Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 novembre 2017
 
 
Articolo di: mercoledì, 14 giugno 2017, 11:43 m.

NovaraJazz, 35.000 presenze alla XIV edizione

La rassegna si conferma manifestazione di primo piano, arrivederci al 2018

NOVARA - NovaraJazz si conferma manifestazione non solo di elevata qualità ma anche capace di coinvolgere una platea sempre più vasta. La XIV edizione si è chiusa domenica 11 giugno con il consueto concerto di saluto tenuto della Dedalo Swing Band con Wally Allifranchini ed è ora di tirare le somme: 35.000 le presenze stimate per i 100 eventi che si sono svolti in 3 settimane tra oltre 20 differenti location. 
14 giorni effettivi di musica che hanno visto protagonisti 250 artisti provenienti da 13 diverse nazioni (dal Giappone alla Polonia, dagli Usa al Sud Africa, dalla Norvegia al Canada). 
“Solo posti in piedi” nel cortile del Broletto per l’incontro esclusivo tra due maestri assoluti come Enrico Rava & Louis Moholo (giovedì 1 giugno) e per il quartetto, pensato proprio per NovaraJazz, che ha unito lo stesso Moholo a Gianluca Petrella, Alexander Hawkins e Giovanni Guidi (venerdì 2 giugno). Stesso riscontro per il primo concerto italiano della band rivelazione del jazz europeo Binker & Moses (venerdì 9 giugno). Sonorità multietniche ed energia contagiosa per i concerti di Dinamitri Jazz Folklore (sabato 3 giugno), Gordon Grdina’s Haram (giovedì 8 giugno per la prima volta in Italia) e Idris Ackamoor & The Pyramids (sabato 10 giugno).
Il giovane jazz italiano ha trovato il suo spazio grazie a progetti originali come Ghost Horse (venerdì 26 maggio a Magenta), produzione di NovaraJazz che si annuncia essere un nuovo lavoro discografico firmato dal festival novarese; il duo che unisce Gabriele Mitelli a Alexander Hawkins (mercoledì 31 maggio a Losone), il tributo a Jimi Hendrix dei Purple Whales di Simone Graziano (venerdì 2 giugno); la presenza del vincitore del Top Jazz 2016 come "miglior nuovo talento", Filippo Vignato Trio (giovedì 1 giugno); i Satoyama (giovedì 8 giugno) che hanno ricevuto il premio “Taste of Jazz”.
Ottima la risposta del pubblico per tutti gli appuntamenti Taste of Jazz, appunto: dal Parco del Ticino ai Musei della Canonica, dal Museo di Casalbeltrame alla Galleria Giannoni, passando dal Museo di Storia Naturale Faraggiana Ferrandi, fino alla Sala del Compasso e alla Basilica di San Gaudenzio. 
Un festival sempre più radicato nel suo territorio e che ne mette in luce le eccellenze. Basti pensare al bellissimo appuntamento con la Banda Filarmonica di Oleggio (venerdì 9 giugno) in un indimenticabile concerto diretto dal pianista polacco Marcin Masecki. E ancora il concerto di domenica 4 giugno della Paolo Fabbri Jazz Ensemble, formata esclusivamente da musicisti provenienti dal novarese.
Con l’occhio strizzato ai più giovani: sono oltre 1500 i ragazzi che hanno partecipato ai dj set organizzati in collaborazione con Silent Party® e Upo Party.
Successo anche per la rassegna Jazz Kids, organizzata in collaborazione con la Libreria La Talpa dei Bambini: grande partecipazione per le letture delle fiabe in jazz, in particolare per l’appuntamento di sabato 10 giugno al Museo Faraggiana Ferrandi con oltre 240 persone presenti, ma anche per il laboratorio di costruzione degli strumenti musicali con materiali di recupero curato da Interlinea e il momento “Coloriamo la musica” al Broletto domenica 11 giugno.
Città colorata e animata anche grazie alle 47 “vetrine in jazz”, studiate e allestite dai commercianti del centro cittadino. Ad aggiudicarsi i tre premi della “critica”: Boggi, Magiche Essenze e Il Barbiere di Siviglia, mentre il premio “popolare” tramite “like” su Facebook è andato a Cappelleria Melegari, I mattoncini e Ottica Bonzanini. Un riconoscimento speciale dal festival a Profumeria Differenze e Profumeria Ottaviano.
Colore e animazione anche per merito degli StreetJazz: oltre studenti di quattordici conservatori del Nord Italia hanno dato vita sabato 10 e domenica 11 giugno a oltre 40 ore di musica offerta gratuitamente e ricompensata dal pubblico solo tramite il "cappello"; e per non perdere neanche un attimo della manifestazione l’ultimo fine settimana gli Street Food in Piazza Duomo, con la mitica Birra Jazz creata da Croce di Malto, hanno accolto pubblico e musicisti.
E ancora, incontri e iniziative hanno completato il festival, come la mostra fotografica “The Blue Notes” di Jean-Pierre Maurer allestita all’Opificio - Cucina e Bottega, che racconta in sedici scatti inediti esposti per la prima volta la storia dei Blue Notes dal Sud Africa a Zurigo. Batterista di quel sestetto era Louis Moholo, protagonista indiscusso di NovaraJazz 2017, che ha visitato l’esposizione, senza nascondere la sua commozione. Gli appuntamenti con la letteratura, in collaborazione con Circolo dei Lettori e Libreria Lazzarelli, sono stati seguiti con attenzione e interesse: Jean-Pierre Maurer con il suo “Morgan is sad today”; “The art of conduction”, il manuale postumo sulla conduzione d’orchestra di Lawrence D. “Butch” Morris, presentato dalla curatrice Daniela Veronesi; Alessandro Barbaglia, ospitato in un reading accompagnato da Emanuele Parrini al violino, strumento scelto su ispirazione dal nome della protagonista del romanzo “La locanda dell’ultima solitudine”: Viola.
Nell’ottica di formare nuovo pubblico, e nuovi operatori culturali e figure professionali, va menzionato l’ottimo lavoro svolto dagli oltre 50 studenti del Liceo Musicale Casorati e dell’Istituto Alberghiero Ravizza coinvolti nelle fasi operative nel corso dei giorni di festival aNovara.

