Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 28 aprile 2017
 
 
Articolo di: martedì, 11 aprile 2017, 5:30 p.

Piano Musa, 316 posteggi tornano gratuiti

Approvata dalla Giunta la prima revisione

NOVARA - Durante la seduta di Giunta di oggi, martedì 11 aprile, è stata approvata la prima revisione del piano Musa. "Come avevamo promesso e in linea con il nostro programma, abbiamo cominciato a rimettere mano al Piano Musa e ai parcheggi a pagamento, così come più volte sollecitato dai Novaresi - dicono il sindaco Alessandro Canelli e l’assessore alla Mobilità urbana Silvana Moscatelli - con il 1° luglio si arriverà all’abolizione della sosta a pagamento per un totale di trecentosedici posteggi di fascia C in due differenti zone della città".
La prima zona interessata dal provvedimento, "è quella di piazza Pasteur: nella stessa piazza – ricordano il sindaco e l’assessore -  saranno restituiti alla  sosta libera settantacinque stalli, ai quali si aggiungeranno i ventidue di via Gorizia, i quarantanove di via Legnano, i diciannove di via Pontida, i ventidue di via Piave e i sei di via Monte san Gabriele. Con questo atto abbiamo voluto dare una risposta positiva alle criticità e alle sollecitazioni giunte dai commercianti della zona, sia gli ambulanti del mercatino di piazza Pasteur, sia anche i proprietari dei negozi, che avevano visto la propria attività fortemente penalizzata conseguentemente all’introduzione dei posteggi a pagamento".
Altri posteggi a strisce bianche, per la precisione centoventitre, "nell’area conosciuta come parcheggio Pernati - ex Rotondi: qui – spiegano Alessandro Canelli e Silvana Moscatelli – era stato infatti imposto il pagamento di posteggi solitamente utilizzati dai pendolari, una vera e propria tassa occulta per i lavoratori, generando peraltro una conflittualità con il vicino supermercato Carrefour in quanto gli stessi pendolari e i lavoratori della zona, all’indomani del Musa, per evitare di pagare avevano preso l’abitudine di sostare all’interno dei parcheggi dello stesso supermercato, con un’ovvia diminuzione di spazi a discapito dei clienti. Anche questo problema doveva trovare una soluzione e siamo pertanto intervenuti considerandola tra le priorità. In ogni caso va detto che questo è un primo passo di rivisitazione e riorganizzazione del Piano Musa, un primo passo che non è stato semplice e che è il frutto di un’attenta analisi e di una verifica dei dati a nostra disposizione per poter procedere in questo senso. Nei prossimi mesi seguiranno altri interventi, che affronteremo con lo stesso atteggiamento e la stessa attenzione avuti in questa prima fase".
Soddisfazione per il risultato raggiunto è stata manifestata da tutta la maggioranza, in particolare dalla Lega Nord e da Fratelli d’Italia, che durante la campagna elettorale avevano fortemente criticato il Piano Musa introdotto dall’Amministrazione guidata dal sindaco Andrea Ballarè. In particolare il consigliere Ivan De Grandis (Fratelli d’Italia), che, all’indomani dell’entrata in vigore del Piano Musa, aveva dato vita a un comitato spontaneo di cittadini contrari al provvedimento, ha rimarcato che "questo risultato è un primo passo, una “picconata” davvero significativa rispetto alle criticità e al disagio che erano stati immediatamente rilevati e manifestati da numerosissimi Novaresi. Come rappresentante del Comitato e come consigliere comunale non posso che dirmi pienamente in sintonia con la decisione della Giunta: sindaco e assessore hanno lavorato con puntualità e precisione rispetto a quella che era un’aspettativa ampiamente diffusa".
Il capogruppo della Lega Nord Matteo Marnati ha sottolineato che "dopo la riduzione delle rette degli asili nido, un altro degli obiettivi che ci eravamo prefissati durante la campagna elettorale è stato raggiunto: si diceva che il Musa fosse intoccabile e, invece, con un lavoro attento e responsabile da parte dell’Amministrazione siamo arrivati a questo primo, importante risultato".
Il capogruppo di “Forza Novara” Valter Mattiuz e il capogruppo di “Con noi per voi” Arduino Pasquini si associano all’approvazione del provvedimento. "Abbiamo mantenuto una promessa – aggiungono infine Mattiuz e Pasquini - nel rispetto di quanto previsto a livello contrattuale, andando, con grande concretezza, a rimettere mano a una scelta della Giunta Ballarè dalla quale ci siamo sempre dissociati".
v.s.

Articolo di: martedì, 11 aprile 2017, 5:30 p.

Dal Territorio

Cressa: tre denunciati per gestione illecita di rifiuti

Cressa: tre denunciati per gestione illecita di rifiuti
CRESSA, I carabinieri del Nucleo forestale di Carpignano Sesia e di Borgolavezzaro, assieme al nucleo investigativo dei carabinieri di Novara, hanno denunciato tre persone per la gestione e lo stoccaggio di rifiuti in difformità dalle autorizzazioni ambientali possedute dalle due ditte di cui sono titolari.   L’accusa, per i tre, è di gestione illecita di(...)

continua »

Altre notizie

Un brutto Novara crolla a Vicenza

Un brutto Novara crolla a Vicenza
Un Novara autore di una prova incolore esce sconfitto dal Menti di Vicenza. Gli azzurri in partenza danno l'idea di poter controllare la partita e trovano anche il vantaggio con Macheda. Il gol però sembra accontentare il Novara e a poco sale il Vicenza. Ebagua Bellomo e Orlando  trovano tre gol che annichiliscono la squadra di Boscaglia su cui scende la notte. Novara abulico(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

Trenino turistico ad Arona, nuovo gestore cercasi

Trenino turistico ad Arona, nuovo gestore cercasi
ARONA - Non suona più da oltre sei mesi la sua inconfondibile campanella. Per il momento il “trenino turistico” (nella foto di Emanuele Sandon), da cinque anni a servizio della città per portare turisti, villeggianti e aronesi dal centro alla Rocca e al colosso di San Carlo, si è dovuto fermare. Forse ancora per poco. Scade oggi, mercoledì 26 aprile,(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top