Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 21 febbraio 2018
 
 
Articolo di: martedì, 08 novembre 2016, 4:31 p.

Pd: “La confusione regna a Palazzo Cabrino. E il sindaco?”

Intervento del gruppo consigliare in Comune

NOVARA, “Improvvisazione, superficialità e poco rispetto del ruolo dei consiglieri comunali: a Palazzo Cabrino regna la confusione”. E’ quanto sostiene il gruppo consigliare del Partito democratico in Comune a Novara in un comunicato stampa.

La cronaca "in diretta" della giornata di lunedì “descrive – spiegano i consiglieri - in modo plastico una situazione preoccupante, che solo la pressione esercitata dal gruppo del Partito Democratico, insieme alle altre opposizioni, è riuscita a riportare sui binari giusti”.

Questa la spiegazione fornita dal Pd: poco prima di mezzogiorno il presidente del Consiglio Comunale Gerardo Murante scrive un messaggio ai capigruppo consiliari, annunciando una seduta della Conferenza dei Capigruppo per venerdì 11 alle 14,30  "per concordare - si legge testualmente - le date di convocazione della prima commissione e del prossimo consiglio comunale che non si terrà più il 15/11". “La notizia – scrive il Pd - ha più di qualche elemento di rilevanza, anche perché viene lasciato misterioso il motivo del rinvio di una seduta che - è bene ricordarlo - avrebbe dovuto avere come punto essenziale all'ordine del giorno l'approvazione del Documento Unico di Programmazione: "nei capigruppo - scrive lapidariamente Murante - spiegheremo il perché"”. “Se non bastasse questo primo elemento di sorpresa (che avremo certamente modo di approfondire nei prossimi giorni), il messaggio prosegue – continua il Pd - annunciando che "alle 15,30 dello stesso giorno la capigruppo verrà allargata a tutti i consiglieri comunali perché verrebbero i vertici della banca a spiegarci la fusione". In pratica la proposta è quella di sbrigare con una riunione ristretta, senza pubblico, senza trasmissione in streaming quanto l'amministrazione si era impegnata a fare a seguito della mozione approvata dal Consiglio Comunale in ordine al tema della fusione tra Banco Popolare e Banca Popolare di Milano, cioè una audizione dei vertici dell'Istituto di credito”.

Il capogruppo del PD, Andrea Ballarè risponde in modo interlocutorio, chiedendo tempo per consultare gli altri consiglieri e sentire anche le altre opposizioni.

Intorno alle 14, Ballarè scrive a Murante tutte le perplessità sue e del gruppo del PD su questa procedura: "Il luogo - scrive - dove sono presenti tutti i consiglieri si chiama Consiglio Comunale".

Ma era già troppo tardi:  poco più di mezz'ora prima, alle  13,15, riferisce il Pd nella nota stampa, dalla segreteria generale parte la convocazione della cosiddetta "capigruppo allargata".

“Ancora una volta  non c'è quasi il tempo di riflettere, perché arriva un ennesimo colpo di scena. Poco dopo le 16, sempre via messaggio sulla chat di Whattsapp, il presidente annuncia che "la riunione dei capigruppo si terra venerdì 11 alle 14,30 con all'odg la programmazione dei lavori del prossimo consiglio comunale. Diversamente per quanto riguarda l'incontro con vertici della Banca Popolare non sarà più fatto all'interno dei capigruppo ma in un consiglio comunale dedicato che si svolgerà sempre venerdì 11 dalle 15,30 alle 19,30". Neanche il tempo di leggere fino in fondo, che nelle caselle email dei consiglieri comunali arriva una PEC con la convocazione di questo consiglio comunale "fuori sacco".

Davvero un pasticcio - commenta nel comunicato il capogruppo del PD Andrea Ballarè - che ancora una volta mostra in tutta evidenza lo "stile" di questa amministrazione di destra a guida leghista: un mix di confusione e di poco rispetto dei rappresentanti eletti dalla città. Qualcosa che non fa certo il bene di Novara, soprattutto su questo tema specifico che è davvero di interesse generale. Conoscere il futuro della Banca novarese interessa molto i tanti lavoratori dell'istituto di credito e i tantissimi cittadini che per motivi personali o di lavoro hanno a che fare con la Banca”.

“Solo il nostro intervento - aggiungono i consiglieri di Partito Democratico Rossano Pirovano, Milù Allegra, Elia Impaloni, Sara Paladini - ha consentito che la discussione su un tema di grande rilevanza quale è quello del futuro della Banca del territorio novarese si svolgesse nella sede corretta, cioè il consiglio comunale”. “Mi resta però un dubbio - conclude il capogruppo Ballarè - e mi domando se la Presidenza del Consiglio comunale abbia potuto cercare una forzatura di questo tipo senza l'assenso del sindaco. Canelli aveva fortemente avocato a sé questo argomento, impegnandosi in prima persona davanti al consiglio comunale, ed ho il sospetto che il tentativo di usare una "scorciatoia" non sia che l'ultimo di una serie di espedienti  messi in atto per distogliere l'attenzione generale da un tema molto rilevante per la città. Abbiamo fatto in modo di evitarlo. E venerdì la discussione sarà pubblica e partecipata da tutto il consiglio comunale. Come è giusto che sia”. 

mo.c.

Articolo di: martedì, 08 novembre 2016, 4:31 p.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Ubriaco, semina il panico sulla statale del Sempione

Ubriaco, semina il panico sulla statale del Sempione
CASTELLETTO, Ha cercato di bloccare diversi automobilisti lungo la strada statale del Sempione, nella zona tra Castelletto Ticino e Arona, nel Novarese, con una lunga serie di manovre particolarmente azzardate a bordo della sua Alfa Romeo 147. Il tutto sino a quando una pattuglia della Polizia stradale di Borgomanero, allertata da un automobilista che aveva avuto a che fare con(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top