Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 22 ottobre 2017
 
 
Articolo di: lunedì, 07 novembre 2016, 11:32 m.

L’Igor Volley non si riscatta con la Pomì

Dopo la sconfitta di Bergamo cede anche a Casalmaggiore

NOVARA - Davanti a spalti gremiti quasi in ogni ordine di posto l’Igor Volley non riesce a riscattarsi dalla sconfitta subita sette giorni prima a Bergamo e deve cedere in un’ora e cinquanta di gioco anche di fronte alla Pomì Casalmaggiore. In un certo qual modo la seconda sconfitta consecutiva per la truppa di Fenoglio ha avuto molte similitudini con la precedente; squadra sempre in rincorsa, quasi inesistente a muro, disattenta sui pallonetti, incapace di trovare la chiave per far svoltare il match dalla propria parte. La Pomì, si è dimostrata invece formazione quadrata, organizzata, tutt’altro che fisicamente provata dagli impegni ravvicinati che ha dovuto sostenere negli ultimi 20 giorni ed in cui gli innesti di Lucia Bosetti e Samanta Fabris si sono già fatti pesantemente sentire, ha avuto il merito di scoperchiare al momento giusto le “magagne” novaresi e portarsi a casa i tre punti in palio che la issano in vetta alla classifica di A1 con 10 punti. Igor e Pomì sono in campo con le loro migliori formazioni possibili. Fenoglio preferisce ancora una volta Plak a Pietersen in posto 4 come a Bergamo ma l’inizio della giovane e potente olandese non è dei migliori, così come per il resto della squadra che deve rincorrere le ospiti che provano a scappare subito. Sul -3 (5-8) la panchina azzurra è già costretta a fermare il gioco e al rientro in campo, Barun è protagonista del guizzo che permette di ricucire lo svantaggio fino a -1 (7-8). Come a Bergamo sette giorni prima, Novara non riesce però a invertire la tendenza ed a prendere in mano il match; due battute errate e due palle lunghe di Plak e Piccinini riaprono la falla. Fenoglio toglie Plak per Donà e poi deve stoppare ancora sotto di 4 (14-18). Samanta Fabris, la ex tanto attesa (24 pt per lei alla fine ndr), non sbaglia un colpo dalla sua posizione preferita e la Igor la soffre terribilmente. Il set va in archivio a favore delle casalasche (20-25). Per Novara troppo poco nel parziale il 29% in attacco ed i 6 errori. Nella seconda frazione dentro subito Pietersen per una deludente Plak e con il nuovo assetto l’Igor parte subito con un doppio di Barun ed un attacco diagonale della olandese per l’iniziale 3-0. Si scalda il PalaIgor sui due ace consecutivi di Barun che portano Novara avanti di 4 lunghezze (8-4) e immediato time out di Gianni Caprara che deve poi doppiare la richiesta sul -6 (7-13) dopo che la fast di Chirichella, ben servita da Dijkema, riesce ad andare a segno tre volte consecutivamente evitando il muro di Bosetti e Gibbemayer. Le azzurre però hanno nelle coperture dietro al muro le difficoltà maggiori; la Pomì infatti, giocando con pallonetti chirurgici, riesce a sorprendere Novara e portarsi fino a -2 (15-13). Il video check spazientisce pubblico e squadre in tre occasioni consecutive; troppo il tempo tra richieste, verifica ed esito a dimostrazione che l’apparecchiatura non è ancora al top. Passano infatti in totale più di 5’ per definire il punto del 18-14 di Novara su palla lunga di Fabris e poi un tentativo di ace appena fuori di Piccinini per il 19-15. La P2 azzurra (Piccinini-Pietersen) portano successivamente Novara 23-17 ma la Pomì reagisce, riduce sino a 23-20 ma ancora Pietersen e Bonifacio chiudono la frazione del pareggio (25-21). La prima parte di terzo set si gioca punto a punto; da una parte Barun e Pietersen, dall’altra Fabris e Tirozzi, fanno a gara a chi tira più forte ma ci sono anche tante difese che tengono palla viva ed infiammano la platea. L’equilibrio si spezza solo dopo l’11 pari; due giocate sporche si risolvono a favore delle rosa di Caprara, Piccinini si fa murare da Stevanovic per il +3 Casalmaggiore (11-14). Il time out di Fenoglio non sortisce effetti perché al rientro in campo Fabris si scatena in battuta mettendo in difficoltà Novara che deve cedere altri 3 punti (11-17). L’Igor non sa reagire, accumula ancora altri errori su errori e la Pomì ringrazia portandosi facilmente a casa il set (17-25). Il quarto set l’Igor deve dare tutto ma invece di nuovo deve subito rincorrere (4-6); con fatica il riaggancio è targato Chirichella (6-6) ma il gioco delle cremonesi ha troppa varietà in attacco, solidità a muro e difesa al contrario di quello azzurro che appare con poche certezze a cui attaccarsi. Malgrado ciò la squadra riesce a stare in scia (10-11) grazie a Pietersen, costante positiva in tutte le posizioni, e poi approfittando di due palle lunghe di Stevanovic e Fabris, le azzurre impattano (15-15) facendo credere di poter girare il set a proprio favore. E’ solo però una illusione perché sono nuovamente gli errori a togliere le speranze novaresi di poter portare il tutto al tgie break. La Pomì approfitta delle amnesie azzurre, spinge e scappa via (16-20) e quì Novara non ha più forze in corpo e deve lasciare definitivamente strada alle casalasche che, come nella frazione precedente, non lasciano scampo (21-25).

