Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 21 febbraio 2018
 
 
Articolo di: martedì, 12 settembre 2017, 10:18 m.

Processo Giordano: spazio alla difesa

I testi: “Alla festa di compleanno di Giordano c’era anche Cortese”

NOVARA, Si è tornati in aula lunedì per una nuova udienza del processo relativo al caso Giordano, la maxi inchiesta che vede il coinvolgimento dell’ex sindaco di Novara ed ex assessore regionale Massimo Giordano e di altri 18 imputati. E’ la prima udienza dopo la pausa estiva. Molti i testi della difesa ascoltati in aula e dai quali si evince la linea difensiva adottata dai legali dell’ex primo cittadino. A partire dal voler dimostrare che, alla festa per i 40 anni di Giordano, sulla terrazza del bar Coccia, fosse presente anche l’allora comandante della Polizia municipale, Paolo Cortese, fatto che quest’ultimo ha sempre rigettato. A rilevare la presenza dell’allora comandante diversi testi, compresa Laura Bianchi, consigliera comunale di maggioranza nella Giunta Giordano e presidente della Fondazione Castello e il giornalista Gigi Santoro. “Alla festa ho incontrato – ha detto quest’ultimo – il questore Ricciardi con la figlia, l’allora prefetto Amelio e ho incontrato al bancone del bar il comandante in borghese”. Sempre Santoro ha escluso che ci fosse un’amicizia tra Giordano e il gestore del bar, Mario Berti. “Non mi risulta – ha poi aggiunto – Credo il loro fosse un normale rapporto cliente-gestore”. Così anche Laura Bianchi, amica dell’ex sindaco: “Berti non era nel nostro giro di amici, non è mai uscito con noi”. Testimonianze, queste, che, nella linea difensiva, tenderebbero a dimostrare che tra Cortese e Giordano ci fosse un rapporto d’amicizia, tanto da aver partecipato alla festa e come, soprattutto, l’ex assessore regionale non abbia favorito la gestione del bar Coccia, come – invece – sostiene la Procura di Novara. Per l’accusa, infatti, Giordano avrebbe fatto pressione sull’ex comandante affinché non si facessero controlli al locale. Ascoltati altri testi, mentre ad altri la difesa ha rinunciato. Prossima udienza il 25 ottobre, quando saranno ascoltati l’allora capitano della Compagnia di Novara dei Carabinieri, Emanuele Caminada, l’allora consigliere di minoranza Domenico Ierace e operanti della polizia giudiziaria.

Monica Curino

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola giovedì 14 settembre

 

Articolo di: martedì, 12 settembre 2017, 10:18 m.

Dal Territorio

In auto con due chili di hashish suddivisi in 20 panetti: in manette un 32enne

In auto con due chili di hashish suddivisi in 20 panetti: in manette un 32enne
GATTICO, Lunedì a Gattico, nel Novarese, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato M.O., cittadino marocchino residente nella zona del Verbano, classe 1986, già conosciuto dalle Forze dell’ordine. L’uomo è finito in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Nel corso di uno dei quotidiani controlli alla(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top