Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 22 febbraio 2018
 
 
Articolo di: martedì, 10 ottobre 2017, 10:00 m.

Nuovi marciapiedi a Vignale, partiti i lavori

L'intervento spiegato alla cittadinanza da amministratori e tecnici

NOVARA - Il 2 ottobre sono stati ufficialmente consegnati all'impresa “Dueeffe srl” i lavori per il rifacimento dei marciapiedi in corso Risorgimento – Vignale.
"Il primo intervento – spiegano l’assessore ai Lavori pubblici Simona Bezzi e l’assessore alla Mobilità Silvana Moscatelli - prevede l'abbattimento degli alberi. La scelta tecnica di sostituire l’alberata in concomitanza dei lavori di rifacimento stradale è frutto di un lungo processo che ha visto la condivisione delle competenze di molti tecnici comunali, tra cui ingegneri, geometri, architetti paesaggisti ed agronomi, la consulenza di diversi esperti di arboricoltura portati sul luogo, l’effettuazione di sofisticate analisi e non ultima la condivisione con la cittadinanza. Sostanziali sono i danni arrecati dalle radici al manto stradale e la loro interferenza con gli scarichi fognari e  con gli interrati di alcune abitazioni, il restringimento del marciapiede e la difficoltà di pedonalizzazione in particolare per alcune categorie di cittadini più deboli ovvero bimbi, anziani e disabili ha provocato negli anni diversi infortuni. Sono state valutate le alternative progettuali, ovvero lo spostamento degli alberi e lo scavo con escavatori a risucchio, ma tutte le ipotesi sono risultate inapplicabili tecnicamente. La proposta progettuale è stata sottoposta infine alla cittadinanza in occasione di un incontro pubblico e molto partecipato il giorno 16 marzo, durante il quale sono state esplicitate le motivazioni e le scelte progettuali. In particolare per gli alberi si provvederà all’abbattimento degli alberi esistenti, in numero di dieci, per poi prevedere una nuova messa a dimora di trentacinque nuovi alberi da posizionarsi in parte sul viale e in parte nell’adiacente parco di via Boves e nel parcheggio di interscambio capolinea del bus. L’interesse dell’Amministrazione è la tutela del verde esistente, ma parimenti è importante la sicurezza dei cittadini. Il progetto complessivo – sottolineano gli assessori - prevede il rifacimento degli attuali marciapiedi con il prolungamento della pista ciclabile e la realizzazione di marciapiedi attualmente non esistenti. Il tutto per riqualificare un'area che oggi è particolarmente critica".

Articolo di: martedì, 10 ottobre 2017, 10:00 m.

Dal Territorio

Scontro a Oleggio tra due auto

Scontro a Oleggio tra due auto
OLEGGIO, I Vigili del fuoco  il personale del 118 sono intervenuti in via Cascine Bellini a Oleggio, nel Novarese, per un incidente stradale. Il sinistro è avvenuto mercoledì alle 15, 45. Due autovetture coinvolte, una con due persone, tra cui una bambina di undici anni. L’altro veicolo era condotto da una donna in stato di gravidanza. Tutte le persone sono(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top