Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 25 febbraio 2018
 
 
Articolo di: lunedì, 29 gennaio 2018, 2:15 p.

L'Orchestra “Carlo Coccia” per San Gaudenzio

Musica e solidarietà in favore della “Mensa e Armadio del Povero”

NOVARA - Come tutti gli anni sarà il concerto di San Gaudenzio l’evento di chiusura delle manifestazioni in onore del santo patrono di Novara. La Basilica ospiterà mercoledì 31 gennaio alle ore 20.45 l’orchestra della città, l’Orchestra Sinfonica “Carlo Coccia”, prestigiosa realtà musicale e orgoglio novarese fondata nel 1994. Dopo anni di intensa collaborazione con il maestro Michele Brescia, il concerto di San Gaudenzio 2018 sarà diretto da Andrea Cappelleri, musicista con all’attivo un ampio repertorio dal Barocco al sinfonismo romantico. Direttore d’orchestra, ma anche pianista e compositore, Cappelleri ha collaborato con importanti orchestre nazionali e internazionali, prima tra tutte l’Orchestra della Daegu Opera House in Sud Corea. Il Cappelleri darà il via all’atteso concerto di San Gaudenzio con il “Coriolano” di Beethoven, l’Ouverture in do minore op.62 che consiste in un unico movimento, un allegro con brio. Si passerà poi a Mozart e al suo “Exsultate, jubilate” K 165, un mottetto per soprano e orchestra diviso in quattro tempi. Sul palco, accanto all’Orchestra, ci sarà anche il soprano Manuela Bisceglie, musicista che ha debuttato giovanissima e ha preso parte a numerose produzioni operistiche e operettistiche. Nell’ambito della musica sacra Bisceglie ha collaborato con l’Orchestra Coccia diverse volte. Applauditissima per il suo Magnificat BWV 243 di Bach durante il concerto di San Gaudenzio del 2016, ritorna ospite in Basilica giocando in casa: dal 2014 è infatti docente di canto presso il Conservatorio Cantelli di Novara. A chiudere la serata, infine, la maestosa “Quinta sinfonia” in do minore op. 67 di Beethoven con i suoi quattro incalzanti movimenti. Anche quest’anno un programma corposo e complesso che nasce dalla voglia dell’Orchestra “Carlo Coccia” di mettersi in gioco e di portare avanti, di anno in anno, la tradizione dell’atteso Concerto di San Gaudenzio che rinsalda sempre di più il legame tra l’orchestra e il suo pubblico novarese. La serata avrà luogo grazie al contributo della Fondazione Banca Popolare di Novara e, a fine serata, il Lions Club Novara Ticino raccoglierà le offerte a favore della “Mensa e Armadio del Povero” per i Frati del Convento di San Nazzaro della Costa.
Sofia Lombardi

Articolo di: lunedì, 29 gennaio 2018, 2:15 p.

Dal Territorio

"Oneshot": moto d’epoca restaurate

"Oneshot": moto d’epoca restaurate
NOVARA -  Si svolge a Casa Bossi, via Pier Lombardo 4, oggi sabato 24 e domenica 25 febbraio, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, la mostra "Oneshot". E' un'esposizione di moto d'epoca restaurate: Bmw R69s del 1965; Bmw r75/5 del 1973; Hercules 100gs America del 1968; Hercules gs 125 del 1972; BSA b25ss del 1972; Laverda 750SF del 1970; Yamaha xs 2 del 1973;Bultaco alpina 250 del(...)

continua »

Altre notizie

Il Novara cade Avellino

Il Novara cade Avellino
AVELLINO - NOVARA 2 - 1       AVELLINO:  Lezzerini, Ngawa, Morero, Kresic, Rizzato (16’ stLaverone), Molina, (12’ st Cabezas), D’Angelo, Di Tacchio, Bidaoui, Gavazzi (34’ st Falasco), Asencio.  All.:  Novellino   NOVARA:  Montipò, Troest, Mantovani, Chiosa, Dickmann(...)

continua »

Altre notizie

Tetto in fiamme a Maggiora

Tetto in fiamme a Maggiora
MAGGIORA, Incendio al tetto di un'abitazione alle 19,15 di sabato 24 febbraio a Maggiora, nel Novarese. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco con una squadra de l distaccamento di Borgomanero e una dei volontari di Romagnano Sesia. Le fiamme hanno interessato un appartamento di due piani con mansarda. Le squadre sono riuscite a evitare che il fuoco raggiungesse i tetti vicini.(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top