Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 24 febbraio 2018
 
 
Articolo di: sabato, 23 settembre 2017, 2:20 p.

Le Stanze segrete di Sgarbi e la città: un colpo di fulmine

Il parere dei visitatori al castello

NOVARA - Sono stati 118, tra cui molti under 26, i visitatori nella giornata di giovedì 21 settembre, la prima di apertura al pubblico della mostra allestita al castello “Dal rinascimento al Neoclassico - Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi”. Il giorno prima l’esposizione era stata inaugurata dallo stesso Sgarbi, con le autorità e i giornalisti. Ed è sempre lo stesso collezionista, critico d’arte e personaggio televisivo a guidare con la sua voce i visitatori alla scoperta delle opere, a spiegarle dal punto di vista artistico, a raccontarne la storia  (dove si trovavano prima di entrare in suo possesso, come è avvenuto l’acquisto), a descrivere la vita degli artisti con cui spesso Sgarbi ha forti affinità. Come con Guido Cagnacci, autore di uno dei dipinti scelti come simbolo della mostra. Un pittore che amava le donne e amava ritrarle nella loro bellezza ma che aveva bisogno di un pretesto, di un messaggio da veicolare: questo avviene ad esempio nell’Allegoria del tempo (La vita umana), narrata da elementi come la clessidra, i fiori nel pieno della loro fioritura tra le mani della protagonista e ormai appassiti su un tavolo accanto a un teschio e a tre candele che si consumano. Noi abbiamo raccolto alcune testimonianze tra i primi visitatori, tutti positivamente colpiti dalla ricchezza dell’esposizione. Come Stefano Pistocchini da Marano Ticino: “E’ una mostra di notevole pregio e con una impostazione fatta ad arte - ci ha detto il preside in pensione - L’immagine di Sgarbi che ci arriva dalla televisione è quella di un personaggio a tratti odioso, il suo personalismo non manca mai, nemmeno nelle sue descrizioni delle opere ma il valore di questa sua collezione è sicuramente molto elevato e merita di essere vista. Ha la qualità non solo di far vedere opere di artisti conosciuti come Lorenzo Lotto, ma anche di far scoprire la bellezza di pittori e scultori meno noti. Gli studenti potranno inoltre visitare con interesse la mostra, è molto attraente, molto comprensibile”. La mostra, lo ricordiamo sarà visitabile fino al 14 gennaio 2018, tutti i giorni dalle 10 alle 19 (la biglietteria chiude un'ora prima).

Valentina Sarmenghi 

 

Leggi di più sul Corriere di Novara di sabato 23 settembre 2017 

Articolo di: sabato, 23 settembre 2017, 2:20 p.

Dal Territorio

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Sigilli a un'autofficina abusiva a Novara

Sigilli a un'autofficina abusiva a Novara
NOVARA, Mercoledì 21 febbraio militari della Stazione Carabinieri Forestale di Oleggio e di Novara, coadiuvati da una pattuglia del Nucleo Radio Mobile di Novara, nel corso di ordinari controlli sul territorio in materia di gestione dei rifiuti prodotti dalle autofficine, hanno individuato, a Novara, un’officina per la riparazione dei veicoli che non risultava aver presentato la(...)

continua »

Altre notizie

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto

Nabucco al Teatro Coccia chiude il cartellone Opera e Balletto
NOVARA - Ultimo appuntamento del cartellone Opera e Balletto per la stagione 2017/2018 del Teatro Coccia di Novara.  Venerdì 23 febbraio alle 20.30 e domenica 25 alle 16 andrà in scena "Nabucco" di Giuseppe Verdi, opera prodotta da Fondazione Teatro Coccia.   L’opera è diretta dal maestro Gianna Fratta (nella foto). Regia, scene, costumi e luci sono(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top