Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 25 febbraio 2018
 
 
Articolo di: giovedì, 18 gennaio 2018, 1:58 p.

Presentato l'Osservatorio Findomestic 2017 sul Piemonte

Consumi, si spende di più. Biella regina per il reddito

Nel 2017 in Piemonte la spesa destinata all'acquisto dei beni durevoli è cresciuta del +4,1%,  più di quanto abbia fatto in ogni altra regione italiana. Il comparto delle auto nuove ha svolto la sua funzione di traino più che altrove, realizzando un +5,3%, il valore più elevato tra tutte le regioni. Incrementi anche nel settore dell'usato (+5,7%) e dei motoveicoli (+6,4%). Lo stimolo maggiore alla crescita della spesa tra i beni legati alla casa proviene dagli elettrodomestici, che hanno presentato il più elevato incremento sul panorama italiano (+3,7%) e dai mobili, caratterizzati da un aumento del 2,5% (a fronte di un +1,8% in tutta Italia). A livello provinciale Biella, con 23.343 euro per abitante, si conferma, come nel 2016, la provincia piemontese a reddito più elevato: con i suoi 23.343 euro per abitante si colloca all'8° posto tra le 103 province italiane, l'unica sopra la media del Nord ovest (22.363 euro). Segue Torino con 22.164 euro, Vercelli con 21.541 euro, Cuneo con 20.995 euro, Alessandria con 20.708, Asti con 19.236 euro, Novara con 18.790 euro e per finire Verbano-Cusio-Ossola con 17.805 euro.
Tra le altre, Torino registra la crescita più alta per i beni durevoli (+5,0%) seguita da Cuneo (+4,3%). Biella, con 3.055 euro per famiglia si colloca al terzo posto tra tutte le province italiane dopo Prato e Modena. Novara e il Vco stanno sempre nella media dei comsumi nei vai settori.
Questi sono i principali risultati della ventiquattresima edizione dell'Osservatorio di Findomestic Banca sul consumo di beni durevoli in Piemonte, presentato stamane a Torino. Nel 2017 la spesa complessiva per l'acquisto di beni durevoli in Piemonte si è attestata a 5.474 milioni di euro, avanzando di +4,1% sul 2016, più di quanto abbia fatto in ogni altra regione italiana (+2,0% la media nazionale).
Complessivamente in Piemonte il reddito disponibile per abitante nel 2017 è cresciuto in linea con il resto del Paese, con un +2,4%, salendo a quota 21.300 euro pro capite, dato che consente alla regione di occupare la 5° posizione sulle 20 regioni italiane.
Roberto Azzoni

Articolo di: giovedì, 18 gennaio 2018, 1:58 p.

Dal Territorio

Il Novara cade Avellino

Il Novara cade Avellino
AVELLINO - NOVARA 2 - 1       AVELLINO:  Lezzerini, Ngawa, Morero, Kresic, Rizzato (16’ stLaverone), Molina, (12’ st Cabezas), D’Angelo, Di Tacchio, Bidaoui, Gavazzi (34’ st Falasco), Asencio.  All.:  Novellino   NOVARA:  Montipò, Troest, Mantovani, Chiosa, Dickmann(...)

continua »

Altre notizie

Tetto in fiamme a Maggiora

Tetto in fiamme a Maggiora
MAGGIORA, Incendio al tetto di un'abitazione alle 19,15 di sabato 24 febbraio a Maggiora, nel Novarese. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco con una squadra de l distaccamento di Borgomanero e una dei volontari di Romagnano Sesia. Le fiamme hanno interessato un appartamento di due piani con mansarda. Le squadre sono riuscite a evitare che il fuoco raggiungesse i tetti vicini.(...)

continua »

Altre notizie

"Oneshot": moto d’epoca restaurate

"Oneshot": moto d’epoca restaurate
NOVARA -  Si svolge a Casa Bossi, via Pier Lombardo 4, oggi sabato 24 e domenica 25 febbraio, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, la mostra "Oneshot". E' un'esposizione di moto d'epoca restaurate: Bmw R69s del 1965; Bmw r75/5 del 1973; Hercules 100gs America del 1968; Hercules gs 125 del 1972; BSA b25ss del 1972; Laverda 750SF del 1970; Yamaha xs 2 del 1973;Bultaco alpina 250 del(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top