Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 novembre 2017
 
 
Articolo di: venerdì, 19 agosto 2011, 1:58 p.

L’Unione Province Piemontesi prende posizione sul decreto legge del 13 agosto

Nobili: “Una cosa sono i tagli ai costi della politica, un’altra la riforma delle autonomie locali”

TORINO - “Lo Stato sta perdendo il senso dell’ordinamento introducendo disposizioni che, anziché fare chiarezza, confondono. Una cosa sono i tagli ai costi della politica, un’altra la riforma delle autonomie locali. Inserire il riassetto degli enti territoriali – andando a colpire indiscriminatamente solo i più piccoli – in un dispositivo finanziario come la manovra di Ferragosto non solo non produrrà un effettivo risparmio, ma scontrandosi con un’ammissibilità costituzionale disorienta sul piano dell’applicazione pratica. Si tratta infatti di decisioni assunte unilateralmente, senza nessun confronto territoriale, che determineranno un vuoto nell’erogazione di servizi ai cittadini e alle imprese. Preoccupa infatti la mancanza di norme che tengano conto della necessità di riorganizzare le competenze, di delineare le funzioni che ogni livello amministrativo deve esercitare. Per questo chiediamo da subito che il Parlamento deleghi le Regioni a una ridefinizione di confini e dimensioni ottimali delle Province, sentiti i Comuni chene costituiscono la struttura territoriale”.

Così il presidente dell’Unione Province Piemontesi Massimo Nobili riassume le riflessioni emerse con la riunione dell’Ufficio di Presidenza dell’Unione avvenuta ieri a Torino. “Abbiamo esaminato il testo della manovra economica – continua Nobili – esprimendo perplessità sui suoi contenuti. Le critiche sono rivolte all’ulteriore taglio delle risorse destinate a erogare servizi ai cittadini e alle modifiche del sistema di organizzazione dei poteri locali, nel quale, tra l’altro, manca un riferimento esplicito all’istituzione delle Città Metropolitane e alla soppressione di enti, agenzie, aziende e autorità non elettive che svolgono in modo ridondante compiti di gestione e di governo di funzioni di pubblico interesse”.

L’Ufficio di Presidenza delle Province Piemontesi conscio della gravità del momento ha sottolineato l’urgenza, ai fini del contenimento e della razionalizzazione della spesa pubblica, dell’approvazione della Carta delle Autonomie, con la definizione delle funzioni fondamentali in capo alle Province e ai Comuni.

Le Province Piemontesi, richiamando l’attenzione del Parlamento sulla necessità di rispettare le disposizioni Costituzionali, sottolineano i limiti e l’inapropriatezza di una riforma dei poteri locali fatta tramite decreto legge e auspicano che in tempi rapidi possa essere ripreso un serio e fattivo confronto per una partecipata riforma delle Autonomie Locali.

Di questi argomenti i presidenti delle Province Piemontesi discuteranno con il presidente della Regione, Roberto Cota nell’incontro previsto per il prossimo 29 agosto. “Chiediamo che la Regione ci accompagni in un percorso di riassetto territoriale coinvolgendo i Comuni. Sono loro, il primo anello della ossatura istituzionale, a dover decidere sull’appartenenza amministrativa di area vasta” dichiara il presidente Nobili.

Redazione online 

 

