Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 19 febbraio 2018
 
 
Articolo di: lunedì, 20 novembre 2017, 2:35 p.

Inquietanti ritrovamenti al cimitero di Lumellogno

Indagano le Forze dell’Ordine

NOVARA, Resti di riti voodoo o di riti propiziatori? Ritrovamenti a dir poco inquietanti emersi sabato al cimitero di Lumellogno, a Novara. A rintracciarli, l’ex presidente del Quartiere, Carlo Migliavacca, che ha subito denunciato l’episodio sui social e ai giornali locali, oltre che alle Forze dell’Ordine (foto Migliavacca e Martignoni). Ha trovato candele spezzate, cesti di vimini contenenti gusci d’uovo, fagioli, mais, foglie “impacchettate” di banano... «Sono tre le situazioni riscontrate, - racconta - ciò significa che il luogo viene periodicamente utilizzato per questi riti che ritengo siano riti voodoo ... Ho chiamato immediatamente la Polizia che è intervenuta con una pattuglia e, verificata la realtà dei fatti, si è attivata per le relative indagini». La medesima ipotesi di lettura la fornisce Elia Impaloni, presidente dell’associazione Liberazione e Speranza: «Quando ho mostrato le foto alla mediatrice culturale che collabora con l’associazione, ha riconosciuto in quegli oggetti i segni delle cerimonie voodoo che vengono praticate, soprattutto in Nigeria, per obbligare le ragazze vittime della tratta a prostituirsi, minacciando i loro familiari. Non abbiamo la certezza che si tratti proprio di quello, ma se così fosse sarebbe davvero un segnale inquietante. Significherebbe che questi riti di iniziazione stanno cominciando ad essere praticati anche qui da noi». Sempre all’ambito della prostituzione, ma ad altro tipo di riti, pensa invece Giovanni Ristuccia, presidente dell’associazione Sos Antiplagio: «Non essendoci traccia di viscere o resti animali - dice - sono più propenso a credere che non sia voodoo, ma si tratti di riti propiziatori di origine afro-brasiliana, sempre legati al mondo della prostituzione e dei viados. Magari costretti dagli sfruttatori a praticarli per avere più clienti, e dunque procacciare loro più denaro, dunque riti propiziatori».

l.c./mo.c.
Per sapere di più leggi il Corriere di Novara in edicola

Articolo di: lunedì, 20 novembre 2017, 2:35 p.

Dal Territorio

Lite a Cerano con accoltellamento: a processo uno per tentato omicidio, l’altro per lesioni

Lite a Cerano con accoltellamento: a processo uno per tentato omicidio, l’altro per lesioni
NOVARA, E’ stato aggiornato all’11 maggio, in Tribunale a Novara, un processo che vede al centro del dibattimento una lite che, a Cerano, nella tarda serata del 22 maggio 2015, si era conclusa con due feriti, uno più grave (che era finito in ospedale in Rianimazione) e uno più lieve. L’episodio era avvenuto in piazza Crespi. In quell’occasione due(...)

continua »

Altre notizie

Volley la Igor conquista la Coppa Italia

Volley la Igor conquista la Coppa Italia
Grande Igor Volley a Bologna. Contro Conegliano conquista la Coppa Italia imponendosi per 3 a 1. Dopo la Supercoppa italiana arriva anche il secondo sigillo per le novaresi. Sul Corriere di Novara di lunedì 19 febbraio cronaca e commenti del trionfo azzurro.  Foto www.agilvolley.com 

continua »

Altre notizie

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione

Vercelli e Novara Sposi: 1ª edizione
Per il primo anno viene organizzata al quartiere fieristico di Vercelli a Caresanablot la 1ª edizione di Vercelli e Novara Sposi, l’evento rivolto alle coppie in procinto di sposarsi. Una manifestazione che si inserisce all’interno di un circuito di ben 24 fiere sul matrimonio che da fine settembre fino a metà febbraio 2018 porta il format in giro per il Nord Italia(...)

continua »

Altre notizie

Il territorio ribadisce il no a Shell

Il territorio ribadisce il no a Shell
«In questa fase solo “ascolto” del terreno, nessuna attività perforativa sul territorio; un contributo importante alla ricerca scientifica (possibili collaborazioni con Università); impatto ambientale pressoché nullo grazie a tecnologie all’avanguardia. E ancora: non più di 3-4 mesi, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni per(...)

continua »

Altre notizie

^ Top