Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 19 febbraio 2018
 
 
Articolo di: venerdì, 10 marzo 2017, 10:57 m.

No alla chiusura della casa di riposo di Trecate

Già oltre mille firme sulla petizione

TRECATE - Più di mille firme raccolte in quindici giorni: questo il traguardo raggiunto dal Comitato civico per la Casa di riposo costituitosi per evitare la chiusura della struttura comunale decisa dall’Amministrazione trecatese.Il Comitato, promosso da Sergio Amidani, Pietro Allevi, Saverio Colacicco, Teresa Fantini, Augusto Galli e Franca Guaglio, si è presentato ufficialmente alla cittadinanza lo scorso 15 febbraio ed ha subito avviato la raccolta di firme contro la chiusura della storica casa di riposo comunale che costringerebbe gli anziani a trasferirsi nella nuova struttura privata di via Po.«Attraverso la raccolta firme – avevano dichiarato i promotori – vogliamo fare in modo che l’Amministrazione comunale ascolti anche il punto di vista dei cittadini, perché riteniamo che delle alternative alla chiusura ci siano. Privare Trecate di un servizio pubblico come quello della casa di riposo è, a nostro avviso, un grave errore socio-politico, ma, soprattutto, è una decisione che nasce da considerazioni di carattere pratico che, però, non tengono conto delle reali esigenze degli anziani».Il traguardo delle mille firme è stato raggiunto, ma il Comitato intende proseguire la raccolta per convincere l’Amministrazione comunale a rivedere la propria decisione.«La partecipazione dei cittadini trecatesi a sostegno della nostra petizione – dicono i promotori del Comitato civico – è straordinaria. Non avevamo, e non abbiamo tuttora, obiettivi numerici se non quelli necessari a certificare che i trecatesi chiedono di fare il possibile e l’impossibile per salvare la casa di riposo pubblica di via Fratelli Russi; la facilità con cui abbiamo raccolto queste prime mille firme dimostra in modo inequivocabile questa volontà».«I positivi riscontri di queste due prime settimane – affermano i rappresentanti del Comitato - dimostrano il grande interesse dei cittadini per la nostra iniziativa e ci motivano a proseguire con grande determinazione, finché avremo anche un solo giorno utile ad evitare la chiusura ed il trasferimento degli anziani nella struttura privata. Intanto ringraziamo tutti i cittadini che hanno firmato e i tanti che lo faranno, perché oggi siamo sempre più convinti: se facciamo sentire la nostra voce, salvare la Casa di Riposo di via Fratelli Russi è ancora possibile». Daniela Uglietti

Articolo di: venerdì, 10 marzo 2017, 10:57 m.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Controlli su migliaia di veicoli ad Arona

Controlli su migliaia di veicoli ad Arona
ARONA - Vigili urbani aronesi impegnati sulle strade e in città. E’ l’assessore alla Polizia locale Matteo Polo Friz a dare un breve excursus dell’attività di questi giorni messe in campo dagli agenti con lo scopo di dare una fotografia dei diversi compiti. «Sono diversi i controlli effettuati in questi mesi e soprattutto in questi giorni anche grazie(...)

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top