Articolo di: venerdì, 19 agosto 2011, 1:58 p.
Articoli correlati I sindaci dei capoluoghi difendono le Province (3) Biondelli sulle Province: “Tagliamole tutte” (3) “Cabina di regia” sulle ripercussioni della spending review sulle Province (2) “Un tavolo di lavoro per una gestione coordinata della transizione” (2) Incontro Presidenti delle Province Piemontesi e Presidente Cota (2) Le province piemontesi raccolgono la sfida del riordino e della razionalizzazione (2) No alla soppressione delle piccole Province (2) Manovra di Ferragosto: continua il dibattito (2) Da Torino a Roma un documento per confermare lo status costituzionale delle province (2) A Cameri approvato il consuntivo (1) Bilancio: l’Udc vota con il centrodestra (1) Giuseppe Vegas alla Facoltà di Economia (1) Le richieste del Movimento 5 Stelle a sindaco e giunta (1) Zacchera: “Verbania ha uno dei migliori bilanci di Italia” (1) I due Moscatelli: Vincenzo e Silvana (1) Manovra economica: la posizione della Uilm-Uil di Novara (1) "Insieme per decidere" nel cortile del Broletto (1) «Il bilancio è pronto, siamo in attesa di saperne di più sui trasferimenti» (1) Un tricolore al Consiglio provinciale di Novara (1) Borgomanero, tagli in tutti i capitoli, tranne il sociale (1) Colpo di scena a Bellinzago (1) Lagostina e Provincia Vco vicini per il futuro della azienda (1) Nobili, accusato da un imprenditore, si difende: «È già pronta la querela» (1) Sbloccati i ristorni dei lavoratori frontalieri (1) Dopo la devastazione, verso la normalità (1) Farmacie: primo pensiero per la nuova Giunta (1) Campo sportivo, cave, politiche giovanili (1) Il Consiglio comunale novarese convocato per giovedì 26 aprile (1) Verbania approva il consuntivo 2011 (1) Il Consiglio comunale novarese approva il bilancio consuntivo 2011 (1) No agli aumenti dei contributi previdenziali per gli artigiani (1) “Insieme per decidere” continua (1) Anche Verbania protesta contro la Finanziaria (1) Chiudere le scuole prima del tempo a Natale? Le Province di Novara e del Vco assicurano di no (1) Digitale terrestre Rai: cambio canali in tre comuni del Novarese (1) Il decreto sul riordino delle Province non sarà convertito (1) Landiona commissariato, poi... Accorpamento con la manovra? (1) «Rimborsi trasferte, macché scandalo!» (1) Plauso dell’Ain alla proposta di istituire la Provincia di Quadrante (1) Strategie per un’unica grande Provincia (1) Una grande Provincia del Nord Piemonte (1) Elezione diretta e quadrante (1) La Provincia di Quadrante è cosa fatta (1) «A Roma a riconsegnare le chiavi» (1) Ballaré a Milano contro i tagli della manovra di Ferragosto (1) Ballaré aderisce allo sciopero dei sindaci (1) Ballaré chiude simbolicamente il Municipio di Novara “per tagli” (1) Il commento della Cna Novara e Vco sulla manovra (1) Dibattito sulla manovra economica lunedì a Novara (1) Duemila persone al corteo contro la manovra promosso dalla Cgil (1) Il sindaco scrive al segretario provinciale della Cgil (1) “Sulle pensioni l’ennesima batosta” (1) “Via le Province, ridurre i compensi a consiglieri e assessori regionali” (1) Sistri: abrogazione per decreto (1) “Indennità di accompagnamento a rischio, come faremo a vivere?” (1)

Tags: province, manovra, bilancio, decreto, Nobili

Dal Territorio

Il Novara cede al Bari

Il Novara cede al Bari
NOVARA - BARI 1-2   NOVARA:  Montipò, Golubovic, Mantovani, Del Fabro, Dickmann,Moscati, Orlandi, Sciaudone (11’ st Chajia), Calderoni, Macheda (20’ st Maniero), Da Cruz (26’ st Di Mariano).  All.:  Corini.   BARI:  Micai, Anderson, Gyömbér, Tonucci, Fiamozzi, Petriccione, Basha (25’ st(...)

continua »

Altre notizie

Protesta al Bellini di via Liguria: laboratori di meccanica al freddo da mesi

Protesta al Bellini di via Liguria: laboratori di meccanica al freddo da mesi
NOVARA, Protesta, questa mattina lunedì 20 novembre, da parte degli studenti dell’istituto Bellini di via Liguria, a Novara. Uno sciopero cui ha aderito la maggior parte dei ragazzi della scuola superiore. La protesta è ben rappresentata da quanto scritto in alcuni striscioni che i ragazzi hanno portato durante la manifestazione, che si è svolta per(...)

continua »

Altre notizie

Don Camillo e Peppone? Sono a Galliate

Don Camillo e Peppone? Sono a Galliate
GALLIATE - Galliate come Brescello. Sta per arrivare a Galliate una “full immersion” nelle atmosfere di Don Camillo e Peppone. E’ in allestimento proprio in questi giorni, a cura della Pro loco, una mostra itinerante, a carattere antologico, all'insegna del "Mondo piccolo" con i personaggi che hanno reso immortale l’autore Giovannino Guareschi. La mostra(...)

continua »

Altre notizie

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto

Chiude la discarica di Barengo, urge trovare un altro impianto
La discarica di Barengo chiuderà nel 2018, è l’unico impianto sul territorio del Novarese per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati e urge trovare un altro impianto dove conferire circa 58.000 tonnellate all’anno. Tre le soluzioni possibili. Il bando di gara si chiude con un vincitore oppure il progetto di un sopralzo. In alternativa prende piede(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top