Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 20 febbraio 2017
 
 
Articolo di: domenica, 02 ottobre 2016, 9:34 m.

Piano nazionale scuola digitale

Corsi formativi anche a Novara ospitati al Fauser e al Bonfantini

NOVARA - Si terranno anche a Novara  i corsi formativi previsti nell’ambito delle azioni del Piano nazionale scuola digitale secondo quanto disposto dalla legge 107/2015: «Saranno l’Istituto Fauser e l’Istituto Bonfantini le scuole che ospiteranno  i corsi dell’azione “snodo formativo” - spiega il professore Filippo Liardi, referente dell’organizzazione dei corsi all’Istituto Fauser di via Ricci 14 - In particolare, al Fauser si terranno 18 corsi:  2 per dirigenti scolastici, 2 per direttori servizi generali amministrativi, 8 per docenti, 2 per team innovazione, 2 per amministratori digitali, 2 per assistenti amministrativi di scuole di ogni ordine e grado. L’obiettivo, infatti, è quello  di portare competenze informatiche  in tutte le scuole. I corsi, finanziati dall’Unione Europea, dovranno terminare entro dicembre 2017. Quelli per dirigenti scolastici e Dgsa sono già iniziati, quelli per i docenti dovrebbero partire invece a novembre mentre gli altri nel 2017. Al termine i partecipanti si vedranno riconosciute le ore di formazione effettuate in base a quanti previsto dalla legge 107/2015 in relazione alla formazione permanente dei docenti». Il professor Liardi prosegue: «Entro il prossimo 14 ottobre le varie scuole dovranno segnalare i 10 docenti  da iscrivere ai corsi: si prevede la partecipazione di 30 persone ad ognuno degli  8 corsi in programma per un  totale, quindi, di circa 250 docenti. Ogni corso avrà una durata di 18 ore con attività di laboratorio, una parte teorica e una applicativa su piattaforme dedicate». Diversi gli argomenti toccati:  «Si va dall’utilizzo  di piattaforme applicative per l’inclusione di alunni con disturbi specifici dell’apprendimento e bisogni educativi speciali, all’utilizzo di piattaforme e-learning e di strumenti  di collaborazione “on line”, dalla gestione delle reti alla sicurezza informativa e all’uso consapevole di internet - continua il professor Liardi - Il tutto  sempre con un taglio focalizzato sulla didattica: lo scopo principale è infatti quello di fornire ai docenti strumenti e competenze da trasmettere agli studenti».

Filippo Bezio

Articolo di: domenica, 02 ottobre 2016, 9:34 m.

Dal Territorio

Il Novara Calcio ha trovato l’equilibrio

Il Novara Calcio ha trovato l’equilibrio
NOVARA - E adesso non parlate di play off. Anche se la classifica del Novara, ad oggi, direbbe il contrario, con tre punti di distanza da quel fatidico ottavo posto, attualmente occupato dall’Entella, e ben sei lunghezze di vantaggio sulla zona rischio. C’è ancora tanta strada da pedalare, come si dice in gergo ciclistico, e per gli uomini di Boscaglia(...)

continua »

Altre notizie

Donna derubata nell’area parcheggio del Santuario di Boca

Donna derubata nell’area parcheggio del Santuario di Boca
BOCA, Ladri in azione domenica pomeriggio nell’area adibita a parcheggio posta davanti al Santuario di Boca, nel Novarese. Una signora ha parcheggiato la sua autovettura per assistere alla messa. Prima di lasciare il veicolo, ha messo la propria borsa nel baule, perché, come spiega la stessa figlia della donna su Facebook, “con stampella e borsa non riusciva a entrare(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

Anche Shell cerca petrolio nel Novarese

Anche Shell cerca petrolio nel Novarese
Oltre 400 chilometri quadrati di terreno tra Piemonte e Lombardia, nelle province di Novara, Vercelli, Varese e Biella. Da Castelletto Ticino a Borgomanero, sino a Gattinara e Sizzano: è su questa larga porzione di Nord Italia - denominata nel suo complesso “Cascina Alberto” - che il colosso petrolifero Shell eserciterà nel prossimo futuro il permesso di ricerca di(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top