Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 24 febbraio 2018
 
 
Articolo di: sabato, 24 novembre 2012, 3:36 m.

Morirono in tre, “patteggia” tre anni

A giudizio l’uomo che tamponò sulla A4 le sorelle di Prato Sesia

PRATO SESIA – “Non è il risarcimento, ancor meno il ragionamento sull’entità dello stesso: Maria, Sara e Simone non ci sono più e nulla potrà mai riportarli in vita”. Sono le prime parole a caldo dell’avvocato Erica Vasta, legale della famiglia Bordoni, dopo il patteggiamento di Gregorio Grasso, il milanese accusato di omicidio plurimo colposo per la morte delle due sorelle di Prato Sesia Sara (16 anni) e Maria (21), e del fidanzato di quest’ultima, Simone Montegrandi (20 anni). L’uomo ha patteggiato una pena di due anni e dieci mesi, l’altro giorno davanti al gup di Milano, praticamente a una manciata di giorni di distanza dal primo anniversario dalla morte di Sara, Maria e Simone. Erano da poco passate le 18 di quel tragico giorno quando sull’autostrada A 4, nel territorio di Arluno, in direzione Milano, si era creata una coda dovuta ad un incidente accaduto poco prima. Grasso, di professione editore, originario di Modica ma residente a Milano, era a bordo della sua Fiat Punto quando avrebbe  effettuato una brusca frenata, andando a sbattere contro la Fiat 600 con a bordo le giovani pratesi e il giovane di Sarre (in Val d’Aosta). Eppure poco prima era stato collocato un cartello luminoso da parte del gestore della A4 che segnalava il precedente incidente. Tamponamento e poi la tragedia.

Redazione online 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara di sabato 24 novembre 2012 in edicola o direttamente online in versione digitale sfogliabile 

Articolo di: sabato, 24 novembre 2012, 3:36 m.
Articoli correlati Forse venerdì i risultati del Dna per Maria e Sar (1) Prato Sesia: i funerali di Sara e Maria probabilmente non prima di mercoledì (1) Prato Sesia: si attende ancora per i funerali di Sara e Maria (1) Lunedì, a Prato Sesia, l'addio a Sara e Maria Bordoni (1) Prato Sesia: ancora sconcerto tra amici e famigliari (1) Mortale ad Arluno: la comunità di Prato Sesia sconvolta (1) Festa grande a Prato per il compleanno della Pro loco (1) Il francobollo in cattedra a Novara e Prato Sesia (1) Tour enogastronomico dei “Sapori a Prato” (1) Posta a singhiozzo, il sindaco scrive al Prefetto (1)

Tags: Prato Sesia

Dal Territorio

Sigilli a un'autofficina abusiva a Novara

Sigilli a un'autofficina abusiva a Novara
NOVARA, Mercoledì 21 febbraio militari della Stazione Carabinieri Forestale di Oleggio e di Novara, coadiuvati da una pattuglia del Nucleo Radio Mobile di Novara, nel corso di ordinari controlli sul territorio in materia di gestione dei rifiuti prodotti dalle autofficine, hanno individuato, a Novara, un’officina per la riparazione dei veicoli che non risultava aver presentato la(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top