Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 17 ottobre 2017
 
 
Articolo di: martedì, 18 aprile 2017, 9:40 m.

Messa in sicurezza Ss 34, servono 36 milioni di euro

Sei i punti a maggior rischio tra Verbania e il valico doganale di Piaggio Valmara

VERBANIA - E' salato il conto che la Regione Piemonte e i  comuni che s'affacciano sulla statale 34 (Cannobio, Cannero, Oggebbio, Ghiffa e Verbania) presenteranno, a maggio, al ministro Graziano Delrio. Per mettere in sicurezza i sei punti a maggior rischio tra il valico doganale di Piaggio Valmara e Verbania servono 35-36 milioni di euro. Tra i 20 e i 25 solo per le due gallerie paramassi a Puncetta, dov’è caduta la frana del 18 marzo, e dopo il bivio per Sant’Agata (Cannobio) in direzione confine di stato. Sugli altri quattro si procederà con la posa di reti. Ad anticiparlo, al pubblico presente a un recente incontro organizzato dal Pd verbanese a villa Olimpia, è stato il vicepresidente, Aldo Reschigna. «Ovviamente – questo il suo commento – non potremo pretenderli subito. Chiederemo un piano finanziario pluriennale con cifre da destinare annualmente in tempi certi. Tempi che impegneremo il ministro a garantire venendo qui a sottoscrivere l’accordo». 
Sui tratti da mettere in sicurezza con le reti, ha avvertito Reschigna, «procederemo in modo diverso da quanto fatto finora. Le due ultime frane ci  hanno consentito di acquisire conoscenze che prima mancavano. Il dissesto è partito a  monte dei punti in cui si sono  staccate le frane. Serve una ricognizione a più ampio raggio, sui terreni incolti lungo tutti i versanti. Un lavoro per il quale metto a disposizione le squadre forestali della Regione. Collaboreranno con i volontari Aib». «Ai comuni – ha precisato il vicepresidente – spettano le ordinanze ai privati per pulire i versanti sotto i loro terreni. Già lo fanno ma la loro capacità di coercizione è limitata».  Per i comuni, ha avvertito il sindaco di Verbania Silvia Marchionini, «è problematico investire i ristorni fiscali dei frontalieri residenti fuori dal proprio territorio». Ognuno dei  comuni interessati può investire solo in caso di frane sul proprio. Paradossalmente meno grave, a detta dell’esperto – il geologo Italo Isoli – sarebbe la cementificazione consentita da piani regolatori troppo generosi a monte delle frane: «Dove ci sono insediamenti abitativi è più facile accorgersi del pericolo e intervenire in tempo, com’è successo a Cannero».
Mauro Rampinini

Articolo di: martedì, 18 aprile 2017, 9:40 m.

Dal Territorio

Igor Volley in festa al Teatro Coccia

Igor Volley in festa al Teatro Coccia
NOVARA - Il Teatro Coccia addobbato a festa, griffato in ogni angolo con il tricolore dello scudetto e gremito in ogni ordine di posto, è stato protagonista anche quest’anno dell’apertura ufficiale, ieri sera, della stagione agonistica della Igor Volley Novara, neo campione d’Italia, con la presentazione della squadra. Anche in questa occasione, Lorenzo Dallari, vice(...)

continua »

Altre notizie

Incidente a Oleggio Castello: due auto coinvolte

Incidente a Oleggio Castello: due auto coinvolte
OLEGGIO CASTELLO, Incidente stradale tra Arona e Oleggio Castello nel pomeriggio di lunedì 16 ottobre. Il sinistro è avvenuto lungo la strada statale 142 Biellese e ha visto il coinvolgimento di due autovetture. Sul posto il personale del 118 per soccorrere i feriti, i Carabinieri di Arona, a rilevare l’incidente e i Vigili del fuoco del distaccamento di Arona per(...)

continua »

Altre notizie

Partono con la "Novara romana" "I Venerdì dell'arte novarese"

Partono con la "Novara romana" "I Venerdì dell'arte novarese"
NOVARA - Inizia oggi, 13 ottobre, il ciclo di incontri "I Venerdì dell'arte novarese". Alle 17.30, al Castello visconteo-sforzesco, relatrice sul tema “Novara romana: frammenti di una città” sarà Giuseppina Spagnolo, già membro della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli.(...)

continua »

Altre notizie

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"
Borgomanero  - “Sembrava di essere in un giorno normale, quando lungo i quattro corsi e in piazza Martiri le auto circolano liberamente”: questo uno dei commenti a caldo raccolti tra i commercianti del centro cittadino venerdì pomeriggio, riaperto al traffico automobilistico nell’ambito di un progetto sperimentale che prevede per la durata di sei mesi, sino al 2(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top