Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 19 settembre 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 08 agosto 2016, 10:56 m.

La Longo Borghini è nell’Olimpo

Olimpiadi di Rio, la ciclista di Ornavasso bronzo nella corsa in linea

ORNAVASSO - Una caduta ci ha tolto sabato una medaglia nella prova in linea maschile e una caduta, probabilmente, ieri ci ha ridato un posto sul podio in quella femminile.

Elisa Longo Borghini ha, infatti, conquistato uno splendido terzo posto nella prova in linea di ciclismo femminile alle Olimpiadi di Rio, coronando una prestazione incredibile in fatto di grinta, tenacia e determinazione. Sembrava quasi che se l’aspettasse: poco prima della partenza, infatti, aveva dichiarato: «Adesso ce la giochiamo fino in fondo». E così è stato.

Il Vco può festeggiare, ancora una volta, una sua atleta che sale sul tetto del mondo: I successi sono di casa da Elisa, però, visto che la mamma, Guidina Dal Sasso, è stata olimpionica di sci da fondo e Nando era tecnico della nazionale. Elisa, però, ha voluto seguire le orme del fratello Paolo, professionista fino al 2014, ed ha scelto la bicicletta.

Mamma Guidina e papà Nando l’hanno seguita in Brasile ed hanno potuto gioire con lei, quasi una predestinata dopo che le era stata ritrovata anche la sua bicicletta, persa a Malpensa.  Insomma tanti piccoli indizi che facevano pensare ad una grande prestazione di Elisa.

La corsa si è giocata tutta negli ultimi dieci chilometri, quando una coppia composta dalla scatenata olandese Van Vleuten  e dalla statunitense Abbott, più guardinga, affronta la discesa finale dopo la rampa di Vista Chinesa con un vantaggio di circa 40’ secondi. Dietro, un terzetto composto da Longo Borghini, Van der Breggen (orande) e Johansson, svedese. Sembra un distacco cristallizzato, ma, alla penultima curva, l’olandese cade e lascia via libera a Mara Abbot, che deve percorrere da sola, in una corsa contro il tempo, gli 11 chilometri rimasti.

A questo punto tutta la tecnica di Elisa Longo Borghini esce allo scoperto ed inizia un inseguimento a tre della battistrada. Il vantaggio si riduce sempre di più. Fino a 400 metri dall’arrivo, quando il terzetto “salta” una stremata Abbot e inizia la volata per decidere le medaglie. L’olandese Van der Breggen taglia per prima il traguardo, precedendo la Johansson, argento, ed Elisa Longo Borghini, medaglia di bronzo, che non riesce a trattenere le lacrime di gioia. Adesso è nell’olimpo del ciclismo.

Sandro Devecchi

Articolo di: lunedì, 08 agosto 2016, 10:56 m.

Dal Territorio

Il Novara Calcio vuole cavalcare l’onda

Il Novara Calcio vuole cavalcare l’onda
NOVARA - Due giorni per recuperare le forze. Domani sera, alle ore 20.30, il Novara sarà di nuovo in campo nel primo turno infrasettimanale di questo interminabile campionato di serie B: l’appuntamento è al “Picco” di La Spezia contro i liguri infarciti di ex, dal nuovo tecnico Fabio Gallo fino all’ultimo arrivato Francesco Bolzoni. Non sarà(...)

continua »

Altre notizie

Incidente in A4, 8 feriti tra cui un bimbo

Incidente in A4, 8 feriti tra cui un bimbo
NOVARA, Incidente stradale con tre veicoli coinvolti lunedì sera 18 settembre, intorno alle 20,40, lungo l'autostrada A4 Torino-Milano, tra i caselli di Marcallo Mesero e Novara Est, il tutto in direzione del capoluogo torinese. A rimanere ferite 8 persone, tra cui anche un bimbo di 11 anni.  Sul posto il personale sanitario, che li ha soccorsi e trasportati in alcuni(...)

continua »

Altre notizie

Concerto per For Life con Amii Stewart al Coccia

Concerto per For Life con Amii Stewart al Coccia
NOVARA, Nuova iniziativa targata For life onlus, lunedì 18 settembre, al teatro Coccia di Novara. Nel teatro novarese si terrà il “Concerto della Vita”, che vedrà protagonista Amii Stewart, cantante statunitense che da anni vive in Italia e a cui si devono successi come “Do it all again” con Mike Francis, “Knock on wood” e molti(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top