Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 19 settembre 2017
 
 
Articolo di: martedì, 11 luglio 2017, 6:39 p.

Industria novarese, previsioni congiunturali positive anche per il terzo trimestre

Ravanelli: "Il peggio è ormai davvero alle spalle"

NOVARA - Secondo le previsioni congiunturali elaborate dall’Associazione Industriali di Novara per il terzo trimestre del 2017, il saldo tra gli imprenditori che si dichiarano ottimisti e quelli che sono pessimisti sull’incremento della produzione si mantiene sui valori più alti dell'ultimo decennio, nonostante un lieve calo da 21,5 a 19 punti, rimanendo molto superiore alla media piemontese che scende, invece, da 16,9 a 9,9 punti.

I saldi ottimisti/pessimisti relativi alle attese di ordini totali registrano una contrazione da 19,1 a 13,7 punti (la media regionale cala da 16,2 a 9,6 punti), mentre le previsioni di esportazioni proseguono in una crescita che dura da oltre un anno, passando da 10,6 a 12,2 punti, a fronte della riduzione da 9,9 a 8,8 punti del dato piemontese. «La conferma che attendevamo nelle precedenti rilevazioni – commenta il presidente dell’Ain, Fabio Ravanelli – sembra finalmente essere arrivata e la ripresa, nonostante i consumi interni ancora deboli, si sta consolidando anche a livello strutturale. Il peggio è ormai davvero alle spalle; ora dobbiamo cogliere tutte le opportunità per ritrovare una crescita solida, sostenibile e, soprattutto, duratura».

Anche il fronte occupazionale prosegue nel trend positivo dello scorso trimestre, con un saldo ottimisti/pessimisti sulle aspettative di nuove assunzioni in crescita da 15,2 a 18 punti (9 punti la media regionale), nonostante un incremento dall’1,5% al 3,6% delle aziende che dichiarano l’intenzione di ricorrere alla Cassa integrazione guadagni (sono l’8,1% in Piemonte). «Il dato sulla Cig – osserva il direttore dell’Ain, Aureliano Curini – è comunque positivo perché rimane sui livelli minimi dell’ultimo decennio, mentre prospettive di ampliamento degli organici ai massimi da dieci anni, pur riflettendo l’intonazione positiva dell’economia manifatturiera provinciale, non devono far dimenticare che i livelli occupazionali “pre-crisi” non saranno più raggiungibili, quantomeno nel medio termine».

Rimane su buoni livelli, nonostante il calo dal 38,2% al 35,3% (28,2% la media piemontese), l’indicatore relativo agli investimenti “significativi”, mentre crescono dal 43,5% al 46,8% le previsioni di investimenti “marginali” da parte delle imprese novaresi (46,6% il dato regionale). «Che oltre un terzo delle nostre industrie – aggiunge Ravanelli – abbia in programma investimenti “significativi” è un dato positivo, ma non ancora sufficiente per dare vero slancio alla crescita. Bisogna, infatti, premere l’acceleratore su “Industria 4.0”, utilizzando tutte le opportunità, anche in termini di agevolazioni fiscali e finanziarie, offerte dall’omonimo piano nazionale. Per consentire alle aziende di comprendere pienamente la portata della rivoluzione in atto e cogliere al massimo i benefici delle misure in essere è stato recentemente costituito il “Digital Innovation Hub Piemonte”, di cui anche l’Ain è socio fondatore, che permetterà la diffusione della conoscenza sulle tecnologie più adeguate e offrirà formazione avanzata per compiere quel salto di qualità che è indispensabile per affrontare le sfide future».

In crescita, infine, ma sempre attestato a livelli minimi, l’indicatore relativo all’andamento dei ritardi negli incassi, che sono segnalati dal 28,7% delle imprese contro il 22,3% del secondo trimestre e il 29,8% della media regionale.

A livello settoriale si consolidano le positive aspettative di produzione in tutti i comparti, compreso l’alimentare che aveva registrato tre trimestri consecutivi in calo. Nel metalmeccanico, dove il 41,3% di aziende ha in programma investimenti “significativi”, i saldi ottimisti/pessimisti sulle attese di ordini totali registrano però una contrazione da 20 a 4,3 punti e aumentano le richieste di Cassa integrazione e i ritardi negli incassi. Più stabile il chimico, con saldi ottimisti/pessimisti su produzione e ordini totali a 27,8 punti, e il tessile-abbigliamento, in cui gli stessi saldi sono positivi, per la prima volta dopo quattro anni, da due trimestri consecutivi.

Articolo di: martedì, 11 luglio 2017, 6:39 p.

Dal Territorio

Il Novara Calcio vuole cavalcare l’onda

Il Novara Calcio vuole cavalcare l’onda
NOVARA - Due giorni per recuperare le forze. Domani sera, alle ore 20.30, il Novara sarà di nuovo in campo nel primo turno infrasettimanale di questo interminabile campionato di serie B: l’appuntamento è al “Picco” di La Spezia contro i liguri infarciti di ex, dal nuovo tecnico Fabio Gallo fino all’ultimo arrivato Francesco Bolzoni. Non sarà(...)

continua »

Altre notizie

Incidente in A4, 8 feriti tra cui un bimbo

Incidente in A4, 8 feriti tra cui un bimbo
NOVARA, Incidente stradale con tre veicoli coinvolti lunedì sera 18 settembre, intorno alle 20,40, lungo l'autostrada A4 Torino-Milano, tra i caselli di Marcallo Mesero e Novara Est, il tutto in direzione del capoluogo torinese. A rimanere ferite 8 persone, tra cui anche un bimbo di 11 anni.  Sul posto il personale sanitario, che li ha soccorsi e trasportati in alcuni(...)

continua »

Altre notizie

Concerto per For Life con Amii Stewart al Coccia

Concerto per For Life con Amii Stewart al Coccia
NOVARA, Nuova iniziativa targata For life onlus, lunedì 18 settembre, al teatro Coccia di Novara. Nel teatro novarese si terrà il “Concerto della Vita”, che vedrà protagonista Amii Stewart, cantante statunitense che da anni vive in Italia e a cui si devono successi come “Do it all again” con Mike Francis, “Knock on wood” e molti(...)

continua »

Altre notizie

Riso, «indispensabile essere uniti»

Riso, «indispensabile essere uniti»
SAN PIETRO MOSEZZO - «Siamo in un mercato ormai globale. L’Italia non è l’unico Paese che produce riso, e nemmeno l’unico che produce buon riso. Per questo dobbiamo imparare a “venderci” meglio e a mantenere una filiera che negli anni ha sempre saputo distinguersi per unità: solo così usciremo dal guado legato alla nuova politica agricola(...)

continua »

Altre notizie

youkata - sidebar id 34
^ Top