Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 05 dicembre 2016
 
 
Articolo di: lunedì, 12 marzo 2012, 10:06 p.

Nasce a Novara la filiera Made in Italy del riso

Nel convegno "Il made in Italy del riso"

NOVARA – “Finalmente da oggi possiamo dire che la filiera made in Italy del riso esiste”. A tenerla a battesimo è stata la Coldiretti, davanti ad una platea di oltre 200 persone e numerose autorità intervenute questa mattina, lunedì 12 marzo, a Novara al convegno su “Il Made in Italy nel Riso”, ospitato all'albergo Italia di via Solaroli.

Il progetto che si concretizza è quello di una struttura fortemente innovativa, che nasce dalla Società di Scopo sui cereali voluta da Coldiretti e si traduce operativamente nella “Filiera Italiana Riso Sca Spa”, realtà che si propone “di restituire dignità piena e potere contrattuale ai produttori di riso, ovvero ai protagonisti autentici di quella che è un'autentica economia reale nel settore primario”.

In tanti erano presenti a seguire i lavori: c’era, soprattutto, la grande maggioranza di imprenditori risicoli, aderenti a Coldiretti e non solo, oltre a rappresentanti del mondo istituzionale ed economico. Tra i rappresentanti delle istituzioni, va ricordata la presenza del sindaco di Novara Andrea Ballarè, dell’assessore provinciale all’agricoltura Marzio Liuni (con i dirigenti del Settore Agricoltura Antonio Pogliani e Lidia Papandrea), del presidente della Coldiretti di Vercelli Paolo Dellarole, del presidente del Consorzio Agrario di Novara e Vco Giuseppe Locatelli, del segretario generale della Camera di Commercio Cristina d’Ercole, del presidente della Fondazione Agraria Novarese Paola Battioli e di Silvano Bertini, presidente dell’Associazione provinciale laureati in scienze agrarie e forestali.

Dopo il saluto del presidente di Coldiretti Novara-Vco e della Camera di Commercio di Novara Paolo Rovellotti e l'introduzione del direttore Gian Carlo Ramella, il convegno è iniziato tracciando la “situazione attuale” del comparto risicolo italiano.

In sintesi, come ha ricordato il dottor Paolo Abballe - responsabile economico Coldiretti per il settore riso - potrebbe esservi una contrazione dell'aiuto Pac mentre si rende oltremodo necessario l'avvio di un sistema di contrattazione che riconosca il giusto valore della produzione nazionale.

Nella Bassa Novarese, è importante ricordarlo, insistono 35.816 ettari destinati a risaia, con un ruolo strategico determinante per l'economia del territorio. E la “territorialità” del riso italiano è proprio alla base del ragionamento che, illustrato da Emanuele Occhi, ha portato alla definizione del progetto stamane presentato. Dalla presa d'atto del “valore aggiunto territoriale” e del “ruolo attivo del risicoltore”, la “nuova filiera” giunge a designare una tracciabilità del prodotto fino al consumatore finale, con il conseguente riconoscimento di un valore aggiunto all'impresa agricola produttrice: ciò, come ha spiegato il dottor Occhi, si concretizza nella fissazione di un prezzo “giusto” per il risone, che tenga conto dell'andamento dei mercati e dei concreti costi di lavorazione in campo.

“La creazione della nuova filiera permetterà dunque di contrattare a valle i prezzi dei prodotti e servizi tramite l’effetto della massa critica e, a monte, permette di aumentare il potere contrattuale rivendicando un prezzo remunerativo che tenga almeno conto del costo “giusto” alla produzione”.

I principi chiave della Società di Scopo, ricordati dal suo direttore, valgono ad essere garanzia di una rintracciabilità di filiera che giunge sino al consumatore finale: trasparenza, garanzie, correttezza, affidabilità e risultati economici.

Dal punto di vista commerciale e di mercato, sarà di strategica importanza individuare un giusto percorso di confronto con la realtà industriale risiera e la distribuzione.

“L’avvio operativo di una società di scopo tra produttori, rappresenta un’opportunità interessante che consente alle imprese agricole di concentrare, valorizzare, promuovere e commercializzare le proprie produzioni, garantendo identificazione e rintracciabilità in etichetta. E’ un modo di agire innovativo, che applica criteri di democrazia e trasparenza”.

