Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 27 luglio 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 24 ottobre 2016, 12:26 p.

Novara Calcio: alla ricerca dell’unità perduta

Domani con il Bari, per il bene della squadra, occorre ritrovare la coesione

NOVARA - Alla ricerca dell’unità perduta. Non è il titolo di un film di avventura, bensì l’auspicio per ricomporre la frattura che si è creata all’interno dell’ambiente Novara Calcio.

Non sono bastati i tre punti contro l’Avellino per sanare una situazione che, a lungo andare, potrebbe deflagrare, con esiti imprevisti e imprevedibili. Il clima che si è respirato al “Piola” sabato pomeriggio è stato surreale, a tratti paradossale.

All’ovazione nei confronti di Mimmo Toscano, con il quale parecchi tifosi non erano stati certo generosi di complimenti durante la sua avventura alla guida della squadra azzurra (nonostante promozione in B e Supercoppa), hanno fatto da contraltare i fischi assordanti e ripetuti a mister Roberto Boscaglia.

Non vogliamo entrare nel merito del feeling, evidentemente mai sbocciato, tra i sostenitori e il tecnico di Gela: se vorranno ci penseranno gli interessati a provare a risolvere la situazione. Ma sugli effetti ci permettiamo di dire che è la squadra a rischiare di farne le spese. Non è certo bello vedere uno stadio privo di entusiasmo, non è utile ai giocatori che scendono in campo e hanno bisogno della gente al proprio fianco.

Abbiamo strappato una battuta all’assessore allo Sport del Comune di Novara Federico Perugini, frequentatore da anni dello stadio: «La concretezza nel calcio è il risultato. I tre punti con l’Avellino sono concreti. E’ la migliore occasione per ripartire insieme. Novara deve fare squadra con il Novara Calcio, che è parte importante del nostro patrimonio sportivo»

Dunque, è auspicabile che domani sera contro il Bari (fischio di inizio alle 20.30) si mettano da parte, su tutti i fronti, incomprensioni e rabbia per spingere Da Costa e compagni ad allungare la serie, contro una compagine che non nasconde le sue ambizioni da serie A.

Boscaglia non risponde e tira dritto. Il tempo è poco e la caratura dell’avversario non permette cali di tensione: «Il Bari è una squadra che sa giocare a calcio ma ti lascia anche giocare – ha sottolineato l’allenatore  – Sono completi in tutti i reparti e sappiamo di che pasta sono fatti: dovremo lavorare duramente e stare attenti».

L’allenatore dovrà valutare le condizioni dei giocatori, attesi dalla seconda partita in quattro giorni: «Per noi sarà una grande occasione per continuare – ammette – Nei pochi allenamenti che ci separano dal Bari faremo le nostre valutazioni. Tra martedì e sabato qualcuno dovrà essere cambiato. Abbiamo comunque tanti ragazzi pronti per giocare e dobbiamo rimanere tranquilli e sereni».

Ieri mattina la squadra è tornata ad allenarsi allo stadio: seduta di scarico per chi è sceso in campo, gli altri hanno lavorato sulla corsa e sul possesso palla sul terreno ridotto. A parte solo Francesco Di Mariano, per una lieve contusione al piede destro: l’ex Primavera della Roma, però, tornerà a disposizione oggi pomeriggio alle 16 per l’allenamento di rifinitura a porte chiuse.

Paolo De Luca

Leggi di più sul Corriere di Novara di lunedì 24 ottobre 2016 

Articolo di: lunedì, 24 ottobre 2016, 12:26 p.

Dal Territorio

Novara Calcio: dieci squilli per iniziare

Novara Calcio: dieci squilli per iniziare
GRANOZZO - Dieci squilli nella “prima” del nuovo Novara. Finisce 10-1 la riedizione della sfida con il San Mauro Torinese, ancora meglio dell’anno scorso quando gli uomini di Boscaglia vinsero per 7-0. Nonostante la stanchezza per i pesanti carichi di lavoro, gli azzurri hanno mostrato un buono spirito e tanta volontà, meritandosi gli applausi dei circa 600 tifosi(...)

continua »

Altre notizie

Centenarie novaresi in festa

Centenarie novaresi in festa
NOVARA - Sono due le donne novaresi che ieri hanno tagliato traguardi di vita importanti. Una è Annamaria Gregotti che ha festeggiato  i 104 anni. Nata a Nicorvo Lomellina (Pavia) in una famiglia di agricoltori, è vissuta qui fino a 18 anni, quando si è sposata con Piero Camussone (classe 1902, originario di Giovenzana). La coppia ha avuto due figli, Enrico e(...)

continua »

Altre notizie

Midsummer, grande jazz sul lago

Midsummer, grande jazz sul lago
Primo appuntamento oggi, martedì 18 luglio, nel parco di Villa La Palazzola, con Midsummer Jazz Concerts, dal 18 al 21 a Stresa, sabato 22 e domenica 23 luglio al Teatro “Il Maggiore" di Verbania. Ad aprire la rassegna jazz, giunta alla sesta edizione e inserita nel cartellone di Stresa Festival, sono il pianista spagnolo Chano Dominguez, Horacio Fumero al contrabbasso e David(...)

continua »

Altre notizie

Lunga Notte di Arona: massima sicurezza per accogliere 25mila persone

Lunga Notte di Arona: massima sicurezza per accogliere 25mila persone
ARONA - Massima sicurezza, ma senza censura al divertimento, per la Lunga Notte del weekend. A seguito dei recenti fatti di Torino sono aumentati i controlli in occasione di manifestazione con forte afflusso di persone. E la Lunga Notte non sarà da meno. «Già dall’anno scorso sono stati messi in atto protocolli di prevenzione in modo da far svolgere con(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top