Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 21 settembre 2017
 
 
Articolo di: sabato, 24 novembre 2012, 3:36 m.

Morirono in tre, “patteggia” tre anni

A giudizio l’uomo che tamponò sulla A4 le sorelle di Prato Sesia

PRATO SESIA – “Non è il risarcimento, ancor meno il ragionamento sull’entità dello stesso: Maria, Sara e Simone non ci sono più e nulla potrà mai riportarli in vita”. Sono le prime parole a caldo dell’avvocato Erica Vasta, legale della famiglia Bordoni, dopo il patteggiamento di Gregorio Grasso, il milanese accusato di omicidio plurimo colposo per la morte delle due sorelle di Prato Sesia Sara (16 anni) e Maria (21), e del fidanzato di quest’ultima, Simone Montegrandi (20 anni). L’uomo ha patteggiato una pena di due anni e dieci mesi, l’altro giorno davanti al gup di Milano, praticamente a una manciata di giorni di distanza dal primo anniversario dalla morte di Sara, Maria e Simone. Erano da poco passate le 18 di quel tragico giorno quando sull’autostrada A 4, nel territorio di Arluno, in direzione Milano, si era creata una coda dovuta ad un incidente accaduto poco prima. Grasso, di professione editore, originario di Modica ma residente a Milano, era a bordo della sua Fiat Punto quando avrebbe  effettuato una brusca frenata, andando a sbattere contro la Fiat 600 con a bordo le giovani pratesi e il giovane di Sarre (in Val d’Aosta). Eppure poco prima era stato collocato un cartello luminoso da parte del gestore della A4 che segnalava il precedente incidente. Tamponamento e poi la tragedia.

Redazione online 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara di sabato 24 novembre 2012 in edicola o direttamente online in versione digitale sfogliabile 

Articolo di: sabato, 24 novembre 2012, 3:36 m.
Articoli correlati Forse venerdì i risultati del Dna per Maria e Sar (1) Prato Sesia: i funerali di Sara e Maria probabilmente non prima di mercoledì (1) Prato Sesia: si attende ancora per i funerali di Sara e Maria (1) Lunedì, a Prato Sesia, l'addio a Sara e Maria Bordoni (1) Prato Sesia: ancora sconcerto tra amici e famigliari (1) Mortale ad Arluno: la comunità di Prato Sesia sconvolta (1) Festa grande a Prato per il compleanno della Pro loco (1) Il francobollo in cattedra a Novara e Prato Sesia (1) Tour enogastronomico dei “Sapori a Prato” (1) Posta a singhiozzo, il sindaco scrive al Prefetto (1)

Tags: Prato Sesia

Dal Territorio

“Terremoto violentissimo, un caos”

“Terremoto violentissimo, un caos”
“Terremoto violentissimo.....un caos.....questa è una foto della nostra Accademia qui a Città del Messico....”.  E’ questo il messaggio integrale che, martedì notte, il novarese Walter Oioli, che risiede a Città del Messico, ha consegnato a Facebook, dopo la scossa che, poco dopo le 13 ore locali, ha sconvolto il Messico, ributtandolo nel(...)

continua »

Altre notizie

Spezia -Novara 1-0

Spezia -Novara  1-0
Trasferta negativa in terra ligure per il Novara che perde di misura a La Spezia. Decide un gol di Marilungo che sfrutta al meglio un calcio d'angolo. Il Novara presobil gol non riesce a rendersi pericoloso per tutto il primo tempo. Nella ripresa gli azzurri dimostrano più intraprendenza e creano un paio di palle gol senza però trovare la rete. Il risultato non cambia e per(...)

continua »

Altre notizie

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”

Domenica a Novara la prima “Pedalata Cicli storici”
NOVARA - Si svolgerà domenica 24 settembre la prima edizione della  “Pedalata Cicli storici”  organizzata dalla Pro loco Novara con il patrocinio del Comune e dell’Agenzia turistica locale della Provincia di Novara. La pedalata prevede il ritrovo in piazza Gramsci alle 8, quindi la partenza alle 9.30 per Olengo, Terdobbiate, Cascina Barzè,(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top