Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 19 gennaio 2018
 
 
Articolo di: lunedì, 11 dicembre 2017, 10:11 m.

L’Aids non si ferma, Novara più a rischio

Parola d’ordine: prevenzione

NOVARA - Oltre 400 ragazzi hanno gremito l’aula magna dell’Università del Piemonte Orientale per seguire il convegno che celebrava la giornata mondiale della lotta all’Aids. Dopo il saluto del vicesindaco di Novara, Angelo Sante Bongo che, da medico, ha sottolineato l’importanza dell’informazione e della comunicazione soprattutto verso i giovani, è toccato a Gabriella Colla, dell’Ufficio scolastico regionale, porre la prima riflessione , attraverso una drammatica esperienza personale: «Ho perso un cugino a soli 30 anni, ucciso dall’Aids. Un ragazzo d’oro che ha preso una serie di decisione sbagliate che sono costate care, carissimo. Ragazzi, attenzione l’Aids non è uno scherzo, un atteggiamento superficiale può trasformarsi in una condanna a vita».
Moderati da Sandro Devecchi del Corriere di Novara, si sono succeduti gli oratori che hanno posto l’accento su tutti gli aspetti dell’Hiv e delle sue drammatiche conseguenze. 
Il presidente della scuola di Medicina Upo, Marco Krengli, ha introdotto le relazioni prettamente mediche, sottolineando la diffusione del virus e il continuo progresso in campo medico. «L’Italia - ha detto - attualmente è in tredicesima posizione in Europa».
Le ostetriche Rita Pedroni, referente del Dipartimento Materno Infantile dell’Asl No, e Arianna Ferrario (attualmente in servizio a Vimercate) non hanno usato mezze misure. La prevenzione è fondamentale nella lotta contro l’Aids. «Soprattutto quando il problema investe gli adolescenti che, nonostante i molti mezzi d’informazione che hanno a disposizione, spesso si affidano a Internet, ma senza aver la capacità di distinguere l’informazione seria dalle bufale». Un ruolo importante, per non dire decisivo, ricopre anche la scuola, che «dovrebbe garantire un maggiore spazio informativo». Insomma conoscere il virus, sapere la differenza tra sieropositivo e malato di Aids,  e, soprattutto, sapere come si trasmette e conoscere il modo per evitarne il contagio. Ovvero prevenzione.
Gianni Rizzo, responsabile dell’ambulatorio Hiv  e delle sindromi correlate, non nasconde la tristezza quando parla di un ragazzino che si è spento nel suo reparto a 14 anni: «Sono passati vent’anni, ma non riesco a dimenticarlo». I tempi sono cambiati. Prima era la droga il veicolo principale dell’infezione, ora, invece, sono i rapporti etero e omosessuali. Quest’anno i caso in Italia i nuovi casi sono 3451, in diminuzione, ma i casi conclamati sono 69.000 (rispetto ai 57mila del 2006) e 44.254 i decessi».
Olivia Bargiacchi, dirigente medico della struttura complessa Malattie infettive dell’Ospedale, ha ricordato i dati piemontesi e novaresi. In Piemonte ogni anno circa 300 piemontesi scoprono di aver contratto l’Hiv. A Novara i dati sono allarmanti: «Abbiamo assistito nel 2016 ad un’incidenza di 8,7 nuovi casi ogni 100mila abitanti, mentre la media regionale è solo del 5,8.
Clarissa Brusati

Leggi di più sul Corriere di Novara in edicola 

Articolo di: lunedì, 11 dicembre 2017, 10:11 m.

Dal Territorio

Igor Volley, una sconfitta che brucia

Igor Volley, una sconfitta che brucia
OSIMO - Dopo Busto anche Novara viene costretta alla sconfitta al tie break dalla Lardini Filottrano, dimostratasi in casa molto difficile da affrontare ma l’Igor non è stata sicuramente all’altezza del suo nome. Una sconfitta incredibile che brucia: la squadra azzurra, presentatasi nelle Marche in piena emergenza, ha ad un certo punto rischiato anche una più che(...)

continua »

Altre notizie

Sessantenne colpito da un albero a Cureggio

Sessantenne colpito da un albero a Cureggio
CUREGGIO, G.Z., 64enne di Cureggio, nel Novarese, è rimasto gravemente ferito dalla caduta di un albero. Soccorso dall'elicottero del 118, è stato portato al Cito di Torino.  L'episodio è avvenuto poco dopo le 16 nei pressi di un terreno di via Carlottina.  Qui si stava tagliando e abbattendo un albero di alto fusto. Quanto la pianta è caduta(...)

continua »

Altre notizie

Ragazzi Harraga, mostra al Broletto

Ragazzi Harraga, mostra al Broletto
NOVARA - Martedì prossimo verrà inaugurata al Broletto “Sguardi sui ragazzi harraga”, la mostra fotografica che racconta del progetto pilota, partito da Palemo, di accoglienza e, soprattutto d‘inserimento lavorativo e abitativo, dei giovani migranti che giungono in Italia soli. L’iniziativa è curata dal Ciai (Centro Italiano aiuti(...)

continua »

Altre notizie

I sentieri del vino Boca e l’Unesco

I sentieri del vino Boca e l’Unesco
Una cartina per favorire la conoscenza a livello internazionale di un territorio storico del Novarese e i suoi vini preziosi. Dalla collaborazione tra Il Club per l’Unesco Terre del Boca e i produttori del Boca doc è nata “I sentieri del vino. Percorsi tra i vigneti del Boca doc”. La cartina,  è stata presentata ufficialmente prima di Natale nella(...)

continua »

Altre notizie

^ Top