Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 21 febbraio 2018
 
 
Articolo di: martedì, 11 ottobre 2016, 12:46 p.

Politiche transfrontaliere, incontro nella sede della Provincia del Vco

Dopo il recente referendum promosso da Lega Ticinese e UDC

VERBANIA - Il recente referendum promosso da Lega Ticinese e UDC ha complicato ulteriormente le trattative in corso tra i Governi italiano e svizzero in tema di politiche transfrontaliere. Per affrontare la questione il presidente della Provincia del Verbano Cusio Ossola ha convocato lo scorso venerdì 7 ottobre,  presso la sede del Tecnoparco, un tavolo provinciale. 

Nel corso dell’incontro,  presenti, oltre ovviamente la Provincia rappresentata dal presidente Costa, i rappresentanti dei lavoratori frontalieri in attività e pensionati, i rappresentanti sindacali, il vicepresidente della Regione, Aldo Reschigna e l'onorevole Enrico Borghi, sono stati ripercorsi gli avvenimenti degli ultimi mesi mettendo in evidenza come le iniziative ticinesi, volte a porre delle limitazioni nella libera circolazione delle persone, provochino inevitabilmente delle complicanze nella prosecuzione dei negoziati in corso.

In merito ai nuovi accordi fiscali, su sollecitazione dei rappresentanti sindacali, è stata rimarcata, ancora una volta,  la necessità di riaprire i termini della cosiddetta "voluntary disclosure" al fine evitare il rischio di una doppia tassazione del fondo di previdenza (denominato comunemente II pilastro), della rendita derivata dal pre-pensionamento e delle rendite derivate dalle pensioni di invalidità, riproponendo la possibilità ai contribuenti di usufruire di una tassazione al 5%.

L'onorevole Borghi ha confermato che l'approvazione in Parlamento di una sua mozione, avvenuta nei mesi scorsi, permetterà al Governo di riaprire i termini di un'intesa fiscale che tenga conto della peculiarità del lavoro frontaliero con provvedimento specifico nella prossima Legge di Stabilità, prevista in approvazione entro la fine di questo mese. Tutti i presenti hanno, pertanto, condiviso la necessità di rifare il punto della situazione a provvedimento approvato iniziando però fin da subito un'azione informativa capillare volta a scongiurare la scarsa adesione al concordato riscontrata entro la passata scadenza.

v.s.

Articolo di: martedì, 11 ottobre 2016, 12:46 p.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

In auto con due chili di hashish suddivisi in 20 panetti: in manette un 32enne

In auto con due chili di hashish suddivisi in 20 panetti: in manette un 32enne
GATTICO, Lunedì a Gattico, nel Novarese, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato M.O., cittadino marocchino residente nella zona del Verbano, classe 1986, già conosciuto dalle Forze dell’ordine. L’uomo è finito in manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Nel corso di uno dei quotidiani controlli alla(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top