Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 21 febbraio 2018
 
 
Articolo di: lunedì, 31 luglio 2017, 7:14 p.

Piscina scoperta chiusa, chi pagherà?

L’assessore Perugini: «Verificheremo le responsabilità»

NOVARA - Continua la vicenda infinita della piscina di via Solferino. Dopo l’annuncio della mancata apertura per quest’estate, ora dovrà essere messa in sicurezza, con relativo esborso ulteriore, prima di capire il suo destino.
Una storia infinita: la Libertas Novara ha rinunciato all’ultimo anno di gestione che le rimaneva, in base alla convenzione con il Comune, successivamente le nuove associazioni che avevano vinto il nuovo bando di assegnazione, alla fine hanno comunicato di non poter gestire l’impianto per una serie di mancanze. Morale, porte sprangate per questa stagione.
L’ultimo atto è stata la determina dell’Amministrazione che ha stanziato 5.695 euro per degli interventi all’impianto di via Solferino per evitare ulteriori danni nella stagione invernale: in particolare lo svuotamento, la pulizia e il riempimento delle vasche e la manutenzione delle altre apparecchiature e dei filtri.
Una spesa che va sommata al mancato introito, previsto dal Comune di Novara dopo l’assegnazione del bando, di 23.500 euro, che sarebbe dovuto arrivare con l’apertura della piscina. Quasi 30mila euro in fumo.
La domanda che abbiamo girato, a questo punto, all’assessore allo Sport del Comune di Novara, Federico Perugini, è stata proprio questa.
Qualcuno risponderà di queste mancate entrate? «E’ un capitolo non ancora chiuso quello della piscina di Via Solferino. Infatti oggi, proprio per il rammarico di non averla resa disponibile ai cittadini e per la legittima aspettativa che ne avevano i fruitori, una volta terminata la pulizia e riempimento vasca per motivi igienico sanitari che inizierà oggi, in attesa di recuperarla, verificheremo le responsabilità: dalla rinuncia alla gestione fino alla mancata apertura. Infatti questa vicenda certamente ha portato ad una mancata entrata per il Comune ed ha impegnato una spesa per quanto appena detto. Detto questo, sono anche molto preoccupato per la situazione del mondo del nuoto novarese».
Sandro Devecchi 
Leggi di più sul Corriere di Novara di lunedì 31 luglio 2017 

Articolo di: lunedì, 31 luglio 2017, 7:14 p.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Incidente tra due auto a Paruzzaro, una a Gpl

Incidente tra due auto a Paruzzaro, una a Gpl
PARUZZARO, Incidente stradale oggi pomeriggio, mercoledì 21 febbraio intorno alle 15, lungo la strada regionale 142 Biellese, nel territorio di Paruzzaro, nel Novarese. A restare coinvolte nel sinistro, due autovetture, una delle quali alimentata con un impianto a gas (Gpl). Si sono registrati alcuni feriti, soccorsi dal personale del 118 e portati in ospedale. Sul posto la(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top