a casa. La legge, su questo punto - precisano dalla Finanza - è severissima, e prevede un limite minimo di 16 anni perché un minore possa prestare valido consenso a relazioni intime con una persona alla quale risulti affidato per ragioni di cura, di educazione, di istruzione, di vigilanza o di custodia".

L’attività investigativa, condotta con il preziosissimo ausilio delle intercettazioni telefoniche, avrebbe evidenziato una situazione di vero e proprio irretimento "operato, nel tempo e con puntuale ed ambigua incisività psicologica, dal docente sulla giovanissima - affidatagli dagli ignari genitori per migliorarne il rendimento scolastico - al fine di indurla a soddisfare le sue proposte, a tal fine usando anche le più recenti tecnologie telefoniche ed informatiche (“social network”) per mantenere assidui contatti ad ogni ora del giorno e della notte. Né è mai emersa la minima parvenza di affettività da parte dell’uomo, che non esitava - spiega la Finanza - a confidare e vantare le proprie “performance” ad un conoscente. Non a caso il G.I.P., nel disporre l’arresto dell’uomo, ha stigmatizzato anche la spregiudicatezza palesata dal docente, che si autodefiniva “il maestro dei maestri del sesso” per ragazzine minorenni. L'uomo, evidentemente consapevole del disvalore morale del proprio comportamento, giungeva a confidare all’amico, ridendone, che i favori della giovane ben meritavano il rischio di “finire in manette”. Manette che, alla fine, si sono effettivamente chiuse ai polsi dell’insegnante a seguito delle dichiarazioni ampiamente ammissive rese dall’uomo in sede di interrogatorio di garanzia, peraltro, al docente sono stati successivamente concessi gli arresti domiciliari".

Le responsabilità dell'uomo non sono finite qua. "Nel corso delle indagini è infatti - rileva la Finanza - emerso come almeno un’altra sua studentessa abbia intrecciato legami di natura intima col docente, sfociati infine nella produzione di materiale video inequivocabile, realizzato nell’abitazione del 41enne e rinvenuto durante la perquisizione dell’immobile".

Così all'accusa di “atti sessuali con minorenne” si è, pertanto, aggiunta quella di “pornografia minorile”.

“Le Fiamme Gialle di Novara  - commenta il colonnello Angelo Russo, Comandante Provinciale del Corpo - hanno posto fine ad una condotta inqualificabile, tale da poter arrecare alle giovanissime vittime danni psicologici anche notevoli. I fatti acclarati - aggiunge l’alto Ufficiale - risultano ancora più esecrabili in quanto ascrivibili ad una figura professionale alla quale tanti inconsapevoli genitori avevano affidato, ritenendole al sicuro, le proprie figliole. Conforta, quindi, la consapevolezza che - come la legge prevede per queste fattispecie criminose - l’insegnante verrà sanzionato, in via accessoria, con l’interdizione perpetua da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché da ogni ufficio o servizio in istituzioni o in altre strutture pubbliche o private frequentate prevalentemente da minori. Giova, infine, rammentare - conclude il Colonnello Russo - a tutti i genitori l’opportunità di tutelare i propri figli anche dalle insidie che possono giungere loro per il tramite delle nuove tecnologie telematiche e - non scordiamolo - delle pressoché infinite opportunità di relazioni sociali che le stesse offrono o promettono, sovente senza alcuna possibilità di filtro da parte degli adulti". 

La Procura di Novara invita altre possibili vittime del docente a farsi avanti e a denunziare eventuali attenzioni morbose o comportamenti illeciti subiti.

Monica Curino

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

trigili.jpg

Articolo di: giovedì, 15 marzo 2012, 11:46 m.
Articoli correlati "La storia del Broletto": spettacolo "sons et lumières" per l'Estate Novarese (1) Novara Risorgimentale 2012: ecco il ricco programma (1) Dialetto vietato per i cartelli turistici (1) Fermato con oggetti atti a offendere: cinese denunciato (1) Lesa: denunciati in due per esercizio abusivo della professione medica in concorso (1) Accusato di violenza sessuale verso le figlie minorenni: arrestato uomo del Togo (1) Forestale sequestra terreno di 10mila mq a Cavallirio (1) Giudizio abbreviato per tre ex assessori della Giunta Giordano-Moscatelli (1) Inaugurata l’Esposizione risorgimentale permanente di Novara (1) Chiaccherando di Novara d’estate (1) Masciadri inaugura il centro-sinistra (1) "Lumellogno tra Storia, Arte e Cultura" (1) Il docente accusato di violenza sessuale su una studentessa torna ai domiciliari (1) Canna, grande sindaco-amministratore (1) “una storia ri-trovata” (1) Trentotto progetti approvati tra arte e storia (1) Inaugurata all’istituto Omar la mostra fotografica dedicata al Risorgimento (1) Novara e le sue storie raccontate da Gianfranco Capra (1) Agguato al professor Musy: spunta un testimone (1)

Tags: docente, storia, abusi, studentesse

Dal Territorio

Scontro in centro a Sizzano

Scontro in centro a Sizzano
SIZZANO, Scontro tra due veicoli nel centro di Sizzano, nel Novarese, nel pomeriggio di domenica. Il sinistro lungo la strada provinciale 299 della Valsesia, all’altezza di corso Italia. A entrare in collisione sono state una Renault Clio, guidata da una 43enne di Sizzano, sola a bordo, e una Fiat 500, alla cui guida c’era un 36enne di Gattinara, anche lui solo a bordo del(...)

continua »

Altre notizie

Il Novara Calcio ha trovato l’equilibrio

Il Novara Calcio ha trovato l’equilibrio
NOVARA - E adesso non parlate di play off. Anche se la classifica del Novara, ad oggi, direbbe il contrario, con tre punti di distanza da quel fatidico ottavo posto, attualmente occupato dall’Entella, e ben sei lunghezze di vantaggio sulla zona rischio. C’è ancora tanta strada da pedalare, come si dice in gergo ciclistico, e per gli uomini di Boscaglia(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

Anche Shell cerca petrolio nel Novarese

Anche Shell cerca petrolio nel Novarese
Oltre 400 chilometri quadrati di terreno tra Piemonte e Lombardia, nelle province di Novara, Vercelli, Varese e Biella. Da Castelletto Ticino a Borgomanero, sino a Gattinara e Sizzano: è su questa larga porzione di Nord Italia - denominata nel suo complesso “Cascina Alberto” - che il colosso petrolifero Shell eserciterà nel prossimo futuro il permesso di ricerca di(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top