Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 18 febbraio 2018
 
 
Articolo di: mercoledì, 28 settembre 2011, 3:26 p.

Piazza Donatori di Sangue a Pella

L’intitolazione domenica alla presenza del sindaco Nello Ferlaino

PELLA – Domenica 25 settembre, a Pella, nel Cusio,  c’è stata l’intitolazione di una piazza ai ‘Donatori di sangue’.

La piazza risulta essere un’importante risorsa per il turismo del piccolo paese del Novarese. Posta a ridosso della nota località di San Filiberto, è da sempre frequentata da turisti e camperisti che giungono in paese per il fine settimana.

La scelta dell’Amministrazione comunale è ricaduta sui ‘Donatori di sangue’ in virtù del lavoro svolto dalla locale sezione Avis in questi anni. "Ci è sembrato corretto dare valore al lavoro svolto fino ad oggi da questa associazione, fiore all'occhiello del nostro paese – ha dichiarato il primo cittadino di Pella, Nello Francesco Ferlaino - dedicare una piazza ai donatori di sangue vuole essere un gesto di apprezzamento per quanto fatto fino ad oggi. La nostra sezione è cresciuta di anno in anno grazie al lavoro di tutti, ne è una prova che risulta essere una delle più attive all'interno della Sovracomunale, fatte comunque le dovute proporzioni viste le dimensioni del comune".

Una giornata molto importante per l’Avis di Pella che va ad affiancarsi a quella di qualche anno fa quando è stato inaugurato un monumento ai donatori proprio di fronte alla chiesa. A dare valore ulteriore alla giornata la presenza dei tanti labari delle sezioni vicine. Un segnale di affetto che inorgoglisce il presidente Giovanni Ferlaino. "Dopo il monumento realizzato alcuni anni fa, quest'anno siamo arrivati ad avere questa intitolazione. Un grande onore. In questi anni siamo cresciuti a livello di donatori, sia saltuari che abituali, oggi siamo 86 donatori fissi e 7 occasionali. Abbiamo registrato una crescita costante di donazioni. Il traguardo dell’inaugurazione della piazza è stato raggiunto grazie al lavoro di tutto il gruppo che arriva ad ogni singolo donatore coinvolgendolo e convincendolo che donare fa bene a se stessi e agli altri. E' bello vedere in una giornata come quella di oggi, intere famiglie partecipare. Marito e moglie che insieme donano. E' un gesto di condivisione e di amore verso il prossimo. La mia più grande soddisfazione è vedere qui presenti oggi 48 donatori che hanno voluto vivere insieme a noi questa giornata. E’ davvero difficile ringraziare tutti, ma vorrei ricordare coloro che lavorano tanto per l’associazione: la segretaria Silvana Viaretti e i Vice Presidenti Mauro Soldi e Silvano Protti”. I rappresentanti delle associazioni si sono ritrovati in piazza nella frazione Alzo dove hanno depositato fiori al monumento ai caduti e alla targa dell’Avis. Successivamente la discesa a Pella e lo scoprimento della targa di intitolazione della piazza; successivamente la funzione svoltasi in loco e officiata da don Alessandro di Gozzano. Dopo un breve rinfresco, saluto del presidente al monumento dell’Avis e deposizione di fiori al monumento ai caduti della centralissima piazza Motta. Poi pranzo sociale presso l’Imbarcadero di Pella a cui hanno partecipato 100 persone. Durante il conviviale sono stati premiati 20 donatori, fra le quali: una medaglia d’oro, Francesco Angeloni e un distintivo in oro con rubino, Massimo Maffei.

Monica Curino

Articolo di: mercoledì, 28 settembre 2011, 3:26 p.
Articoli correlati Nuova edizione del Festival di Pella (3) Donatori Avis in festa sabato 5 novembre (2) 60° Avis Borgomanero, premiati 300 donatori di sangue (1) Donazione di sangue: l’esempio dal gruppo Avis operatori 118 Novara e sostenitori (1) Avis: ecco tutti i benemeriti (1) È sangue umano quello sulla Madonnina (1) Trecate: tentato omicidio in via Ugo Foscolo (1) Settimana della donazione di sangue nelle università (1) Al via il nuovo anno dell’Avis Cressa: molte le iniziative (1) "In estate donate sangue", l'appello di Novara soccorso (1) A Pella si corre il duathlon sprint (1) "Danze dal mondo" a Pella dalle 21,15 di questa sera (1) “I nuovi posteggi all’ospedale un vantaggio per la città” (1) La solidarietà dei pellesi per un ospedale in Burundi (1) Emanuele Filiberto di Savoia a Novara (1) “Il camminante”, spettacolo itinerante nella natura (1) Sottoscritta la convenzione triennale per la Sicurezza del Lago di Orta (1)

Tags: Pella, Filiberto, Sangue, Ferlaino, donatori

Dal Territorio

Lite a Cerano con accoltellamento: a processo uno per tentato omicidio, l’altro per lesioni

Lite a Cerano con accoltellamento: a processo uno per tentato omicidio, l’altro per lesioni
NOVARA, E’ stato aggiornato all’11 maggio, in Tribunale a Novara, un processo che vede al centro del dibattimento una lite che, a Cerano, nella tarda serata del 22 maggio 2015, si era conclusa con due feriti, uno più grave (che era finito in ospedale in Rianimazione) e uno più lieve. L’episodio era avvenuto in piazza Crespi. In quell’occasione due(...)

continua »

Altre notizie

Per il Novara pareggio tra gli applausi

Per il Novara pareggio tra gli applausi
NOVARA – SPEZIA 1 - 1   NOVARA : Montipò, Golubovic, Mantovani, Chiosa, Dickmann (32’ st Maniero), Casarini, Ronaldo (24’ st Orlandi), Calderoni, Moscati, Sansone (41’ st Di Mariano), Puscas.  All.:  Di Carlo. SPEZIA:  Di Gennaro, De Col, Terzi, Giani, Lopez, Mora (21’ stMaggiore), Bolzoni,(...)

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top