Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 18 febbraio 2018
 
 
Articolo di: domenica, 02 ottobre 2016, 9:34 m.

Piano nazionale scuola digitale

Corsi formativi anche a Novara ospitati al Fauser e al Bonfantini

NOVARA - Si terranno anche a Novara  i corsi formativi previsti nell’ambito delle azioni del Piano nazionale scuola digitale secondo quanto disposto dalla legge 107/2015: «Saranno l’Istituto Fauser e l’Istituto Bonfantini le scuole che ospiteranno  i corsi dell’azione “snodo formativo” - spiega il professore Filippo Liardi, referente dell’organizzazione dei corsi all’Istituto Fauser di via Ricci 14 - In particolare, al Fauser si terranno 18 corsi:  2 per dirigenti scolastici, 2 per direttori servizi generali amministrativi, 8 per docenti, 2 per team innovazione, 2 per amministratori digitali, 2 per assistenti amministrativi di scuole di ogni ordine e grado. L’obiettivo, infatti, è quello  di portare competenze informatiche  in tutte le scuole. I corsi, finanziati dall’Unione Europea, dovranno terminare entro dicembre 2017. Quelli per dirigenti scolastici e Dgsa sono già iniziati, quelli per i docenti dovrebbero partire invece a novembre mentre gli altri nel 2017. Al termine i partecipanti si vedranno riconosciute le ore di formazione effettuate in base a quanti previsto dalla legge 107/2015 in relazione alla formazione permanente dei docenti». Il professor Liardi prosegue: «Entro il prossimo 14 ottobre le varie scuole dovranno segnalare i 10 docenti  da iscrivere ai corsi: si prevede la partecipazione di 30 persone ad ognuno degli  8 corsi in programma per un  totale, quindi, di circa 250 docenti. Ogni corso avrà una durata di 18 ore con attività di laboratorio, una parte teorica e una applicativa su piattaforme dedicate». Diversi gli argomenti toccati:  «Si va dall’utilizzo  di piattaforme applicative per l’inclusione di alunni con disturbi specifici dell’apprendimento e bisogni educativi speciali, all’utilizzo di piattaforme e-learning e di strumenti  di collaborazione “on line”, dalla gestione delle reti alla sicurezza informativa e all’uso consapevole di internet - continua il professor Liardi - Il tutto  sempre con un taglio focalizzato sulla didattica: lo scopo principale è infatti quello di fornire ai docenti strumenti e competenze da trasmettere agli studenti».

Filippo Bezio

Articolo di: domenica, 02 ottobre 2016, 9:34 m.

Dal Territorio

Per il Novara pareggio tra gli applausi

Per il Novara pareggio tra gli applausi
NOVARA – SPEZIA 1 - 1   NOVARA : Montipò, Golubovic, Mantovani, Chiosa, Dickmann (32’ st Maniero), Casarini, Ronaldo (24’ st Orlandi), Calderoni, Moscati, Sansone (41’ st Di Mariano), Puscas.  All.:  Di Carlo. SPEZIA:  Di Gennaro, De Col, Terzi, Giani, Lopez, Mora (21’ stMaggiore), Bolzoni,(...)

continua »

Altre notizie

Lite a Cerano con accoltellamento: a processo uno per tentato omicidio, l’altro per lesioni

Lite a Cerano con accoltellamento: a processo uno per tentato omicidio, l’altro per lesioni
NOVARA, E’ stato aggiornato all’11 maggio, in Tribunale a Novara, un processo che vede al centro del dibattimento una lite che, a Cerano, nella tarda serata del 22 maggio 2015, si era conclusa con due feriti, uno più grave (che era finito in ospedale in Rianimazione) e uno più lieve. L’episodio era avvenuto in piazza Crespi. In quell’occasione due(...)

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top