Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 18 febbraio 2018
 
 
Articolo di: giovedì, 09 novembre 2017, 5:06 p.

Integrazione tra oncologia e cure palliative: riconoscimento internazionale per l'ospedale di Novara

Sono solo 185 i centri accreditati in tutto il mondo

NOVARA - L’Azienda ospedaliero-universitaria “Maggiore della Carità” di Novara è stata inserita dall’Associazione europea di oncologia medica (Esmo) tra i centri accreditati per l’integrazione tra oncologia e cure palliative (185 in tutto il mondo, 38 in Italia di cui 2 in Piemonte); la certificazione è stata consegnata ufficialmente a Madrid, nel corso del congresso Esmo di quest’anno.
Nel corso del 2017  è stato realizzato un nuovo percorso clinico condiviso tra i servizi di Cure Palliative e di Oncologia Medica, concretizzando la visione più moderna dell’integrazione tra cure palliative ed oncologia: le Simultaneous Care.
Questo approccio segna un passaggio culturale importante rispetto al recente passato, in cui il trattamento oncologico e quello palliativo avevano finalità differenti ed erano applicati in momenti diversi del percorso di malattia: ora, ai malati per cui è necessario il trattamento del dolore e dei sintomi, è garantito l’accesso precoce alle cure palliative, contemporaneamente ai trattamenti oncologici, per ridurre l’impatto sulla vita quotidiana dei sintomi della malattia e degli effetti collaterali della  terapia oncologica. Il paziente, se necessario, viene inviato direttamente dall’oncologo presso il Servizio di Cure Palliative, dove è stato realizzato un ambulatorio dedicato (nella sede staccata di viale Piazza D’Armi, l’ex San Giuliano).
Il progetto, guidato dai direttori delle due strutture, rispettivamente la dottoressa Elvira Catania ed il professor Marco Krengli, si è rapidamente concretizzato nell’assistenza di circa 200 pazienti a meno di un anno dall’inizio della fase operativa. Il concetto di simultaneous care si declina con evidenza in due punti chiave: la stretta collaborazione tra oncologo e palliativista e la condivisione del percorso clinico in tutte le sue fasi. Per questo è in realizzazione un progetto di costante integrazione con le cure palliative anche per i pazienti ricoverati presso il reparto di Oncologia Medica.

Articolo di: giovedì, 09 novembre 2017, 5:06 p.

Dal Territorio

Per il Novara pareggio tra gli applausi

Per il Novara pareggio tra gli applausi
NOVARA – SPEZIA 1 - 1   NOVARA : Montipò, Golubovic, Mantovani, Chiosa, Dickmann (32’ st Maniero), Casarini, Ronaldo (24’ st Orlandi), Calderoni, Moscati, Sansone (41’ st Di Mariano), Puscas.  All.:  Di Carlo. SPEZIA:  Di Gennaro, De Col, Terzi, Giani, Lopez, Mora (21’ stMaggiore), Bolzoni,(...)

continua »

Altre notizie

Soccorso persona in via Corridoni: 68enne ritrovato privo di vita in casa

Soccorso persona in via Corridoni: 68enne ritrovato privo di vita in casa
NOVARA, I Vigili del fuoco di Novara sono intervenuti poco dopo le 14 in via Corridoni per un soccorso persona all'interno della propria abitazione. I Vigili del comando di via Generali, dopo essere riusciti a entrare nell'alloggio, hanno purtroppo trovato il corpo privo di vita di un uomo di 68 anni, che sarebbe deceduto per cause naturali. Sul posto anche il 118. mo.c.

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top