Soprattutto nella filiera del riso, la creazione di una società di scopo - che potrà essere partecipata da vari attori del comparto - è una riorganizzazione epocale che aiuta il produttore a non subire la logica della speculazione industriale e rompere i legami storici con il passato. Al contempo potrebbe aiutare le medio piccole aziende trasformatrici  ad avere un flusso sufficiente e costante di prodotto.

Da questo principio nasce la volontà di riconoscere il ruolo importante delle oltre 100 realtà trasformatrici risiere di carattere artigianale, che però lavorano attualmente solo il 30% del prodotto disponibile (il 70% della quota è invece lavorato dalle industrie di più grandi dimensioni, ma che in Italia sono solo una quarantina). Evidente e partecipato l’interesse della platea che, soprattutto per parte dei risicoltori presenti, ha rivolto domande e fatto puntuali considerazioni: Ilario Pieropan, di San Pietro Mosezzo, ad esempio, ha sottolineato il tema delle varietà del riso, con specifico riferimento all’importanza della loro classificazione e tipologia, ponendo particolare attenzione all’attuale, elevato numero delle varietà stesse.

“Partiamo dal convegno di oggi per una road-map che, nelle prossime tappe, porterà alla creazione fisica ed effettiva della filiera” hanno concluso il presidente Rovellotti e il direttore Ramella. “La già costituita Società di Scopo conta un'importante presenza tra i fondatori, quella del risicoltore di Vespolate Fabrizio Rizzotti. Il nostro impegno è perchè il nostro territorio e le sue imprese siano protagonisti e che anche in futuro l'immagine stessa della nostra città possa essere riconosciuta in quella di un riso dalle qualità uniche”.

Le istanze dei risicoltori novaresi saranno portate a Roma, insieme a tutte le priorità dell’azione di Coldiretti sul territorio e in Italia, nei prossimi giorni di Mobilitazione tesa a rivendicare, per l’agricoltura, il ruolo di protagonista che le spetta nella costruzione del futuro del Paese.

Da giovedì 15, migliaia di agricoltori, cittadini, ambientalisti, associazioni dei consumatori, insieme a Sindaci e rappresentanti delle Istituzioni si mobilitano nella capitale contro il falso Made in Italy di Stato e a tutela dell’avvenire socioeconomico di imprese e consumatori.

