Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 22 febbraio 2018
 
 
Articolo di: giovedì, 30 novembre 2017, 2:59 p.

Operazione Costabella: sgominata banda che spacciava nei boschi di Suno, Momo, Fara, Oleggio e Bellinzago

Indagine dei Carabinieri

NOVARA, "Operazione Costabella", questo il nome dell'indagine portata avanti dai Carabinieri della Stazione di Momo e che ha visto la collaborazione di altri comparti del comando provinciale dell'Arma. Un'operazione che ha condotto, martedì mattina 28 novembre, all'esecuzione di un provvedimento emesso dal Gip di Novara, Claudia Gentili, su richiesta del pm Mario Andrigo, a carico di 15 soggetti responsabili a vario titolo di detenzione ai fini di spaccio in concorso e con la continuazione (per 13 di loro si tratta di un provvedimento di custodia cautelare in carcere, per altri due c'è il divieto di dimora nel Novarese). Di questi 15 già 9 sono le ordinanze eseguite, 8 nella giornata di martedì, uno nella giornata di oggi, giovedì 30 novembre.
Complessivamente, dall'avvio dell'indagine, sono 21 gli arresti portati a termine. Questa mattina, al comando provinciale, è stata illustrata l'operazione dal comandante della Compagnia di Novara, maggiore Eliseo Mattia Virgillo.
L'indagine è partita lo scorso aprile, con l'arresto di tre marocchini indagati per droga. Un'operazione che si è svolta con attività tecnica (esame del traffico telefonico), attività di osservazione e pedinamento, ascolto di circa 250 persone informate sui fatti e abituali clienti degli spacciatori, arresti e controlli 'a riscontro' dell'illecito commercio.
Un'attività che ha consentito di raccogliere molti elementi di prova, che hanno spinto il gip ad applicare 13 custodie cautelari in carcere (per 12 marocchini e un italiano) e due divieti di dimora nella provincia di Novara (anche questi marocchini). Il gruppo spacciava in particolare eroina e cocaina in grande quantità, in maniera minore, invece, hashish e marijuana. Agivano nei boschi di Suno, Momo, Oleggio, Fara Novarese e Bellinzago. In un anno è stato stimato che smerciassero, a settimana, tra i 250 e i 300 grammi di eroina, venduta a 70 euro al grammo in media, e altrettanti di cocaina (venduta a 20 euro al grammo), per complessivi 20 kg di droga.
Gli arresti sono stati eseguiti tra Novarese, Milanese, Bolzano e Varese. 
Monica Curino

Articolo di: giovedì, 30 novembre 2017, 2:59 p.

Dal Territorio

Scontro a Oleggio tra due auto

Scontro a Oleggio tra due auto
OLEGGIO, I Vigili del fuoco  il personale del 118 sono intervenuti in via Cascine Bellini a Oleggio, nel Novarese, per un incidente stradale. Il sinistro è avvenuto mercoledì alle 15, 45. Due autovetture coinvolte, una con due persone, tra cui una bambina di undici anni. L’altro veicolo era condotto da una donna in stato di gravidanza. Tutte le persone sono(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top