Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 24 marzo 2017
 
 
Articolo di: sabato, 16 luglio 2016, 8:45 m.

La “vasca della morte” colpisce ancora

La tragedia del cane Ago

VESPOLATE - La si potrebbe sinistramente ribattezzare “la vasca della morte”. Perché lì è facile che animaletti di campagna (anatroccoli, lepri e persino un daino, ma qualcuno ricorda anche diversi cani) ci finiscano intrappolati senza avere scampo. La stessa tragica fine è accaduta pochi giorni fa ad Ago, un bel cagnolone esemplare maschio di weimaraner, che si trovava a passeggio come al solito con la sua padrona Mara. «Ad un tratto la sua attenzione è stata rapita da una nutria finita nel cavo irriguo che costeggia la strada di campagna che stavamo percorrendo - racconta la malcapitata - e Ago si è buttato in acqua per darle la caccia». In quel punto il cavo Cattedrale - ovvero il cavo irriguo in questione, facente parte della rete Est Sesia che irrora la campagna della Bassa Novarese e che scorre una manciata di metri oltre la cascina Mondurletta incrociando il passaggio del torrente Agogna - ha un corso abbastanza dolce, con argini bassi che costeggiano la poderale sterrata. Ma ben presto quelle stesse acque finiscono in una chiusa che, attraverso una vasca di cemento, induce il flusso dell’acqua in profondità, nel sifone verso la parte tombata del cavo che attraversa sotterraneo il letto dell’Agogna per poi riaffiorare poco oltre e riprendere il suo corso. E’ proprio in quella vasca è finito anche Ago: la chiusa in questo periodo è aperta e «la corrente ha spinto il mio cane nella vasca dalle alte pareti di cemento. Lì il livello dell’acqua non è molto alto ma si creano dei vorticosi mulinelli con una corrente molto forte che trascina sotto, nel cavo tombato: non c’è nessuna griglia protettiva e dopo una lotta spasmodica per nuotare e restare a galla, Ago è stato risucchiato e non l’ho più visto», ricorda la tragedia, ancora affranta. Vani i tentativi di acchiapparlo («sulle parti della vasca non ci sono pioli ai quali agganciarsi e non sapevo come fare per provare a raggiungerlo», rileva la donna).

Di corsa la padrona si è lanciata alla ricerca di aiuto, sperando di incontrare qualcuno. «Devo ringraziare di cuore tutti gli agricoltori che si trovavano in zona e che prontamente si sono dati un gran da fare a cercare il mio cane - sottolinea Mara - Di Ago nessuna traccia per ore, ma grande è stata la mobilitazione. Inutili le battute di ricerca organizzate l’indomani anche dai volontari di Sergent Grey, ai quali si sono uniti i Vigili del Fuoco: sono grata a tutti loro (sul posto anche la Polizia locale in sopralluogo, ndr). Ago mi è stato riconsegnato da alcuni agricoltori che lo hanno ripescato, senza vita, più a valle in territorio di Borgolavezzaro», conclude mestamente. «Quanto accaduto a me non deve più succedere - aggiunge Mara - Non voglio suscitare alcuna polemica, né clamori per ottenere risarcimenti perché il mio cane non tornerà mai più. Vorrei solo portare all’attenzione la questione della sicurezza di quella chiusa, mancante di un parapetto su un lato e di una grata, e sul fatto che la vasca non abbia alcuna scaletta: sarebbe invece davvero utile, soprattutto alle persone, se mai qualcuno ci finisse dentro».

Arianna Martelli

Articolo di: sabato, 16 luglio 2016, 8:45 m.

Dal Territorio

L’Università del Piemonte Orientale "Open" per un giorno

L’Università del Piemonte Orientale "Open" per un giorno
Sabato 1° aprile tutte le sedi dell’Università del Piemonte orientale saranno aperte, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 18, per l’evento di orientamento "Open". Gli studenti delle scuole superiori e le loro famiglie potranno incontrare studenti dell’Ateneo, professori e personale tecnico-amministrativo e partecipare a presentazioni e visite guidate(...)

continua »

Altre notizie

Rosalba Fecchio al vertice del Coni Novara

Rosalba Fecchio al vertice del Coni Novara
Il delegato Coni della provincia di Novara cambia ancora. A distanza di un solo anno, in corrispondenza con i rinnovi sportivi legati al nuovo quadriennio olimpico, Giovanni Mainardi deve cedere lo scettro, per scelta del presidente regionale del Coni Gianfranco Porqueddu, alla professoressa Rosalba Fecchio, 57enne insegnante di educazione fisica al Pascal di Romentino. Mainardi, che era(...)

continua »

Altre notizie

Ubriaco, aggredisce con un coltello il vicino di casa: arrestato

Ubriaco, aggredisce con un coltello il vicino di casa: arrestato
BORGO TICINO, La sera dello scorso 19 marzo, i Carabinieri della Stazione di Borgo Ticino, nel Novarese, hanno tratto in arresto R.M. classe 1973 di Domodossola, già conosciuto dalle Forze dell’Ordine, responsabile dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e di lesioni aggravate.L’uomo, infatti, ubriaco e armato di un coltello da cucina, si era recato poco prima(...)

continua »

Altre notizie

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa

Gli appuntamenti a Novara e dintorni in questi giorni di festa
MOSTRE NOVARA Miserere mei Sino al 29 gennaio è visibile nel quadriportico del Duomo la mostra “Miserere mei. Immagini e visioni in terra gaudenziana”, iniziativa ideata e promossa dell’Ufficio dei Beni culturali della Diocesi di Novara con l’Atl, “Instagramersnovara”, in collaborazione con il Capitolo della Cattedrale novarese, Arcidiocesi(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top