Attilio Mercalli    

Articolo di: lunedì, 07 novembre 2016, 11:32 m.

Dal Territorio

Igor Volley in festa al Teatro Coccia

Igor Volley in festa al Teatro Coccia
NOVARA - Il Teatro Coccia addobbato a festa, griffato in ogni angolo con il tricolore dello scudetto e gremito in ogni ordine di posto, è stato protagonista anche quest’anno dell’apertura ufficiale, ieri sera, della stagione agonistica della Igor Volley Novara, neo campione d’Italia, con la presentazione della squadra. Anche in questa occasione, Lorenzo Dallari, vice(...)

continua »

Altre notizie

Incidente in A4, coinvolti bimbo di 2 anni e donna incinta

Incidente in A4, coinvolti bimbo di 2 anni e donna incinta
NOVARA, Incidente stradale intorno alle 19,30 di venerdì 20 ottobre lungo l'autostrada A4, tra i caselli di Novara Est e Novara Ovest (direzione Torino). Due le autovetture coinvolte, una con a bordo quattro persone, tra cui un bambino di circa due anni e una donna in stato di gravidanza, e l’altra con a bordo solo il conducente. Tutte le persone sono state portate(...)

continua »

Altre notizie

Dagli studenti il “Canto alla città”

Dagli studenti il “Canto alla città”
NOVARA - Il Faraggiana si apre ancora alla città e la rende protagonista. Questa sera, giovedì 19 ottobre alle 21, e replica domani alla stessa ora, sale il sipario sulla nuova sagione del teatro novarese, la seconda dopo la rinascita: in cartellone “Canto alla città 2.0 – Il verbo degli uccelli”. Sul palco Lucilla Giagnoni, attrice e autrice del(...)

continua »

Altre notizie

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"

Corsi aperti a Borgomanero, la proposta: "Prima ora di sosta gratuita"
Borgomanero  - “Sembrava di essere in un giorno normale, quando lungo i quattro corsi e in piazza Martiri le auto circolano liberamente”: questo uno dei commenti a caldo raccolti tra i commercianti del centro cittadino venerdì pomeriggio, riaperto al traffico automobilistico nell’ambito di un progetto sperimentale che prevede per la durata di sei mesi, sino al 2(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top