Monica Curino

Articolo di: lunedì, 12 marzo 2012, 10:06 p.
Articoli correlati Con Coldiretti e Novarello il riso novarese in ambasciata a Parigi (3) Coldiretti: progetto da condividere con le imprese per combattere la flessione delle borse risi (2) Domenica 8, gli imprenditori di Coldiretti incontrano il vescovo Corti (2) Nuovi sportelli Epaca-Coldiretti nell'Alto Novarese (2) Continuano i danni provocati dai cinghiali agli agricoltori (2) Camminata benefica, domenica 25, per l'Ambulanza del Sorriso (1) “Vivo Vivendo”: a gennaio Patch Adams a Novara e Vercelli (1) Torna l’appuntamento con la visita guidata alle prove varietali di riso (1) Black out in un tratto di corso Risorgimento, a causa di alcuni fili della corrente tranciati (1) Al via “Riso & Rose in Monferrato” (1) La storia d’Italia raccontata con le pagine della letteratura per bambini (1) Inaugurata all’istituto Omar la mostra fotografica dedicata al Risorgimento (1) A Galliate 2 giugno con l’Anpi in sala Don Manfredda (1) La risaia: concorso fotografico lanciato da Italia Nostra (1) Tre ore di black out ieri in corso Risorgimento (1) Novara Risorgimentale 2012: ecco il ricco programma (1) Il passaggio di Garibaldi a Romagnano in una mostra a Villa Caccia (1) Novara come la valle della Loira (1) Domenica 3 giugno a Domodossola la la Fiera del consumo consapevole (1) Degustazioni, incontri, mercatini e… domatori di squali (FOTOGALLERY) (1) Siena e Novara in un gemellaggio di cultura e sapori (1) Visita de "Il pianeta dei clown" agli anziani della San Francesco (1) Presentato a Novara il 1° Festival nazionale del Risotto italiano (1) Riso, «la situazione del mercato si è fatta davvero insostenibile» (1) Invasione al Museo Fanchini di Oleggio (1) Il progetto Comenius a Novara (1) Presentazione a Novara per il primo festival del risotto italiano (1) Inaugurata l’Esposizione risorgimentale permanente di Novara (1) A lezione di Risorgimento (1) Coldiretti Novara Vco: “Il Capodanno “anticrisi” è a chilometro zero” (1) Il sindaco di Ghemme a Roma con Coldiretti (1) Domenica delle Palme: ulivo dalla Coldiretti (1) Coldiretti: agriturismo e prodotti tipici per Pasqua (1) Regali enogastronomici per il Natale con i mercati di Campagna Amica (1) Assenza di piogge: le ripercussioni sull'agricoltura (1) Coldiretti Novara e Vco torna in Africa (1) La generazione delle fattorie didattiche (1) «L’Italia sa ancora scommettere sull’agricoltura come risorsa» (1) Sizzano: torna il raduno internazionale dei labrador (1) Cambia l'Imu per gli imprenditori agricoli: sarà meno pesante (1) Anche un novarese alle finali di Oscar Green 2012 (1) L'Unità d'Italia attraverso le canzoni (1) Celebrato il fondatore della Coldiretti (1) Rinviata la Notte Tricolore a Novara (1) Ecco il Broletto! (1) "Evangelici e Risorgimento" (1) “Metis Spa”, il giusto partner per la gestione delle risorse umane (1) Presidio a Villa Picchetta di Coldiretti per l’allarme cinghiali (1) Basta con i click day (1) Riseria Ceriotti: una storia del territorio (1) Lavinia Calabrò alla Consulta dei presidenti dei Consigli provinciali (1) Domenica 20 marzo visita gratuita della Galleria Giannoni (1)

Tags: coldiretti, ramella, risicoltori, riso

Dal Territorio

L’Igor fa il bis: sbancata Monza

L’Igor fa il bis: sbancata Monza
MONZA - L’Igor Novara riprende la sua marcia positiva e infila a Monza il suo secondo successo consecutivo, quarto in stagione, regolando in quattro set le brianzole della Saugella. Un match vinto in rimonta dopo un avvio in salita, costato il primo set nel quale la verve e la fase difensiva impressionante delle lombarde ha frenato le novaresi. Poi, messo a regime il motore, modificate(...)

continua »

Altre notizie

Legge regionale sulle cave: sanzioni serie, controlli reali e una seria programmazione

Legge regionale sulle cave: sanzioni serie, controlli reali e una seria programmazione
NOVARA, Sanzioni serie, maggiore equilibrio con l’ambiente, controlli concreti e, soprattutto, un livello unico di programmazione. Sono questi gli elementi cardine della nuova legge regionale 23/2016 sul settore estrattivo e sul mondo delle cave, approvata solo da qualche settimana. Una normativa che arriva dopo ben 38 anni; l’ultima legge regionale in materia era infatti datata(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti del weekend a Novara e dintorni

Gli appuntamenti del weekend a Novara e dintorni
Sabato 5 Novembre   A Novara alla Libreria IBS di corso Italia alle 10,30 laboratorio creativo sui decori natalizi con Manuela Gatti. Al Circolo dei lettori alle 18 presentazione del libro "Cuochi sull'orlo di una crisi di nervi" (Terre di Mezzo) di Valerio Massimo Visintin, con la blogger Samantha Cornaviera, blogger. Un quarto di secolo al ristorante, sempre in incognito e(...)

continua »

Altre notizie

Lago Maggiore “soffocato” dalle microplastiche

Lago Maggiore “soffocato” dalle microplastiche
ARONA - «Mancano sistemi di depurazione efficienti e serve una maggiore consapevolezza nella gestione e nello smaltimento dei rifiuti domestici e delle attività produttive». Il monito è di Legambiente - Goletta dei laghi, che ha presentato in questi giorni il dossier sulla presenza di microplastiche nelle acque. Nel Verbano e Sebino le più alte(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top