Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 21 febbraio 2018
 
 
Articolo di: mercoledì, 20 luglio 2011, 8:22 p.

Meina, anziano cade nel lago e muore

La tragedia probabilmente a causa di un malore

MEINA - È caduto in acqua probabilmente a seguito di un malore ed è morto. Tragedia nella mattina di mercoledì, sul Lago Maggiore nello specchio di lago meinese antistante il chiosco bar “Chiringuito” e sottostante il parcheggio a lato della statale 33 del Sempione. Luigi Casiraghi, 81enne pensionato residente a Lesmo,  in Brianza, in villeggiatura a Meina a casa della figlia, si trovava sulla spiaggetta pubblica chiamata “Scivolo Galli”. Erano circa le undici del mattino. 

Sembrerebbe che l’anziano, dopo aver preso il sole su una piccola sdraio, con indosso un costume da bagno, si sia poi seduto su un muretto che delimita la zona sabbiosa da quella lastricata. Probabilmente colto da malore, sarebbe caduto all’indietro in acqua, che in quel punto non supera il metro e mezzo di profondità, senza che i bagnanti e i frequentatori del luogo si accorgessero di nulla. Solo dopo l’allarme, quando qualcuno ha notato che in acqua galleggiavano un capppellino e delle ciabatte. A quel punto la tragica scoperta dell’uomo in acqua. Subito sono stati allertati i Carabinieri di Arona che sono giunti sul posto insieme con Vigili del fuoco e servizio di Guardia Costiera oltre alla Polizia municipale dell’Unione collinare del Vergante, allertata direttamente dal sindaco Paolo Cumbo (presente a sua volta sul luogo della tragedia), dal momento che ieri il Municipio era chiuso per la festa patronale del paese. Sul corpo dell’uomo, recuperato dai Vigili del fuoco, vani si sono purtroppo rivelati i tentativi di rianimazione praticati dall’équipe del 118 subito accorsa: non si è potuto far altro che constatarne il decesso. L’identificazione della vittima non è stata semplice: con sé il pensionato non aveva documenti, telefono, chiavi, denaro… Nulla che potesse aiutare a dargli un nome. Anche i negozianti di Meina si sarebbero dati da fare per cercare di riconoscere l’anziano. Poi, nel primo pomeriggio, l’identificazione ufficiale. Sarà l’autopsia del medico legale a stabilirne le cause della morte. 

Maria Nausica Bucci

Articolo di: mercoledì, 20 luglio 2011, 8:22 p.

Tags: Meina

Dal Territorio

Ubriaco, semina il panico sulla statale del Sempione

Ubriaco, semina il panico sulla statale del Sempione
CASTELLETTO, Ha cercato di bloccare diversi automobilisti lungo la strada statale del Sempione, nella zona tra Castelletto Ticino e Arona, nel Novarese, con una lunga serie di manovre particolarmente azzardate a bordo della sua Alfa Romeo 147. Il tutto sino a quando una pattuglia della Polizia stradale di Borgomanero, allertata da un automobilista che aveva avuto a che fare con(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top