Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 30 maggio 2017
 
 
Articolo di: sabato, 21 maggio 2011, 2:36 p.

Lavori a Romagnano, dagli scavi riaffiora un ossario

Stop forzato alla posa dei sottoservizi in piazza dell’Abbazia

ROMAGNANO SESIA -  Nel corso dei lavori di scavo per la posa dei sottoservizi per la nuova pavimentazione di piazza dell’Abbazia sono emersi resti di sepolture e di ossa umane risalenti a secoli fa, quasi certamente quello che rimane di un’antica zona cimiteriale.  I lavori della nuova pavimentazione, disposti dal Comune, sono stati momentaneamente sospesi. Sul posto sono stati chiamati i Carabinieri e l’Asl, che hanno disposto la chiusura del cantiere in attesa delle verifiche del caso.  La scoperta è avvenuta mercoledì pomeriggio, quando l’impresa incaricata dal Comune stava effettuando scavi nella piazza dell’Abbazia (il sagrato dell’Abbaziale di San Silvano, nella foto) per sostituire la rete fognaria, intervento che sarà completato con il rifacimento della pavimentazione in acciottolato e lastre di granito. A notare le ossa sarebbe stato un romagnanese che ha provveduto a segnalare la situazione ai Carabinieri, che hanno constatato la presenza di ossa umane e frammenti di antiche sepolture realizzate a suo tempo in zona sagrato. Una più precisa datazione potrà arrivare dalle analisi del medico legale, pure intervenuto.  I lavori del cantiere sono stati subito fermati: «Già nella mattinata di giovedì – precisa il vicesindaco Cristina Baraggioni - i responsabili dell’Ufficio Tecnico del Comune hanno preparato una relazione, consegnata alle autorità per completare gli accertamenti e sbloccare la situazione». Nella relazione tecnica e storica del Comune è stato evidenziato come la zona antistante l’Abbaziale di San Silvano, fino alla fine del Settecento, sia stata un’area cimiteriale secondo l’uso dei secoli scorsi, rilevabile anche dal residuo di affresco secentesco tutt’ora presente sulla facciata della casa parrocchiale (che all’epoca si trovava all’interno di una cappella ossario demolita nel 1930 per ampliare il sagrato).  Zona cimiteriale che venne poi abbandonata sul finire del Settecento, utilizzando dai primi Ottocento un cimitero comunale a sud dell’abitato, in fregio a Via Vittorio Emanuele II, a sua volta dismesso nel 1910 per l’attuale cimitero.

Carlo Brugo

 

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: sabato, 21 maggio 2011, 2:36 p.

Tags: cimitero romagnano

Dal Territorio

Cannavacciuolo fa il bis con il progetto Bakery

Cannavacciuolo fa il bis con il progetto Bakery
NOVARA - Apre ad inizio giugno a Novara la prima pasticceria di Antonino Cannavacciuolo con vendita al pubblico. Il gruppo gestito dallo chef e dalla moglie Cinzia Primatesta (insieme nella foto) raddoppia con il nuovo progetto “Cannavacciuolo Bakery” che si troverà nei pressi del Parco dell’Allea San Luca, conosciuto anche come Parco dei Bambini. All’interno(...)

continua »

Altre notizie

«La mia Igor dovrà difendere tanto»

«La mia Igor dovrà difendere tanto»
Giovedì è stata la giornata di Massimo Barbolini e quindi, per scelta dichiarata, la società Igor Volley non ha voluto parlare di mercato anche se ormai i rumors sui movimenti, almeno quelli principali, hanno già fatto il giro del mondo e dei quali se ne attende solo l’ufficializzazione che, ha assicurato il g.m. Enrico Marchioni, arriveranno man mano nei(...)

continua »

Altre notizie

Week end ricco di eventi a Novara

Week end ricco di eventi a Novara
NOVARA – Weekend ricco di eventi a Novara. Alle 10 di domani, sabato 13 maggio, è in programma l’inaugurazione della Fiera Campionaria che rimarrà allestita in viale Kennedy fino al 21 maggio. Tante e interessanti come sempre le realtà presenti: ci sarà anche il Corriere di Novara con un suo stand e tanti eventi e incontri. Sempre domani il Lions(...)

continua »

Altre notizie

Alla Pro loco di Arona 100mila euro all’anno

Alla Pro loco di Arona 100mila euro all’anno
ARONA - La Pro loco e il Comune di Arona nei giorni scorsi hanno firmato una convenzione annuale che prevede un contributo di 100mila euro per una città a vocazione turistica. Un contributo comunale che copre per metà le spese, mentre per la restante parte verranno cercati tra sponsor, bandi, tesseramenti e contributi tra i commercianti e gli associati Ascom. Sono tante le(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top