Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 20 luglio 2017
 
 
Articolo di: domenica, 05 marzo 2017, 12:27 p.

Parte la colletta dei privati per salvare le caprette di Cressa

Gara solidale dopo lo sfogo dell'allevatore che deve buttare via il latte

CRESSA - Sono tornate finalmente a fare tre pasti al giorno le caprette di Rosario Sabia, l'allevatore del Medio Novarese che aveva raccontato al nostro giornale di non riuscire più a mantenere i suoi animali. Una decina di persone, privati cittadini della zona, stanno infatti facendo una colletta per aiutare l’uomo e le sue bestiole. Fieno e mais per la settantina di caprette che ancora si trovano in condizioni precarie nel capannone di via Suno a Cressa, ma che, grazie ai pasti regolari, hanno perlomeno smesso di ammalarsi e morire.Come ci aveva raccontato poco più di due settimane fa, Rosario Sabia continua a trovarsi in gravi difficoltà finanziarie, dopo aver speso i suoi risparmi per creare un allevamento in una stalla risultata non a norma. «Ho denunciato chi mi ha affittato la struttura ma, in attesa della decisione del giudice, ho perso i permessi necessari per lavorare perché il capannone non ha i requisiti necessari», aveva detto. L’intricata vicenda è cominciata un anno e mezzo fa con la firma di un contratto d’affitto nel quale il signor Sabia rileva, a suo dire, pesanti irregolarità e si complica quando l’allevatore si rende conto che manca l’agibilità della struttura. «Credevo ancora di poter avviare la mia attività – ci aveva raccontato - così ho speso tutti i risparmi miei e della mia compagna per realizzare i lavori più urgenti nella stalla e per comprare l’attrezzatura». La situazione però non si sblocca, anzi, quando l’allevatore trasferisce comunque le sue bestie nel capannone scattano le multe dell’Asl perché la struttura non è a norma. «Non potevo fare altrimenti perché la vecchia stalla era così piccola che gli animali si ferivano con le corna tra loro» aveva spiegato Sabia.«Purtroppo dal punto divista legale non ci sono novità: la causa non ha fatto progressi e quindi la mia situazione rimane molto precaria – racconta oggi il signor Rosario Sabia – Ringrazio davvero chi si sta prodigando per aiutarmi ma è impossibile, oltre che ingiusto, continuare a contare solo sul buon cuore della gente per far sopravvivere i miei animali» Una catena di generosità che si è concretizzata anche nelle telefonate alla nostra redazione dopo che abbiamo reso pubblica la storia. «Ho sentito davvero tanta vicinanza e molte persone sono venute a trovarmi in stalla – conclude l’allevatore– Ora spero che possa presto esserci una conclusione giudiziaria alla mia vicenda».Lucia Panagini

Articolo di: domenica, 05 marzo 2017, 12:27 p.

Dal Territorio

Dopo secoli, il lupo ritorna in pianura

Dopo secoli, il lupo ritorna in pianura
CAMERI - Per ora non sembra aver varcato il Ticino. Ma «la presenza di un lupo nei nostri territori sarebbe davvero una notizia. Mai, da quando sono qui, si è verificato un avvistamento così preciso e documentato». Parola del direttore del Parco naturale della Valle del Ticino e del lago Maggiore, Benedetto Franchina. Peraltro, sono secoli che nelle pianure del(...)

continua »

Altre notizie

Novara Calcio, un raduno “particolare”

Novara Calcio, un raduno “particolare”
GRANOZZO - C’era una volta il raduno… Una sorta di primo giorno di scuola in cui giocatori e tecnici, vecchi e nuovi, riapparivano d’incanto tutti abbronzati per la curiosità dei tifosi, attratti soprattutto dal cercare di associare cognomi a facce non ancora conosciute. Domenica è andato in scena un raduno molto singolare del Novara Calcio 2017-18.(...)

continua »

Altre notizie

Cinque anni e mezzo per violenza sessuale e maltrattamenti

Cinque anni e mezzo per violenza sessuale e maltrattamenti
NOVARA, Cinque anni e mezzo di carcere per violenza sessuale e maltrattamenti e assoluzione, invece, dall’accusa di stalking. Si è concluso così, in Tribunale a Novara, l’ennesima storia di maltrattamenti in famiglia. Alla sbarra un panettiere novarese di 40 anni. Stando alla denuncia dell’ex compagna, risalente al 2009, quando era andata a stare in una(...)

continua »

Altre notizie

Midsummer, grande jazz sul lago

Midsummer, grande jazz sul lago
Primo appuntamento oggi, martedì 18 luglio, nel parco di Villa La Palazzola, con Midsummer Jazz Concerts, dal 18 al 21 a Stresa, sabato 22 e domenica 23 luglio al Teatro “Il Maggiore" di Verbania. Ad aprire la rassegna jazz, giunta alla sesta edizione e inserita nel cartellone di Stresa Festival, sono il pianista spagnolo Chano Dominguez, Horacio Fumero al contrabbasso e David(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top