Tra i ricordi più significativi dell’edizione: la consegna della Chiave d’Oro a Enrico Rava e Louis Moholo da parte di Corrado Beldì con l’Avvocato Franco Zanetta, presidente della Fondazione BPN; la consegna del premio Taste of Jazz al gruppo dei Satoyama da parte Stefano Fontana direttore del Consorzio Gorgonzola, da quest’anno “padrino” del premio; il saluto finale del Sindaco Alessandro Canelli che dal palco del Broletto ha manifestato entusiasmo e supporto a NovaraJazz, definito come “fiore all’occhiello” della programmazione culturale dell’estate novarese; la presenza di un’intera delegazione da Chalon-sur-Saȏne (città gemellata di Novara) che ha seguito l’intero secondo fine settimana del festival nelle sue varie location, e l’arrivo di tanti ospiti internazionali che hanno scelto NovaraJazz come meta per questa prima metà di giugno. Tra questi Nigel Slee, direttore del North Jazz Festival, che ha donato a Corrado Beldì la t-shirt “I Love Manchester” (dedicata alle vittime dell’attentato dello scorso 22 maggio), indossata dal direttore del festival novarese in occasione del concerto più simbolico, quello di Gordon Grdina’s Haram, a testimoniare che la musica è ancora e sarà sempre linguaggio di pace.
Infine, la promessa dal palco del Broletto: “Ci rivediamo tra circa 12 mesi qui con la quindicesima edizione di NovaraJazz”, parola di Corrado Beldì.
v.s.
Foto Emanuele Meschini 

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

Beldì_Canelli.jpg

Beldì_Fontana_Satoyama_8.VI foto Meschini.jpg

Beldì_Manchester_8.VI foto Meschini.jpg

ChiaveDOro_MOHOLO_ZANETTA_BELDì_RAVA foto Meschini.jpg

Gordon Grdina

JazzKids_2_11.VI foto Meschini.jpg

NovaraJazz2017_emanuelemeschini.jpg

RavaMoholo_1.VI foto Meschini.jpg

Sala del Compasso_NovaraJazz 2017 Foto Meschini.jpg

Articolo di: mercoledì, 14 giugno 2017, 11:43 m.

Dal Territorio

Il Novara cede al Bari

Il Novara cede al Bari
NOVARA - BARI 1-2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Mantovani, Del Fabro, Dickmann,Moscati, Orlandi, Sciaudone (11’ st Chajia), Calderoni, Macheda (20’ st Maniero), Da Cruz (26’ st Di Mariano).  All.:  Corini.   BARI:  Micai, Anderson, Gyömbér, Tonucci, Fiamozzi, Petriccione, Basha (25’ st(...)

continua »

Altre notizie

Lunga attesa al Dea, donna dà in escandescenze e blocca le ambulanze

 Lunga attesa al Dea, donna dà in escandescenze e blocca le ambulanze
NOVARA, Non accetta di aspettare il suo turno in Pronto soccorso e così inizia con il dare in escandescenze. È successo sabato sera al Dea di Novara.  Protagonista dell'episodio, che ha visto il necessario intervento della Polizia, Paola Labella, già al centro di analoghi episodi in centro città, tra cui l'aggressione in piazza Gramsci ad alcuni ragazzi(...)

continua »

Altre notizie

Don Camillo e Peppone? Sono a Galliate

Don Camillo e Peppone? Sono a Galliate
GALLIATE - Galliate come Brescello. Sta per arrivare a Galliate una “full immersion” nelle atmosfere di Don Camillo e Peppone. E’ in allestimento proprio in questi giorni, a cura della Pro loco, una mostra itinerante, a carattere antologico, all'insegna del "Mondo piccolo" con i personaggi che hanno reso immortale l’autore Giovannino Guareschi. La mostra(...)

continua »

Altre notizie

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto
La discarica di Barengo chiuderà nel 2018, è l’unico impianto sul territorio del Novarese per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati e urge trovare un altro impianto dove conferire circa 58.000 tonnellate all’anno. Tre le soluzioni possibili. Il bando di gara si chiude con un vincitore oppure il progetto di un sopralzo. In alternativa prende piede(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top