Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 novembre 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 08 maggio 2017, 5:54 p.

Per il Novara sarà ancora serie B

Gli azzurri giocheranno in cadetteria per il terzo anno di fila

NOVARA - Alla fine è arrivata anche la sospirata aritmetica. Con due giornate d’anticipo il Novara arpiona la salvezza matematica e si riappropria del nono posto in classifica. Un traguardo che sembrava non voler arrivare mai, soprattutto dopo le ultime tre sconfitte di fila, che avevano riportato qualche fantasma all’interno dell’ambiente azzurro e provocato l’ormai immancabile subbuglio all’esterno.
E, invece, nelle condizioni più difficili, la squadra di Roberto Boscaglia, che dalla graticola non è mai sceso, ha ottenuto i tre punti che permetteranno alla gloriosa società nata nel 1908 di disputare l’anno prossimo il terzo campionato consecutivo in serie B. Cosa che non accadeva dagli anni Settanta.
Un lavoro non da poco, frutto dalla caparbietà del presidente Massimo De Salvo e della competenza del direttore sportivo Domenico Teti, riuscito a proporre una squadra competitiva con i mezzi che aveva a disposizione.
Sì, perchè è vero che gli alti e bassi in una stagione travagliata sono stati parecchi, ma è altrettanto sacrosanto che quest’anno si è ripartiti da zero per consentire un futuro solido in un mondo, quello pallonaro, sempre più in sofferenza.
Partiti i big, prima Gonzalez e a gennaio Viola e Faragò, Teti ha puntato su una squadra di lotta, soprattuto con gli innesti del mercato di riparazione, meritandosi sul campo una riconferma che finora non è stata ancora vergata nero su bianco.
Non meno importante la figura dell’allenatore, che è riuscito a far fruttare il materiale a sua disposizione centrando quello che era l’obiettivo primario, dando sempre l’impressione di avere la situazione in mano, anche nei momenti più complicati.
E la vittoria, soffertissima, di Cesena ha mostrato proprio questo aspetto: un gruppo magari non di fenomeni che, nonostante le assenze dei suoi giocatori cardine (Da Costa, Casarini, Dickmann e Galabinov, peraltro tutti presenti in massa al “Manuzzi”), è riuscito a compattarsi, giocandosela come ha quasi sempre fatto alla pari con gli avversari. Insomma, un Novara all’altezza.
E allora ben venga gioire per questa salvezza, che in serie B non è mai un fatto assodato.
Il futuro può ancora attendere. Mancano due partite alla fine del campionato, sabato al “Piola” contro la Virtus Entella e il giovedì successivo a Carpi, e gli azzurri hanno tutta l’intenzione di onorarle al meglio: i play off (semmai si disputeranno) sono a due punti, ma pensare di poter mettere la ciliegina sulla torta appare quantomeno irrealistico, visti i 18 punti di distacco dalla terza, il Frosinone, che dovrebbe ottenere la miseria di un punto negli ultimi 180’ minuti. 
Ma finire bene può essere importante, oltre che dignitoso.
Poi si potrà parlare del futuro. Le basi ci sono, tra i leader dell’attuale gruppo e i numerosi ragazzi che stanno salendo alla ribalta.
E le rivoluzioni sono già state fatte la scorsa estate.
Basterà questo a riportare un pizzico di entusiasmo in più in una piazza tornata “freddina”? Ci auguriamo proprio di sì.

Paolo De Luca

Articolo di: lunedì, 08 maggio 2017, 5:54 p.

Dal Territorio

Il Novara cede al Bari

Il Novara cede al Bari
NOVARA - BARI 1-2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Mantovani, Del Fabro, Dickmann,Moscati, Orlandi, Sciaudone (11’ st Chajia), Calderoni, Macheda (20’ st Maniero), Da Cruz (26’ st Di Mariano).  All.:  Corini.   BARI:  Micai, Anderson, Gyömbér, Tonucci, Fiamozzi, Petriccione, Basha (25’ st(...)

continua »

Altre notizie

Protesta al Bellini di via Liguria: laboratori di meccanica al freddo da mesi

Protesta al Bellini di via Liguria: laboratori di meccanica al freddo da mesi
NOVARA, Protesta, questa mattina lunedì 20 novembre, da parte degli studenti dell’istituto Bellini di via Liguria, a Novara. Uno sciopero cui ha aderito la maggior parte dei ragazzi della scuola superiore. La protesta è ben rappresentata da quanto scritto in alcuni striscioni che i ragazzi hanno portato durante la manifestazione, che si è svolta per(...)

continua »

Altre notizie

Don Camillo e Peppone? Sono a Galliate

Don Camillo e Peppone? Sono a Galliate
GALLIATE - Galliate come Brescello. Sta per arrivare a Galliate una “full immersion” nelle atmosfere di Don Camillo e Peppone. E’ in allestimento proprio in questi giorni, a cura della Pro loco, una mostra itinerante, a carattere antologico, all'insegna del "Mondo piccolo" con i personaggi che hanno reso immortale l’autore Giovannino Guareschi. La mostra(...)

continua »

Altre notizie

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto
La discarica di Barengo chiuderà nel 2018, è l’unico impianto sul territorio del Novarese per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati e urge trovare un altro impianto dove conferire circa 58.000 tonnellate all’anno. Tre le soluzioni possibili. Il bando di gara si chiude con un vincitore oppure il progetto di un sopralzo. In alternativa prende piede(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top